Le foto ritrovate di Dalí prima che diventasse Dalí
Foto

Le foto ritrovate di Dalí prima che diventasse Dalí

Gala Dalí non ha mai parlato pubblicamente della loro relazione, ma queste foto parlano da sole.
24.5.18

La mostra Elles fotografien Dalí [Donne fotografano Dalí], organizzata dalla Fundació Gala-Salvador Dalí alla Casa di Gala Dalì a Pubol all'inizio di quest'anno, ha mostrato un nuovo lato dell'artista surrealista, quello visto attraverso gli occhi delle fotografe donne. Le curatrici Bea Crespo e Rosa M. Maurell hanno selezionato scatti privati: stampe dell'artista surrealista Denise Bellon e di Karen Radkai stanno fianco a fianco con foto del backstage di In Voluptate Mors, scattate dalla moglie del collaboratore di Dalì Philippe Halsman, Yvonne. I gioielli della collezione, però, sono le foto inedite scattate da Gala Dalì, moglie e musa dell'artista ritratta in dipinti come La Madonna di Port Ligat e Galarina, all'alba della loro relazione durata 53 anni.

Pubblicità

Foto di Gala Dalí, tutti i diritti riservati. Fundació Gala-Salvador Dalí, Figueres, 2018.

Gala nacque in Russia nel 1894 come Elena Ivanovna Diakonova. Incontrò Dalì nel 1929 quando era sposata al poeta francese Paul Éluard, che tradiva con il pittore dada tedesco Max Ernst. Entro la fine di quell'anno viveva con Dalì, con cui nel 1934 si legò con un matrimonio aperto. Le foto esposte raccontano i primi anni della coppia nella cittadina marittima di Portlligat, in Catalogna.

Scattate tra il 1930 e il 1932, le foto non sono mai state esposte prima e aggiungono una controparte visiva a una delle relazioni artista-musa più misteriose della storia recente. Il biografo di Dalì Ian Gibson ci ha detto che Gala non parlò mai della loro relazione con la stampa, quindi l'impatto che ebbe sull'arte di Dalì deve essere decodificato tramite i suoi scritti, le apparizioni in pubblico e i racconti di quelli che erano passati dalle loro feste. Ma in Donne fotografano Dalí, "vediamo" lo sguardo di Gala su Dalì.

Foto di Gala Dalí, tutti i diritti riservati. Fundació Gala-Salvador Dalí, Figueres, 2018.

"Anche se il legame emotivo tra Dalì e Gala era solido, non era una relazione matura," ci ha spiegato il dottor Zoltan Kovary, psicologo clinico, ricercatore in ambito creativo e professore associato alla Eötvös Loránd University di Budapest. Kovary ha preso in esame la coppia nell'ambito delle ricerche che l'hanno portato al saggio The Enigma of Desire: Salvador Dalí and the conquest of the irrational.

Nelle foto di Gala del giovane Dalì protagonista è l'eros, soprattutto in quelle in cui prende il sole nella loro casa spagnola. Ma Kovary dice che il loro amore "era più una relazione madre-figlio; Gala a volte chiamava Dalì 'bambino mio.' Non ebbero mai una 'vera' relazione sessuale. Dalì, anche se Gala gli risvegliava un potentissimo desiderio, aveva paura del contatto fisico."

Pubblicità

Foto di Gala Dalí, tutti i diritti riservati. Fundació Gala-Salvador Dalí, Figueres, 2018.

Nessuno sa quanto sia difficile distinguere realtà e finzione nella vita di Dalì meglio di Gibson. Il biografo autore di The Shameful Life of Salvador Dalí ci ha detto che è "l'incubo di ogni biografo. Cosa puoi fare con una persona che recita sempre, che è sempre in una parte?" Le foto di Gala creano un ponte di empatia per la donna sposata a un uomo così difficile da comprendere.

Foto di Anna Laetitia Pecci-Blunt, tutti i diritti riservati. Fundació Gala-Salvador Dalí, Figueres, 2018.

Foto di Denise Bellon, tutti i diritti riservati. Fundació Gala-Salvador Dalí, Figueres, 2018.

Il consiglio di Gibson per chi sia fascinato dall'autore de La persistenza della memoria è diretto. "La prima cosa da tenere presente su Dalì, penso, è che era un timido patologico e che si è costruito questo personaggio esibizionista per proteggersi," ci ha detto. "La tragedia è che non abbiamo la versione di Gala sulla storia."

Queste foto ci fanno arrivare un po' più vicini ad averla.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da VICE e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.

Segui Beckett Mufson su Twitter e Instagram.