Tech by VICE

Pewdiepie sta insegnando al suo pubblico che le donne se la vanno a cercare

Lo scontro nato tra lo YouTuber più famoso del mondo e una streamer di Twitch riassume perfettamente come molti giocatori vedono le donne online.

di Samantha Cole
28 maggio 2018, 1:37pm

Screenshot via YouTube

Una faida ancora accesa tra Felix Kjellberg, meglio conosciuto come Pewdiepie — lo YouTuber più famoso al mondo — e la streamer di Twitch Alinity Divine è l'esempio perfetto di come le donne vengano ancora trattate come oggetti, diffamate e sfruttate nella gaming community, semplicemente perché sono donne.

Questo stesso mese, Kjellberg, che ha oltre 63 milioni di iscritti al canale, ha caricato un video in cui sperimenta l'eye tracker di Tobii, che permette di mostrare in tempo reale quale parte di schermo stia guardando un utente. Kjellberg ha invitato i fan su Twitter a inviargli video da guardare e ha registrato i risultati. Uno dei video che ha guardato, "SEXIEST TWITCH GIRL STREAMERS APRIL 2017!!! #2," era una compilation in cui appariva anche Alinity.

Mentre Kjellberg faceva fatica a tenere gli occhi lontani dal loro petto, chiamava "scherzosamente" le donne nel video "stupid Twitch thots," un termine dispregiativo rivolto alle donne che sta per "that ho [whore] over there" ["quella puttana là"]. Alinity ha visto il video e ha contrattaccato con reclamo per il copyright a YouTube.

Nell'ultimo video sull'argomento, caricato mercoledì scorso, Kjellberg ha castigato Alinity per il reclamo, e suggerito che la donna meriti in qualche modo gli abusi che riceve online perché indossa abiti succinti. Ha portato esempi passati, in cui Alinity indossa una maglietta trasparente e le si vedono le bretelle del reggiseno, o quando ha giocato a Just Dance indossando un vestito.

"Giochi con addosso la gonna più corta della storia, è colpa nostra se ti guardiamo in modo sessuale, giusto?" Ha detto Kjellberg nel video. "So che non ti dipingi come la persona più intelligente mai esistita, ma so che non sei così stupida da non sapere cosa stai facendo," ha detto. "Mostrare l'intimo sullo schermo? Tutta colpa nostra, vero?"

Per capire come siamo arrivati a questo punto, bisogna conoscere il genere di video dei "Twitch Fail." Andate su YouTube, digitate "Twitch Fail" e troverete una lista infinita di video che mostrano un'ampia varietà di azioni compiute da uomini o donne e registrate mentre erano su Twitch, ma quasi tutti i thumbnail dei video mostrano donne che scoprono la scollatura e, spesso, la stessa Alinity.

Dopo aver visto il video dell'eye-tracker, Alinity ha dichiarato via live broadcast che avrebbe presentato un reclamo per copyright contro Kjellberg. Ha detto che l'agenzia CollabDRM si occupa di queste cose per lei e presenta reclami su YouTube quando trovano qualcuno che pubblica contenuti di Alinity nei propri video. Dopo la reazione alla risposta di Kjellberg, si è scusata e ha dichiarato che CollabDRM avrebbe fatto tutto a sua insaputa. Kjellberg ha tagliato Alinity dal video dopo che lei si è lamentata in onda.

Ma niente di tutto questo è una questione di copyright. Il punto sono le donne che fanno streaming su Twitch, un argomento su cui Kjellberg, Alinity e i sostenitori di entrambe le fazioni continuano a tornare.

Gli YouTuber come Kjellberg criticano le donne per ciò che indossano e per come si comportano in diretta. Se sono popolari è solo grazie al loro corpo e se le persone le trattano come oggetti, è solo colpa loro. Allo stesso tempo, Kjellberg, come molti YouTuber, non si esime dall'usare i contenuti creati da queste donne e dal metterli nei thumbnail dei propri video per guadagnarci. Quando lo fanno le donne, sono puttane. Quando lo fanno gli uomini, è critica.

Kjellberg ha detto in uno dei suoi video di reazione verso Alinity che non è sua intenzione far arrabbiare nessuno con i video che fa. Nella descrizione dell'ultimo, si legge "Non serve neanche dirlo, ma non tollero nessuna violenza fatta in mio nome." Il video ha ora oltre tre milioni di visualizzazioni e più di 65.000 commenti, la maggior parte dei quali con un tono di questo tipo:

Ma ciò che Kjellberg sta facendo non è solo opportunistico e volgare, sta anche dicendo al suo pubblico — fatto di milioni di uomini — che nessuno di loro è responsabile per le proprie azioni e che quando le donne si vestono in un certo modo, se la vanno a cercare. In questo modo, lui e altri che perpetuano lo stesso comportamento rendono la situazione peggiore per le YouTuber come Alinity. Oltre ai propri video, Kjellberg ha fatto da cassa di risonanza per le molestie e le minacce di alcuni dei suoi seguaci.

