MARIJUANA

Abbiamo provato le bibite che promettono di farti passare il test antidroga

I risultati ci hanno lasciati di stucco.

di Caroline Thompson
19 febbraio 2018, 10:56am

Foto a sinistra, Getty Images. Foto a destra, e tutte le altre, dell'autrice

Quando l'obiettivo è tenere in equilibrio vita pubblica e consumo di marijuana, bisogna stare attenti. Soprattutto quando è coinvolto il lavoro. La diffusa illegalità dell'erba significa che in molti paesi i datori di lavoro possono non assumere o licenziare chiunque risulti positivo a un test del THC. Lo sappiamo che questo non tiene conto del fatto che innumerevoli studi hanno dimostrato che la marijuana è molto meno pericolosa di altre droghe e addirittura molto più sicura di sostanze legali come alcol e tabacco, ma così è. E per aggiungere al danno la beffa, la marijuana è la sostanza che ci mette più tempo a sparire dall'organismo, e questo è un bel problema con il test delle urine.

Secondo un recente sondaggio, circa il 57 percento delle società americane sottopone i suoi impiegati a test antidroga. Un bello stacco, comunque, dall'81 percento del 1996, probabilmente perché è sempre più difficile trovare persone brillante che passino i test.

Per loro fortuna, e per fortuna di tutti quelli che non disprezzano una canna post-ufficio ogni tanto, esiste un'intera gamma di prodotti per chi deve affrontare il temutissimo test. Se hai abbastanza preavviso puoi organizzarti in vari modi, per esempio sostituendo la tua pipì con quella di un amico straight edge. Ma se il tuo capo ti dà solo un paio d'ore, ti rimane più o meno una sola opzione: i beveroni detox.

Sul mercato ce ne sono diversi, e a prima vista sembrano dei normalissimi energy drink alle erbe. Ma sul retro delle bottiglie, il linguaggio utilizzato è deliberatamente vago.

"Bevi l'intera bottiglia 60-90 minuti prima del momento desiderato."

"Un frequente stimolo a urinare significa che la depurazione è in atto."

Possono essere costosi—anche 60 dollari a bottiglia [circa 50 euro]—ma è un piccolo prezzo da pagare quando in gioco c'è il tuo lavoro. Tutti offrono la stessa cosa: se ti attieni alle istruzioni avrai un rimedio immediato e temporaneo a un piscio pieno di THC.

Ma come funzionano davvero? È una domanda a cui nemmeno il più diligente degli utenti di Google troverà risposta. Tutte le informazioni su questi detox drink sono o palesemente prezzolate dai brand, o prodotte da utenti con nomi tipo Stoner4Lyfe420 in post di otto anni fa su forum loschi.

Quindi, abbiamo deciso di testare tre brand:

- Detoxify Xxtraclean Herbal Cleanse - 13,93 dollari [11,20 euro]

- Rescue Detox Blueberry Ice Instant Cleansing Energy from Applied Sciences 22,99 dollari [18,50 euro]

- Stinger Detox ‘The Buzz’ Deep System Cleanser - 18 dollari [14,50 euro]

Il nostro esperimento era semplice. Abbiamo ordinato un pacco da dieci test del THC per 7,99 dollari su Amazon e reclutato una fumatrice abituale—una 28enne che chiameremo 'Jolene'—per testare l'efficacia di questi beveroni senza alterare i suoi ritmi settimanali di consumo d'erba. Avrebbe provato un drink ogni due giorni, e fatto un test di controllo prima di cominciare a berne per assicurarsi di essere positiva, prima. Poi avrebbe seguito le istruzioni sulla bottiglia e cercato di ripulirsi a suon di gite al gabinetto.

Nella foto qui sopra potete vedere il primo test pre-drink di Jolene. È molto positivo. La "C" sul test sta per "controllo". Quella linea compare sia che il test sia negativo sia che sia positivo. La "T" sta per "Test". Se compare una linea di fianco alla "T", il test è negativo. Se non compare niente, è positivo. Come si può notare, Jolene non è stata in grado di far comprare la linea vicino alla "T" perché è strafatta.

I test che abbiamo comprato sono piuttosto standard. Devi fare pipì in un bicchierino, togliere il cappuccio dallo stick, e poi tenerne l'estremità immersa nella pipì per circa dieci secondi. I risultati compaiono in cinque minuti circa. Questi test nello specificano funzionano solo con il THC.

Per completezza, bisogna dire che il consumo di marijuana di Jolene è probabilmente un po', ma poco, sotto la media dei fumatori incalliti. Ogni giorno dopo il lavoro fuma una pipetta d'erba, e due-tre al giorno nei fine settimana. Ogni tanto mangia un po' di space cake, ma in generale si attiene ai metodi di consumo tradizionali—pipetta, bong e canne. Sulle istruzioni di molti drink si invitano i consumatori "forti" a raddoppiare le dosi, o a bere una versione più concentrata, quindi sappiate che i risultati potrebbero essere diversi se fumate più o meno di Jolene. E nessuno dei risultati che riportiamo qui sotto deve essere considerato scientifico o definitivo.

