Le foto di Sarah Bahbah esplorano il trauma dell'abuso minorile

I ritratti della fotografa, diventati un fenomeno Instagram, sono una riflessione sulla sua infanzia.

|
giu 8 2018, 6:23am

Tutte le foto per gentile concessione di Sarah Bahbah.

Sarah Bahbah è l'artista dietro agli scatti iper-saturati e cinematografici che avete visto ovunque su Instagram. Sono suoi i ritratti di giovani e dannati accompagnati da frasi nichiliste che hanno conquistato un po' tutti.

In questi giorni qualcuno ne avrà sentito parlare per l'ultimo singolo di Selena Gomez, "Back to You", che ha suscitato commenti per le somiglianze—a partire dal mood romantico e un po' tormentato, alla palette di colori vivaci, fino allo stile delle frasi di accompagnamento alle immagini—con la produzione artistica di Bahbah.

VICE ha avuto occasione di parlare con la giovane fotografa di origine palestinese di recente, in occasione dell'uscita sul suo profilo Instagram dei nuovi scatti della serie I Could Not Protect Her.

In queste opere, Bahbah esplora il legame profondo tra le emozioni e l'attaccamento morboso, distaccandosi quindi dal tema del romanticismo che aveva caratterizzato la prima parte della sua produzione per affrontare quello dell'abuso minorile, di cui è stata vittima durante l'infanzia.

Le immagini della serie rappresentano il suo percorso di lotta e sofferenza personale. "Per moltissimo tempo mi sembrava di esistere e basta, le giornate passavano ma non stavo davvero valorizzando la mia identità, il mio scopo, il mio lavoro," ha raccontato a VICE. "Reprimevo il trauma e reprimevo me stessa, il significato stesso della vita e dei sentimenti. La mia identità era legata alla sofferenza e al trauma dell'abuso sessuale di cui ero stata vittima da bambina. Oggi, vivo le emozioni in modo trasparente, sono aperta alle esperienze e sento che sto guarendo. E nel guarire, creo la mia arte."

Nelle parole di Bahbah l'abuso sessuale minorile è un problema "fin troppo reale, di cui le persone non parlano abbastanza."

In un'intervista con TeenVogue ha rivelato i dettagli della sua sofferenza infantile: "Da bambina, era tutto un 'segreto'. Venivo manipolata con la scusa del 'non dirlo a nessuno. Tu sei la mia preferita'. Mi attiravano con regali e oggetti materiali, per rimanere soli e abusare di me. E se qualcuno ci vedeva, ero io a essere giudicata inappropriata perché era inconcepibile che la colpa fosse 'dell'uomo'".

In occasione della pubblicazione dell'ultima scena di I Could Not Protect Her, Bahbah ha letto in diretta live una poesia scritta da lei.

"Ho pianto per ore," dice Bahbah. "Mi sono liberata della sofferenza e questa poesia è il risultato. Le parole sono uscite di getto, incontrollabili, come lacrime. Sono state dentro di me troppo a lungo, e ci è voluto uno sforzo enorme per tirarle fuori. L'esperienza è stata così forte che mi sono sentita in dovere di condividerla, per riconciliarmi con il mio passato e aprire un dialogo con chi ha vissuto la mia stessa esperienza."

Segui Sarah Bahbah e Kara Weisenstein su Instagram.

Altro da VICE
VICE Channels