L'ultima frontiera del feticismo: impiantare uova aliene nel proprio corpo

Se l'idea di essere fecondati da una creatura aliena vi eccita, sappiate che qualcuno ha pensato anche a voi: abbiamo parlato col produttore di uno dei sex toy più strani e assurdi in circolazione.

|
17 agosto 2015, 9:34am

Tutte le immagini via Primal Hardwere

Qualche tempo fa, mentre facevo ricerche a caso su Internet, mi sono imbattuto nella prorompente testimonianza di una giovane donna che aveva appena scoperto l'ovopositore marchiato Primal Hardwere; ebbene, l'"Ovipositor" è uno dei sex toy più insoliti e difficilmente collocabili che abbia mai visto. In pratica, non è altro che un grosso dildo che può essere utilizzato per depositare uova di gelatina nella cavità corporea di vostra scelta. I fan dell'Ovipositor dicono che la parte migliore è la sensazione dell'ovulo extraterrestre che viene espulso dal dildo in tutta la sua appiccicosità.

Il titolare della Primal Hardwere è un uomo che mi ha chiesto di essere chiamato LoneWolf. Nativo americano di età indefinita, prima di entrare nel business dei sex toy alieni era un modello, organista di chiesa, macellaio, ristoratore e studente di veterinaria all'università del New Hampshire. L'ho intervistato per capire come è nato tutto.

VICE: Ciao Lone Wolf. La maggior parte dei lettori potrebbe non avere idea di cosa sia un ovopositore, e cosa sia l'Ovipositor. Possiamo spiegarglielo?
Lone Wolf: L'idea di base è di replicare l'atto della fecondazione tramite uova. Solitamente da parte di un essere alieno o un insetto. Una roba alla Aliens, per intenderci. Molti lo trovano eccitante. I sex toy in sé sono semplici tubi di forma fallica che possono essere utilizzati per depositare le uova di gelatina. Alla base c'è un foro a forma di imbuto; una volta inserite le uova, queste vengono spinte verso l'alto e verso il foro di uscita.

Come ti sei avvicinato a questo mondo?
Avevo provato tutto il resto: avevo un ristorante, avevo avuto altre attività, tanti successi. Ma in tutte queste esperienze, arrivato a un certo punto trovavo sempre un muro a bloccarmi. Sono una persona ambiziosa, e anche se non mi considero avido o che, dal mio lavoro mi aspetto un certo grado di indipendenza e libertà.

E per te libertà può significare anche permettere a una persona di infilarsi delle uova nella vagina per gratificazione sessuale?
Allora, ci sono tre cose che vendono: cibo, morte e sesso. Ho provato con la ristorazione, e dopo aver gestito tre ristoranti e averne avuto uno tutto mio mi è parso che la situazione fosse sempre la stessa, che le cose non sarebbero cambiate più di tanto. La morte non mi interessa. Volevo qualcosa di più divertente. Qualcosa capace di stravolgere la monotonia della routine e di far sobbalzare la persona che ti sta di fronte quando le dici che lavoro fai.

Be', mi pare che tu ci sia riuscito.
Volevo che si arrivasse a mettere in discussione ciò che riteniamo eccitante. Voglio che tutti sappiano che qualunque sia la tua fantasia, non c'è niente che la possa fermare.

Che tipo di clientela ha l'Ovipositor?
Prima di Primal Hardwere creavo oggetti su commissione per persone che non riuscivano a trovare ciò che cercavano. L'ovopositore mi era stato richesto in più occasioni, e quando ho pubblicato un video che mostrava il funzionamento ho avuto una reazione sorprendente. Sono arrivate tantissime richieste, e anche se non è una mia fissazione personale ho pensato fosse un'opportunità unica.

Non c'è nessun rischio nell'inserire queste uova di gelatina per via rettale o vaginale?
La moderazione è tutto. Non sono un medico e non sono qui per dire cosa si può fare col proprio corpo, perché varia da persona a persona. Posso dirti di aver provato più volte l'esperienza senza aver mai avuto problemi, ma sta alla persona che ne fa uso conoscere i propri limiti. Per esempio, nel caso in cui tu sia allergico alla gelatina. Se fatte con tutti i crismi, le uova hanno una consistenza simile a quella degli orsetti gommosi. Col calore del corpo si dissolvono piuttosto in fretta.

Qual è il cliente tipo, quindi?
Non so dirti se è un gruppo omogeneo. La gente si eccita per le cose più svariate, che vanno al di là di ciò che la nostra società definisce "normale". Siamo un prodotto di nicchia nel senso che ci rivolgiamo a uno dei fetish meno soddisfatti a livello commerciale. Facciamo spedizioni in tutto il mondo, a persone di razze, credenze e culture diverse.

Mi considero una persona di mentalità aperta, ma sinceramente ho qualche difficoltà a capire l'appeal di questi oggetti.
A tanti piace l'idea di una creatura aliena che vuole fecondarti. Chi non ha di queste fantasie, o in generale fantasie su contatti con esseri alieni, può non capire tutto l'impianto, ma le persone che ricavano del piacere dalle fantasie su questo tipo di contatto esistono.

Segui Toby su Twitter.

Altro da VICE
Vice Channels