PRIMO TEST: RESCUE DETOX BLUEBERRY ICE INSTANT CLEANSING ENERGY

Per primo, abbiamo chiesto a Jolene di provare il mezzo litro di Rescue Detox. Secondo Karen, la gentilissima signora del servizio clienti che abbiamo contattato tramite il numero del "supporto live" scritto sulla base della bottiglia, Jolene doveva evitare di mangiare nelle cinque ore precedenti la depurazione. Fortunatamente era una domenica, e Jolene si era appena alzata da un riposino di quattro ore e mezzo dopo aver passato la mattina a fumare e mangiare cazzate.

Karen le ha detto di bere il beverone un'ora prima della "depurazione", e poi riempire la bottiglia d'acqua altre due volte e berla in 30 minuti. Avrebbe fatto pipì tre volte, e dopo quelle tre volte sarebbe stata "purificata" per tre-cinque ore. Un lavoraccio.

La bevanda in sé era di un giallo neon che sembrava radioattivo. Jolene ha detto che sapeva di mirtilli sintetici e aveva un retrogusto strano. L'ha mandato giù in dieci minuti, poi ha riempito la bottiglietta altre due volte e ingurgitato anche un litro d'acqua al profumo di mirtilli radioattivi, e alla fine il suo stomaco stava per esplodere.

Dopo le tre puntate al bagno in cui, come ha detto Jolene, "sembrava che avessi bevuto inchiostro", ha fatto il test. E ha funzionato, cazzo. Anche se la linea era sottile, era lì e valeva. Jolene è risultata negativa al test per il THC anche se aveva fumato diverse pipette la mattina, solo qualche ora prima. Eravamo entrambe piuttosto scioccate.

È una linea sottile, ma c'è.

Voto finale: 8. Se segui le istruzioni puoi riuscire a passare il test, ma il colore estremo della tua pipì potrebbe destare qualche preoccupazione sul piano clinico. Inoltre, la quantità di acqua che devi bere è un po' eccessiva.

SECONDO TEST: DETOXIFY XXTRACLEAN HERBAL CLEANSE

Due giorni e un altro test positivo dopo, abbiamo deciso di provare il mezzo litro abbondante di Detoxify Xxtraclean. Online avevamo trovato recensioni miste, e il compagno di Jolene l'aveva già provato senza successo, quindi non avevamo grandi speranze.

Diversamente dal Rescue Detox, questa volta a Jolene non è stato detto di non mangiare, ma doveva astenersi dalla marijuana il più a lungo possibile prima di bere. E invece lei ha deciso di farsi una canna mentre beveva. Non c'è bisogno di aggiungere che sarebbe una mossa poco consigliabile per chiunque abbia davvero un lavoro che dipende dal test.

La bevanda era "al sapore tropicale" e rosso acceso. Jolene ha scolato la bottiglia ("sembra un energy drink mischiato col sangue"), poi l'ha riempita—solo una volta—e ha bevuto quell'acqua 15 minuti dopo.

Secondo Ben, il presentatore monocorde della serie YouTube 'Back2School' creata da Detoxify per illustrare ai consumatori l'utilizzo migliore dei prodotti, dopo tre o quattro pipì, per cinque ore un ipotetico test sarebbe risultato negativo. Jolene ha seguito le istruzioni e fatto pipì ("il colore era normalissimo, giallo") tre volte, poi ha fatto il test.

Nonostante avesse fumato mentre cercava di ripulire il proprio corpo dall'erba... Jolene ha passato il test. Niente THC. Di nuovo la linea era sottile, ma era lì.

Voto finale: 8 e mezzo. Non devi bere così tanta acqua e la tua pipì non è sospetta, ma ha lasciato a Jolene un mal di stomaco durato un giorno. Direi che ne è valsa la pena.

TERZO TEST: STINGER DETOX 'THE BUZZ' DEEP SYSTEM CLEANSER

Una bottiglietta da 250 ml circa è molto più facile da mandare giù. Jolene ha detto che sapeva di bibita all'uva, densa e pastosa. Non una recensione positivissima, ma quanto a sapore, probabilmente la migliore del gruppo. Dopo averla bevuta tutta, Jolene l'ha riempita altre quattro volte per un totale di un litro d'acqua, poi ha di nuovo fatto pipì tre-quattro volte e poi ha fatto il test.

Apparentemente questo bottiglino è cinque volte più potente degli altri prodotti di Stinger Detox, e dopo aver fatto l'ultimo test, abbiamo capito perché. Se gli altri avevano dato risultati negativi, ma quasi invisibili, questo ci ha fruttato la prima doppia linea rossa indubitabile. Bravo.

Voto finale: 10. Non solo il risultato è stato il negativo più chiaro, ma il sapore era migliore, la quantità ridotta e non ha causato nausea o problemi intestinali.

Ripeto che questi test non erano scientifici, e una persona che fumi in modalità diversa e sia fisicamente diversa da Jolene potrebbe avere risultati diversi. Ciò che fanno questi drink è diluirti le urine al punto che il THC non risulta, e rimpiazzare le vitamine, i minerali e il colore che vanno persi nel diluire, di modo da non destare sospetti. Se dal punto di vista della singola occasione questo metodo può funzionare e risultare difficilmente rintracciabile, non è certo un modo infallibile di passare un test antidroga. Ma sono soldi ben spesi, se dall'altra parte c'è il rischio di un licenziamento.

Segui Caroline Thompson su Twitter.