Identità

Un po' di persone parlano dei brutti vizi che hanno preso dagli ex

È successo a tutti: prima di quella relazione eri vegano, ora è finita, sei solo, e ti strafoghi di wurstel. Che cosa è successo?
11 marzo 2020, 8:30am
cattive abitudini in una relazione
Illustrazione: Alex Jenkins

Avere una relazione può darti grande gioia. Significa avere una persona con cui poter fare sesso e che conosce esattamente la combinazione di gesti per farti impazzire. Una persona a cui puoi raccontare le minuzie che ti sono capitate durante la giornata senza che ti dica "chi se ne frega". E se hai i postumi, puoi condividerli con una persona che, se è gentile, ti preparerà la colazione e ti accarezzerà i capelli mentre guardate video imbecilli_._

Ma un fidanzato o fidanzata ha anche dei lati negativi. Per esempio, i cavi attaccati alla sua console da DJ che ormai ha invaso metà della camera da letto e parte del corridoio. La sua fissa di ascoltare un audiolibro ogni sera per addormentarsi, che nel silenzio del letto siete costretti a sentire dalle sue cuffie anche mettendo la testa sotto il cuscino. O il fatto che l'altro si fumi le canne dalla mattina alla sera, e che nel naso abbiate l'odore perenne dell'erba.

Se vi lasciate, tutti i cavi, gli audiolibri sulla meditazione o quello che è se ne vanno. Ma altre cose—le canne, il consumo esagerato di carne—spesso restano ben più a lungo. Le sue cattive abitudini diventano le tue cattive abitudini e viceversa. Questo è ciò che avanza di una relazione, come le briciole tra le lenzuola.

“Ho smesso di considerarmi vegana o vegetariana”

Sono stata vegana per circa sette anni prima di incontrare il mio ex. Non avevo mai sentito il bisogno di mangiare carne o formaggio e mi piaceva cucinare—le mie colazioni all'inglese versione vegan erano rinomate tra i miei amici.

Siamo stati insieme per due anni e mezzo, e durante quel periodo ho ricominciato a mangiare carne. Tutto è iniziato dal brodo di pollo, perché lui mi aveva convinto dei suoi effetti benefici per la salute. Ho pensato: "Ok, me lo concederò ogni tanto." Poi ho iniziato a dire: "Be', se bevo il brodo fatto col pollo, tanto vale che mangi anche il pollo." E poi da lì sono scivolata verso altri prodotti animali. Di tanto in tanto mi mangiavo una bistecca, nelle occasioni speciali, poi ho iniziato a non considerarmi più né vegana né vegetariana.

Abbiamo rotto da un po', ma mangio ancora carne e anche formaggio. Mi piacerebbe tornare a essere vegana ma ho bisogno di prendere uno spavento—tipo, forse dovrei guardare uno di quei documentari sugli allevamenti che ci sono su Netflix. Prima o poi tornerò. Alex, 29 anni

“La cocaina”

Ero una consumatrice di droga molto occasionale quando ho conosciuto il mio ex—chiamiamolo T. Magari mi facevo un po' di MDMA per una serata o fumavo erba per rilassarmi. Però T ed io ci siamo conosciuti a una festa e abbiamo replicato quel modello per il resto della nostra relazione. Uscivamo il venerdì e stavamo fuori fino alla domenica sera o al lunedì mattina, giusto in tempo per andare al lavoro. Non c'è voluto molto perché mi accorgessi che aveva un problema di cocaina. E a forza di stare con lui, anche io ho iniziato a farne uso.

Da che era una cosa saltuaria, abbiamo iniziato a farlo insieme tutti i weekend. Durante la settimana mi sentivo paranoica e infelice e avvertivo il bisogno di prenderne ancora per tirarmi su. È diventato un rito, e mi ci sono abituata. Ci siamo lasciati dopo un anno e mezzo per altri motivi. Io volevo licenziarmi e girare l'Europa; lui voleva restare e continuare la stessa vita. Non stiamo più insieme da oltre un anno, ma non ho smesso con la coca. Non lo faccio più così spesso come quando stavo con T, e meno male, ma lui mi ha attaccato il gusto per quella roba. È difficile liberarsene. Jesse, 26 anni

“Mi convinceva sempre a chiamare Deliveroo o Uber Eats o JustEat”

Quando il mio ex e io stavamo insieme, lavoravamo entrambi molto e tornavamo a casa attorno alle 8 o addirittura alle 9. Nessuno dei due aveva voglia di cucinare. A volte provavo a suggerire di preparare una cosa veloce, ma lui riusciva sempre a convincermi a chiamare Deliveroo o Uber Eats o JustEat. Arrivati al weekend, giuro, quattro sere su cinque avevamo ordinato la cena da asporto, cosa che nessuno dei due poteva permettersi. Prendevamo spesso cibo vietnamita ma a volte curry o pizza o hamburger—e non è il massimo per la salute. Ho cominciato a sentirmi una sciattona.

Comunque ci siamo lasciati a settembre. Ho scoperto che mi tradiva (come trovasse il tempo tra tutte quelle cene da asporto non lo saprò mai), quindi sono contenta di essermi liberata di lui. Ma continuo a ordinare la cena. Sono diventata pigra e continuo a mangiare porcherie. Sinceramente, mi dà più fastidio questo che il fatto che mi abbia tradita. Kat, 24 anni

“Faccio le curve sbagliate in macchina”

Detto così suona strano, ma a causa del mio primo fidanzato sono una pessima guidatrice. Aveva un anno in più di me, quindi guidava sempre lui quando io avevo 17 anni. Quando ho iniziato io, ho preso la sua abitudine di girare il volante con una mano mentre l'altra la incrocia da sopra, con il polso molle. È difficile da descrivere, ma è sbagliato e probabilmente poco sicuro. Bisogna tenere entrambe le mani sul volante, in ogni momento, specialmente quando si curva, in caso l'auto scivoli o cose così.

Sono 12 anni che guido così—non c'è modo di farmi perdere quell'abitudine. Non mi ha insegnato lui, l'ho solo copiato. Non so se la sua fosse una forma di ribellione, ma ovviamente io pensavo che fosse fichissimo ai tempi. Emma, 29 anni

“Non penso che siamo mai stati in intimità da sobri”

Ho conosciuto il mio ex a lezione e siamo stati insieme circa sette mesi. Lui ha una grande dipendenza psicologica dall'alcol, così grande che non credo che siamo mai stati in intimità da sobri. Almeno, non lui. Ogni cosa che facevamo insieme, la facevamo bevendo.

Dopo aver chiuso quel capitolo e aver incontrato il mio attuale ragazzo, ero talmente agitata all'idea di entrare in intimità con una persona senza usare l'alcol come "cuscinetto" che sentivo il bisogno di bere sempre qualcosa prima che ci vedessimo o passassimo del tempo insieme. Era davvero bizzarro trovarsi in compagnia di una persona in grado di ricordarsi gli eventi della giornata. Mi ci è voluto un po' per scrollarmi di dosso l'ansia, ma ora stiamo insieme da quasi due anni.

Ogni tanto sento ancora quella familiare sensazione di bisogno di bere (un sacco) ma queste cose restano sempre sullo sfondo, non si finisce mai di lavorarci. Da quel che ho sentito dire, il mio ex è ancora un gran bevitore. Per me, col senno di poi, quella storia è un grosso rimpianto e una perdita di tempo. Nat, 21 anni

@daisythejones / @alexgamsujenkins