In Canada c'è un tubo che da anni sputa in mare sangue e interiora di pesce infetto

Due anni fa, lo scarico era diventato virale grazie a un video raccapricciante. Da allora, non è cambiato assolutamente niente.
20 dicembre 2019, 9:26am
Tavish Campbell
Tavish Campbell mentre nuota nei pressi dello scarico. Foto per gentile concessione di Campbell.

Vi ricordate il tubo che sputava sangue infetto e interiora di pesce nelle acque canadesi? Ecco, nuove immagini mostrano che è ancora lì, a fare esattamente quello che faceva due anni fa.

Nell’autunno del 2017, il fotografo Tavish Campbell ha notato qualcosa di strano e si è tuffato nelle profondità del Discovery Passage, il canale che separa l’Isola di Vancouver e le Isole Discovery, nella parte più occidentale del Canada. Sospettava che Brown’s Bay Packing—uno stabilimento industriale che lavora il salmone atlantico nelle vicinanze—avesse orientato le proprie tubature di scarico direttamente nelle acque del canale, dove nuova una specie di salmone selvatica, noto come salmone rosso.

sockeye salmon

Foto per gentile concessione di Tavish Campbell

Quello che ha trovato non aveva niente di normale. La conduttura stava sparando un flusso di budella e squame nell’acqua. Quando ha inviato un campione per farlo analizzare all’Atlantic Veterinary College, che si trova sull’Isola del Principe Edoardo, gli scienziati del laboratorio hanno scoperto che conteneva vermi intestinali e Piscine Reovirus.

Dopo che Campbell ha reso i primi filmati e i report pubblici nel 2017, Dominic LeBlanc, ministro della pesca federale al tempo, ha detto che i dipartimenti ittici e di gestione degli oceani “devono fare di più” per proteggere il salmone selvatico, compreso imporre alle aziende che fanno test di acquacoltura per il Piscine Reovirus, stando a CTV News. Sembrava che le cose sarebbero cambiate.

Perciò, quando Campbell si è immerso nello stesso punto oltre un anno dopo, per quattro volte tra ottobre e novembre, e ha visto che il tubo emetteva ancora sangue e interiora, si è sentito profondamente tradito—e disgustato.

“È stato triste vedere ancora tutto quel sangue che sgorgava,” ha detto Campbell a Motherboard. “La delusione è stata in fretta sostituita dalla paura per la salute delle specie selvatiche di salmone e, per estensione, di tutta la costa della British Columbia.”

Il 2019 è stato l’anno con il peggior tasso di ritorno del salmone rosso della storia nota in British Columbia, stando a un report pubblicato dagli esperti federali di pesca quest’anno. Le prime proiezioni per il tasso di ritorno erano di cinque milioni—ma dagli aggiornamenti, quel dato è stato poco superiore a 600.000.

Il ministro della Pesca Jonathan Wilkinson ha detto durante una conferenza stampa di agosto scorso che “non c’è dubbio” che il cambiamento climatico sia responsabile del declino, che impatta non solo l’ambiente ma anche l’economia. Ma situazioni come quella del tubo in questione, che vomita galloni di sangue di pesce infetto in acque attraversate dal salmone rosso, di certo non aiutano. Alcuni studi hanno dimostrato che il virus è altamente contagioso e danneggia seriamente le popolazioni di pesci.

David Stover di Brown’s Bay Packing ha detto a CTV News che l’azienda sta completando le ultime pratiche per commissionare un sistema di pulizia delle acque da 1.5 milioni di dollari. “La componente disinfettante del sistema che è la fase finale del processo è progettata per disinfettare le acque di scarico,” ha detto. “Anche se non le testiamo per il piscine reovirus, siamo certi che il processo di disinfezione uccida sia batteri che virus.”

Campbell ha detto che, considerato che l’impianto di lavorazione del pesce opera a ciclo continuo, e sulla base di alcune sue osservazioni, lo scarto viene emesso costantemente quando i lavoratori sono impegnati a pulire i pesci.

“Il 2019 è stato il peggior anno per numero di salmoni rossi tornati ai fiumi, nell’intera storia del Canada,” ha ribadito Campbell. “Ecco che aspetto ha un’estinzione e sta succedendo proprio ora sotto il nostro naso.”