quando torneremo in ufficio
Illustrazione di Hunter French.
Salute

Non torneremo alla normale vita da ufficio per molto, molto tempo

Chi tornerà prima in ufficio deve prepararsi a una quotidianità di mascherine, niente riunioni, niente ascensori affollati e turni scaglionati.
11 maggio 2020, 7:35am

A metà aprile, Mark Zuckerberg ha annunciato la decisione di dilazionare il ritorno dei suoi impiegati negli uffici di Facebook. In un comunicato, il CEO ha detto che chi può lavorare da casa continuerà a farlo almeno per tutto maggio. E quando l'azienda riaprirà del tutto, gli impiegati che non dovessero sentirsi pronti a rientrare fisicamente in ufficio avranno il permesso di lavorare da casa per tutta l'estate e forse persino oltre.

La nota di Zuckerberg potrebbe apparire responsabile e magnanima. Ma lascia anche pensare che l'azienda potrebbe tornare a una sorta di normalità entro qualche mese. L'allusione ottimistica fa gola a chi non vede l'ora di tornare nel proprio ufficio, circondato da persone. Ma è in netto contrasto con l'opinione di medici ed economisti—molti dei quali ritengono che chi può lavorare da casa continuerà a farlo per parecchio tempo. Se e quando, poi, queste persone torneranno in ufficio, lo spazio non sarà più quello di prima, ma sarà sostituito da pavimenti vuoti, poche o zero riunioni e giri in ascensore, e maschere per tutti.

"Non abbiamo bisogno che chi fa telelavoro torni in ufficio," ha detto Erik Gordon, professore della Ross School of Business dell'Università del Michigan. "Se va in ufficio e si ammala, non è un problema solo suo. È un problema per il sistema sanitario." In altre parole, un ritorno agli uffici di massa aumenterebbe grandemente le probabilità di un nuovo focolaio.

Di conseguenza, molti dei piani per rinvigorire l'economia—persino le linee guida del presidente Trump—stanno dando per scontato che chi può lavorare da casa continuerà a farlo, fino alla fase finale di riapertura, quando anche le persone più a rischio potranno uscire e si potrà fare visita agli anziani. Il governatore di New York Andrew Cuomo ha detto che le aziende dovranno adattarsi a questa "nuova normalità" anche quando l'economia ripartirà. "Dovete reimmaginare il posto di lavoro," ha detto. "Quanti dipendenti possono continuare a lavorare da casa facendo comunque funzionare l'azienda?"

E alla stessa domanda stanno facendo eco anche gli esperti di economia. Per minimizzare il rischio di un focolaio in un ufficio, gli impiegati devono capire qual è il numero minimo possibile di persone presenti in sede per mantenere efficiente il lavoro, ha detto Jonathan Dingel, professore di economia all'Università di Chicago. E questo gruppo di rado includerà chi può lavorare da casa. "Se qualcuno può lavorare da casa, ovviamente è probabile che non sarà altrettanto produttivo," ha detto Dingel. "Ma se possono fare un lavoro ragionevolmente buono così, il beneficio di riportarli in ufficio non è equiparabile a quello di riportare qualcuno che non potrebbe lavorare se non in loco."

Anche nelle migliori circostanze, però, la situazione provocherà uno scisma in certi luoghi di lavoro. I mestieri che possono essere svolti da casa tendono già ad essere quelli con stipendi più alti, stando a Dingel, che ha studiato la questione. Ora, forniranno anche una protezione, mentre per altri lavoratori rischieranno la salute recandosi al lavoro tutti i giorni.

Un enorme punto di domanda ora è quanto si diffonderanno i tamponi e le app di tracciamento. Molti uffici di Wall Street dicono che avrebbero bisogno di "test su larga scala" prima di permettere ai propri dipendenti di tornare. Finché non ci saranno dati più ampi sul contagio da Covid-19, "Sarà piuttosto difficile fare piani concreti," ha detto Micheal Mina, epidemiologo e immunologo di Harvard.

Eppure, gli esperti si aspettano che alcuni datori di lavoro cercheranno gradualmente di far rientrare chi sta lavorando da casa prima che sia consigliabile farlo. Inevitabilmente, alcune aziende riapriranno in modi che metteranno pressione sugli lavoratori non indispensabili affinché tornino in luoghi affollati e con zero norme sanitarie.