Domenica, Kjellberg ha retwittato ai suoi 16 milioni di seguaci il video di un suo fan che diceva che avrebbero denunciato Alinity al "controllo per l'immigrazione canadese." L'implicazione sarebbe che Alinity avrebbe commesso una frode sposandosi solo per ottenere la residenza e che quindi andrebbe deportata, un discorso che supera la molestia online e minaccia direttamente la sua sicurezza fisica.

Il video che Kjellberg ha ritwittato è estrapolato da una diretta di Alinity in cui la donna spiega di essere immigrata dalla Colombia al Canada dopo aver sposato un uomo canadese. Dopo essere stati sposati per un anno, hanno divorziato, ha detto. Alinity ha poi spiegato di non aver commesso alcuna frode matrimoniale, ma preso fuori contesto, l'estratto video la fa apparire come un'opportunista.

Alinity mi ha detto che in cinque anni di streaming full-time, l'odio proveniente da uomini incattiviti è diventato sempre peggio. "Sono passati dall'essere dei pervertiti a chiamarmi puttana dritto in faccia," mi ha detto per telefono Alinity. "Cercano di controllare il mio corpo — le persone mi dicono come dovrei vestirmi e come dovrei controllarmi. Cercano di sminuirmi, dicendo, 'questo è tutto ciò che sei, dovresti andartene.'"

Kjellberg non ha risposto alla richiesta di commento inviata a una email segnalata sul suo canale YouTube.

...

Un grido di battaglia comune tra gli uomini che ce l'hanno con le donne che fanno streaming è che ottengono iscritti solo perché sono donne. Uno studio condotto nel 2016 su un miliardo di commenti inviati su Twitch ha mostrato che nei canali di streamer donne, le parole più usate sono "boobs," "hot," "omg," "smile" e "babe." Per gli uomini, sono invece "melee," "shields," "glitch," e "reset." Su Twitch, il 65 percento degli streamer è costituito da uomini, stando a una statistica redatta nel 2016 dal sit di social media analytics Statista. Il 35 percento sono donne.

È un discorso che va ben al di là di Kjellberg. Alcuni degli uomini che molestano le donne streamer poi trovano il modo di monetizzare su di solo su YouTube. Riciclano spezzoni di streaming in compilation di video e ci piazzano un titolo tipo "booby streamer" o "hot girl fail."

I thumbnail della maggior parte di InternetFails, un canale con 180.000 iscritti, per esempio, sono tutti screenshot di donne in posizioni compromettenti.

Un altro canale, Ultra Twitch Fails, ha una serie di video del genere da 700.000 visualizzazioni e passa l'uno, tra cui Hottest Twitch Girl Fails 2017 #1 ft. CinCinBear, Alinity, Pink_Sparkles, Celestiavega, Abigale and All Twitch GIRL Fails Compilation of 2016.

In passato, YouTube e Twitch hanno fatto dichiarazioni sull'impegno intrapreso nel prevenire discorsi d'odio sulle loro piattaforme, ma le sezioni commenti di qualsiasi di queste compilation di "booby streamer" è un pozzo senza fondo d'odio. Ho contattato YouTube e Twitch — un portavoce di YouTube mi ha reindirizzata alle policy relative al copyright della piattaforma, mentre Twitch non ha risposto.

Alinity mi ha detto di non avere alcun problema con gli YouTubers che usano spezzoni delle sue dirette, se lo fanno con buon gusto. Per esempio, ha detto che il canale Livestream Fails le ha chiesto il permesso di utilizzare parte del suo materiale e inserisce i link a Twitch per ogni streamer che compare nei video. Alinity ha guadagnato nuovi spettatori attraverso canali come questo, che includono i crediti dovuti e mostrano momenti buffi o interessanti, senza rappresentarla in modo sessuale. Ma altri prelevano solo i momenti in cui si alza in piedi o cammina o un pezzo di abito scivola e mostra più pelle del solito — e quando questi frammenti vengono caricati su YouTube, Alinity si arrabbia.

In seguito ai video di Kjellberg, Alinity ha detto che diverse donne l'hanno contattata in privato per parlare di quanto il livello di molestie e tossicità sia grave ultimamente — ma hanno paura di dichiararlo pubblicamente, dopo quello che è successo a lei. "Non so spiegarvi quanto sia orribile," ha detto.

"Sarò onesta con te, se non fosse il mio lavoro, questa situazione mi avrebbe fatto abbandonare internet molto tempo fa," ha detto. "Mi chiedo se sia per questo che le donne sono così sottorappresentate su Twitch in generale."

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.

Tagged:
Tech
Motherboard
YouTube
Gaming
Streaming
sessismo
gamers
PewDiePie
streamer
alinity