Pubblicità
droghe

Negli Stati Uniti l'eroina uccide i bianchi più di ogni altro — e nessuno sa perché

Negli Stati Uniti, i morti per overdose da eroina sono quasi triplicati tra il 2010 e il 2013.

di Tess Owen
28 gennaio 2016, 2:40pm

Foto di David Ryder/Reuters

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

La gravità dell'epidemia di eroina che sta affliggendo gli Stati Uniti ha investito il dottor Jeremy Engel nell'agosto 2012.

Engel, un medico di famiglia del nord del Kentucky, ricorda come cinque dei suoi 18 pazienti gli abbiano raccontato di avere un figlio o un nipote eroinomane, o che era andato in overdose. Nel giro di poche ore, una donna è entrata nel suo studio e gli ha detto che la figlia aveva bisogno di cure perché era dipendente dall'eroina. Il suo collega nell'unità di emergenza, poi, ha accennato al fatto che anche loro avevano ricoverato un paziente in overdose da eroina per una dialisi renale.

Scene simili continuano a ripetersi negli studi medici di tutti gli Stati Uniti. Secondo i dati del Centro per i Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) su 60 milioni di morti accertate, il tasso di decessi per overdose è quasi triplicato dal 2010 al 2013. Le morti non erano concentrate in una singola regione, e le vittime erano sia ricche che povere. Ma la stragrande maggioranza aveva una cosa in comune: erano bianchi. 

Un'analisi dei dati del CDC pubblicata sul New York Times ha rilevato un aumento dei decessi di adulti bianchi tra i 25 e i 34 anni—fatto che rende questa generazione "la prima dalla metà degli anni Sessanta, durante la guerra del Vietnam, a riscontrare un tasso di decessi in età adulta più alto della generazione precedente." Ma mentre il tasso di mortalità dei bianchi sta crescendo costantemente, il tasso di decessi dei neri e degli ispanici continua a ridursi, e nessuno sembra concordare sulle ragioni che stanno dietro a questo fenomeno.

"Ha colpito i bianchi di ogni categoria socio-economica," ha detto il dottor Andrew Kolodny, a capo del team medico di Phoenix House, un'organizzazione no-profit che si occupa di abuso di droga in dieci stati americani. "L'elemento chiave è l'esposizione agli oppioidi."

Leggi anche: In Italia l'eroina non se n'è mai andata

Kolodny ritiene che il problema riguardi soprattutto i bianchi a causa della correlazione tra la prescrizione di oppioidi e la dipendenza. Tra il 1997 e il 2011, il numero di persone che hanno chiesto aiuto per curare la dipendenza da oppioidi è cresciuta del 900 per cento. Nello stesso periodo, gli antidolorifici a base di oppioidi come l'ossicodone - venduto negli Stati Uniti col nome OxyContin a partire dal 1996 - hanno causato il 75 per cento delle morti per overdose.

Nel 2013, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato delle regole più severe sull'uso delle pillole di ossicodone, cosa che ha fatto aumentare il prezzo del farmaco venduto illegalmente. Gli americani che erano già dipendenti sono passati all'eroina, che viene smerciata soprattutto dai cartelli messicani: la 'black tar' (catrame nero), per esempio, viene ricavata dai papaveri che crescono sulle montagne della Sierra Madre, in Messico, e offre un'alternativa economica e molto potente agli antidolorifici.

A che punto il problema è diventato 'bianco'? Secondo Kolodny, citando uno studio che ha analizzato i dati di Medicare (un programma governativo di assicurazione medica) raccolti tra il 2007 e il 2012 per identificare i trend delle prescrizioni di oppiacei, il razzismo latente dei medici potrebbe essere una delle spiegazioni più plausibili. Secondo questo studio, ai pazienti bianchi venivano prescritti oppiacei con un tasso più alto rispetto alle altre minoranze.

'Ha colpito i bianchi di ogni categoria socio-economica.'

"Lo stereotipo secondo cui le minoranze hanno più probabilità di sviluppare una dipendenza è radicata nella memoria recente di due epidemie legate alla droga - l'eroina negli anni Settanta e il crack alla fine degli anni Ottanta - che hanno colpito in maniera sproporzionata le minoranze a basso reddito," ha detto Kolodny.

Lo studio citato da Kolodny non è l'unico caso in cui la comunità sanitaria è accusata di discriminazioni. Nel 2007, i ricercatori del Disparities Solutions Center, affiliato all'università di Harvard e al Massachusetts General Hospital, hanno riscontrato un pregiudizio diffuso tra i medici e hanno concluso che l'etnia può determinare il tipo di cure ricevute dal paziente. 

Leggi anche: L'Italia continua a spendere un sacco di soldi per tenere in carcere i tossicodipendenti

Sam Quinones è autore di Dreamland: The True Tale of America's Opioid Epidemic, un libro che racconta l'avvento dell'ossicodone e spiega come i trafficanti messicani di eroina siano riusciti a soddisfare la domanda crescente per gli oppiacei. Quinones non ritiene che quella dei 'dottori razzisti' sia l'unica causa della disparità del numero di morti tra i bianchi e le altre etnie per cause collegate a oppiacei.

"Ci sono così tanti dottori," ha detto Quinones. "Non penso che tutti abbiano questo pregiudizio."

Secondo Shannon Monnat, assistente di sociologia alla Penn State University, i dati sosterrebbero l'intuizione di Quinones. Monnat ha svolto ricerche approfondite sulla demografia della dipendenza da oppioidi, e ritiene che la disparità delle overdose sia legata alla copertura delle assicurazioni sanitarie e all'accesso alle cure mediche, per cui è più probabile che un bianco si rechi da un medico rispetto a un nero—aumentando quindi le probabilità che torni a casa con degli antidolorifici.