Ma per minimizzare i rischi e calmare le ansie dei datori, gli impiegati responsabili dovranno ristrutturare radicalmente i propri uffici, per adattarsi alle norme di distanziamento sociale e alle linee guida igieniche, che potrebbero rimanere in atto finché non sarà disponibile un vaccino, dicono gli esperti. "Probabilmente, dovremo fare un sacco di distanziamento sociale in ufficio, per molto tempo," ha detto Peter Cappelli, professore dell'Università della Pennsylvania.

Gli open space che hanno storicamente permesso di ammassare lavoratori in una stessa grande stanza diventeranno una reliquia del passato, almeno temporaneamente. "Non può esserci niente del genere in questa nuova era," ha detto Zeke Emanuel, direttore del Healthcare Transformation Institute dell'Università della Pennsylvania e autore di un report sul coronavirus per il Center for American Progress.

Anche le riunioni stipati nelle sale conferenze non saranno più possibili. Emanuel ha detto che nella sua sala conferenze in cui normalmente entrano 25 persone potrebbe tenerne forse sei o sette distanziate a dovere, ma anche in quel caso sarebbe un rischio. Altri dicono che persino questa ipotesi è troppo ottimistica. Inoltre, l'adattamento degli spazi potrebbe richiedere una nuova gestione dei turni di lavoro.

A prescindere da chi sarà selezionato per lavorare lo stesso giorno, dovranno tutti indossare mascherine. "Non ci libereremo delle mascherine," ha detto Emanuel. "Le persone le indosseranno ancora per un po' e soprattutto quando inizieranno a tornare negli uffici," ha concordato Mina, l'epidemiologo. I disinfettanti per mani saranno ovunque; nelle cucine il traffico sarà minimo; ci saranno spesso pulizie approfondite; e i controlli della temperatura dovrebbero diventare la norma.

Riportare in ufficio i dipendenti sarà particolarmente complicato per le aziende che occupano palazzi con ascensori. "Saranno forse gli ultimi posti in cui si potrà tornare," ha detto Mina. "In particolare, gli ascensori sono il luogo perfetto in cui diffondere virus." "È meglio andare a un concerto," ha detto Gordon. Emanuel è d'accordo col fatto che gli ascensori affollati "sono fuori discussione. Non si può." Invece, ha detto Emanuel, gli edifici dovranno lasciare che li usino un massimo di 2-3 persone alla volta, ognuna munita di mascherina e guanti.

"Questi sono i tipi di cose che dobbiamo iniziare a mettere in pratica," ha detto Emanuel. "Eviteranno per certo lo scoppio di un focolaio? No, ma per quello servono anche tamponi e tracciamento dei contatti. Così che se scoppia un focolaio, possiamo fare del nostro meglio per contenerlo."

Jonathan Segal, avvocato specializzato in risorse umane e rischi legali aziendali, ha detto che istituire le misure di distanziamento sociale sarebbe la parte facile dell'opera. Quella difficile è la pratica. "Cosa fai quando qualcuno non rispetta il distanziamento? Mi sembra che andrà ridefinito cosa intendiamo per condotta accettabile," ha detto Segal, che personalmente crede che non seguire le regole "dovrebbe squalificare una persona dal lavorare."

Inevitabilmente, alcuni datori di lavoro non rispetteranno per primi le norme. Ma gli incentivi per prevenire un'esplosione del virus sono già chiari: se uno stabilimento non riesce a controllare un focolaio di Covid-19, centinaia di dipendenti possono ammalarsi e lo stabilimento deve chiudere, cosa che danneggia anche la reputazione dell'azienda. Tra i datori che competono per assumere lavoratori di alto profilo, non aderire alle linee guida per il Covid-19 comporterà rischi aggiuntivi. Segal ha detto che questi lavoratori potrebbero scegliere la concorrenza e in generale gli impiegati in ansia per il virus potrebbero essere meno produttivi.

E anche qualora un datore facesse tutto giusto, un focolaio di Covid-19 nella sua azienda resterà una possibilità concreta. Considerando quanto è complicato far tornare tutti in ufficio—con maschere, spazi svuotati, e l'ansia costante—forse la domanda non è quando far tornare in ufficio chi può lavorare da casa, ma quando finiranno per tornare a casa.

Leggi anche: