Pubblicità
Regno Unito

Nel Regno Unito, Facebook ha pagato meno tasse del lavoratore medio

Lo scorso anno, l'azienda di Mark Zuckerberg ha versato nelle casse del Regno Unito solo 5.800 euro di tasse. L'inglese medio ne ha pagati quasi mille in più.

di Sally Hayden
13 ottobre 2015, 1:40pm

Foto di Peter DaSilva/EPA

Pare che i dipendenti di Facebook nel Regno Unito stiano guadagnando un sacco di soldi: in media, l'anno scorso hanno intascato circa 280.000 euro a testa tra stipendi e bonus. Tuttavia, l'azienda ha pagato solo 5.800 euro circa di tasse per lo stesso periodo.

Questo vuol dire che Facebook nel 2014 ha versato meno tasse del lavoratore britannico medio, che invece ha pagato 6.684 euro di tasse sul lavoro.

Lo scorso anno la company americana ha distribuito più di 47 milioni di euro in azioni omaggio ai suoi 362 dipendenti nel Regno Unito, contribuendo a una perdita al lordo delle imposte di circa 37,5 milioni di euro. Secondo il Guardian, ciò gli avrebbe permesso di ridurre le tasse da pagare.

Come affermato da Markus Meinzer, un analista del Tax Justice Network, secondo gli avvocati societari "questi espedienti sono pienamente legali."

Inoltre, ha spiegato che alcune recenti modifiche alle leggi britanniche - in particolare la cosiddetta "diverted profit tax," anche nota come "Google tax" - dovrebbero "evitare che le multinazionali istituiscano dei programmi troppo aggressivi di elusione fiscale." Ma è evidente come tutto ciò non stia esattamente funzionando.

Leggi anche: In Brasile le armi da fuoco uccidono cinque persone ogni ora

Meinzer ha spiegato che in questo caso le azioni di Facebook "dovrebbero essere soggette a revisione da parte di un ispettore del fisco, e solo dopo si potrà stabilire" se siano legali o meno. "Non ci sono prove che le azioni siano illegali, ma non è stato ancora verificato che siano pienamente legali," ha aggiunto.

"I cittadini saranno giustamente confusi e arrabbiati per le poche tasse che paga, ma Facebook ha il diritto di affermare che sta rispettando le leggi britanniche. Questo dimostra che c'è un problema con le nostre complesse regole di tassazione, e che i politici dovrebbero affrontare la questione con una certa urgenza."

"Dobbiamo semplificare il nostro sistema di tassazione per eliminare ogni possibile falla. Dobbiamo anche fare in modo che le nostre tasse siano basse per aumentare la nostra competitività, e far sì che le società vengano a investire nel nostro paese."

"Si tratta di una lotta tra lo spirito della legge e la sua interpretazione alla lettera," ha spiegato il deputato conservatore Mark Garnier, membro della Treasury Select Committee, la Commissione parlamentare che si occupa di monitorare i bilanci e le azioni del Tesoro britannico. "In fin dei conti l'evasione fiscale è illegale quando decidi deliberatamente di non pagare le tasse, occultando i tuoi guadagni."

Leggi anche: Il 17enne che combatte contro gli sgomberi dei campi rom francesi

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook
Segui Sally Hayden su Twitter: @sallyhayd