"I pazienti che vedono regolarmente lo stesso dottore hanno più opportunità di costruire con il proprio medico una relazione personale, basata sulla fiducia." E i medici - ha aggiunto - potrebbero sentirsi più a loro agio a prescrivere gli oppioidi a pazienti che conoscono meglio. 

I dati raccolti dal CDC mostrano che nel 2012 il 13 per cento dei bianchi sotto ai 65 anni non aveva un'assicurazione sanitaria, rispetto al 18 per cento degli afro-americani e al 30 per cento degli ispanici. I neri e gli ispanici avevano anche più probabilità di rimandare o non cercare l'aiuto di un medico a causa dei costi elevati. 

'Le persone pagano moltissimi soldi per le visite mediche. Non importa quale sia la loro etnia.'

Secondo Quinones, tuttavia, la proliferazione delle cosiddette "pill mills" - organizzazioni in cui dottori dispensano ricette per gli oppiacei senza troppi scrupoli - ha contribuito alla diffusione delle dipendenze. Ha suggerito anche che l'"affluenza," - un termine usato per descrivere il malessere che affligge le persone particolarmente facoltose - potrebbe aver portato più cittadini bianchi ad abusare delle pillole e a provare l'eroina.

"Ci sono molti casi in cui gli scrupoli e l'etica [del medico] non entrano proprio nell'equazione," ha detto. "Le persone pagano moltissimi soldi per le visite mediche. Non importa quale sia la loro etnia."

Ma potrebbe esistere un'altra spiegazione: l'epidemia della droga che ha devastato le minoranze degli Stati Uniti negli anni Settanta, Ottanta e Novanta ha creato un'avversione comune per le droghe come l'eroina e il crack. Marcus Anthony Hunter, un assistente di sociologia e studi afro-americani alla UCLA, ha affermato che le minoranze sentono ancora gli effetti della tolleranza zero usata dalle forze di polizia per affrontare quelle epidemie. 

Secondo Hunter, nonostante la dipendenza sia ancora un problema per le minoranze che vivono nei centri urbani, i controlli costanti effettuati dalle forze di polizia hanno reso molto difficile acquistare sostanze stupefacenti. La sua ipotesi è che gli spacciatori di eroina nei sobborghi prevalentemente bianchi abbiano un vantaggio imprenditoriale rispetto alle controparti nei quartieri urbani abitati dalle minoranze, dato che è molto meno probabile che siano perseguiti dalla polizia.

"Ora che i problemi legati alla droga hanno chiaramente raggiunto i sobborghi bianchi, le questioni legate alla moralità sono state messe in discussione in modi che non erano accessibili alle minoranze dei centri urbani," ha detto Hunter. "Mentre le aree urbane abitate dalle minoranze sono considerate focolai di immoralità, i sobborghi bianchi sono ritenuti una barriera onesta e rispettabile ai mali della droga. Alla fine, nessuna delle due affermazioni è del tutto vera."

Leggi anche: L'altra guerra: tra i sieropositivi e gli eroinomani ghettizzati in Ucraina

Indipendentemente dalla ragione per cui i bianchi sono più colpiti, il risultato è che le autorità stanno affrontando l'epidemia attuale in modo diverso da quelle precedenti. Molti stati stanno finanziando programmi per la riduzione del danno, e favoriscono nuove tecnologie mediche e la riabilitazione rispetto alla criminalizzazione e al carcere. Finora il nuovo modello pare funzionare.

I programmi che utilizzato il naloxone, un antidoto alle overdose venduto col nome Narcan, sono riusciti a fermare 26.000 overdose dal 1996. Un rapporto della Harm Reduction Coalition ha rilevato che fino a giugno 2014, negli Stati Uniti sono stati lanciati almeno 644 "programmi comunitari per la prevenzione delle overdose da oppioidi" che forniscono il naloxone ai tossicodipendenti o ai loro familiari.

La maggiore disponibilità del naloxone ha avuto un affetto marcato in alcune aree. A Brockton, una città a sud di Boston, prevalentemente bianca e con 94.000 abitanti, ci sono in media tre overdose al giorno. Ma tra il 13 e il 17 gennaio, nessuna delle 45 overdose da eroina registrate in città sono state mortali, grazie al naloxone usato per resuscitare le vittime.

Altre zone del paese sono meno innovative. Engel, il medico di famiglia del Kentucky, è stanco di vedere famiglie spezzate dalle morti per overdose e dalla dipendenza. Il medico ritiene che si possa affrontare la dipendenza da eroina con un uso appropriato di diversi farmaci, ma ha spiegato che le cliniche per la cura delle dipendenze, soprattutto nelle zone rurali, sono lontane e molto sparse. Alcuni medici non sono molto propensi a lavorare con i pazienti. 

"C'è un grosso stigma," ha detto. "I medici non vogliono assumersi il rischio."

Ha raccontato che il nord del Kentucky è stato particolarmente colpito dalla dipendenza dagli oppioidi e dall'eroina, e che la comunità nella sua zona - che è prevalentemente bianca - deve rivoluzionare il suo approccio se vuole porre fine all'epidemia.

"In Kentucky le persone sono molto testarde," ha concluso. "Le persone preferiscono fare le cose male ma farle a modo loro, piuttosto che farle bene. Ma le cose vanno fatte con criterio, per risolvere questo problema."


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook
Segui Tess Owen su Twitter: @misstessowen

Tagged:
VICE News
CRACK
overdose
naloxone
kentucky
eroina
Droga
Oxycontin
oppiacei
ossicodone
oppioidi
americhe
crimine e droga
prevenzione del danno
tasso di mortalità