Pubblicità
Tech by VICE

Questa foto è vera o falsa?

Secondo questo nuovo studio, siamo dei pessimi osservatori.

di Kaleigh Rogers
19 luglio 2017, 8:34am

Kon je het zien

Dopo il recente summit dei leader del G20 ad Amburgo, in Germania, una foto del presidente russo Vladimir Putin, impegnato a discutere animatamente con altri leader mondiali, ha cominciato a fare il giro del web.

Immagine: Screengrab/Twitter

Ai supporter di Putin questa foto è particolarmente piaciuta perché pone il loro leader al centro dell'attenzione. Peccato che la foto sia un fake, e questo fatto è stato verificato rapidamente da una serie di attenti giornalisti che hanno incrociato l'immagine con foto dello stesso momento scattate da angolazioni diverse. Senza questo secondo riscontro, l'immagine è piuttosto convincente e, secondo un nuovo studio pubblicato lunedì, era piuttosto probabile che le persone non sarebbero state in grado di scovare la fregatura. Nel bel mezzo del furore relativo alle fake news, si tratta di una scoperta piuttosto disturbante che mette in luce quanto facilmente possiamo farci prendere in giro.

"Se chiudessimo gli occhi e ci venisse chiesto di indovinare a caso se un'immagina è vera o falsa i risultati sarebbero piuttosto simili a ciò che succede quando abbiamo gli occhi aperti," mi ha spiegato Sophie Nightingale, laureanda della University of Warwick e autrice principale dello studio.

Per capire quanto preciso sia il nostro fiuto per le cazzate, Nightingale e i suoi colleghi hanno creato un esperimento in cui hanno alterato apposta delle immagini casuali in diversi modi, dal cancellare le rughe fino a sfumare una fila di alberi, a muovere un'ombra di modo che non coincida con l'illuminazione di un'immagine. (Potete provare una versione del test qui.)

Hanno poi effettuato due test che hanno raccolto un totale di oltre 1.300 partecipanti online. A ognuno dei partecipanti sono state mostrate 10 foto, che includevano un mix casuale di immagini alterate e originali, ed è stato chiesto loro di determinare se la foto sia o non sia stata modificata. Alla fine dello studio, hanno scoperto che di media le persone sono in grado di rivelare le foto false solo nel 66 percento dei casi — poco più del 50 percento, ovvero le probabilità che avevano di indovinare se avessero tirato a caso.

"Abbiamo interpretato questo risultato come sintomatico di una mancanza di una certa abilità," mi ha spiegato Nightingale.

I ricercatori hanno anche chiesto ai partecipanti di indicare la aree delle foto che sono state, secondo loro, alterate, e hanno scoperto che anche quando riusciamo a capire che c'è qualcosa che non quadra, non siamo particolarmente bravi a indicare ciò che davvero non torna. In media, le persone hanno localizzato le manipolazioni solo il 45 percento delle volte.

Ho eseguito la versione più recente del test online e ho indovinato l'80 percento delle volte, ma ho pensato che alcune delle manipolazioni erano molto più semplici da localizzare rispetto ad altre (spoiler: se vuoi fare il test, fallo ora prima di continuare).

Immagine: Nightingale et al/Cognitive Research
Immagine: Nightingale et al/Cognitive Research

La prima immagine è stata manipolata al fine di confondere l'aspetto degli alberi in alto in una maniera fisicamente impossibile — Nightingale ha spiegato che a volte capitano questo tipo di incidenti quando chi cerca di modificare una foto va di fretta — mentre la seconda foto include solo delle leggere sfumature e schiarimenti, manipolazioni che ormai oggigiorno diamo per scontate.

Nightingale ha formulato un paio di teorie sul perché non siamo particolarmente bravi in questo tipo di test. Ha spiegato che le persone sono ormai così esposte alle foto, che normalmente non passiamo troppo tempo a studiarle singolarmente. Ha anche detto che visto che storicamente le foto sono sempre state difficili da manipolare, abbiamo una lunga tradizione culturale che ci insegna che foto = verità, ed è abbastanza difficile scrollarcela di dosso, anche se ormai sappiamo che le persone possono manipolare le immagini molto più facilmente di una volta.

Le nuove tecnologie stanno permettendo alle persone comuni di produrre immagini e video falsi assurdamente verosimili, fino ad arrivare al punto di mettere letteralmente delle parole in bocca a qualcuno. Se non siamo nemmeno capaci di riconoscere dei palesi lavori di Photoshop, è inquietante pensare a come ce la caveremo nella sempre più pervasiva era delle fake news.

E quella foto in apertura? È un falso. L'avevi capito?

Tagged:
Tech
Motherboard
Vladimir Putin
photoshop
Fotografia
immagini
fotoritocco