FYI.

This story is over 5 years old.

Vice Blog

Meet the Nieratkos - Il mio piede ha una malattia renale

i
di it
17.2.10

I propositi dell'anno nuovo sono da imbecilli. Non ne ho mai fatto uno prima d'ora e non ve l'avrei neanche fatto sapere, ma la prima volta che mi propongo un proposito per l'anno nuovo, ed ecco che mi coglie di sopresa come un calcio nel didietro.

Speravo di potervi raccontare solo del weekend che ho trascorso a Los Angeles: dovevo finire le riprese per lo spettacolo sul porno della serie Epictly Later'd, l'episodio sarà sulla regista/battona/ballerina Kimberly Kane e presto online. Stavo per raccontarvi di come me ne stavo seduto a guardarla nascondersi una salsiccia italiana nello spazio fra le zinne mentre mentre io, seduto a gambe incrociate, addentavo una fetta di pizza. E di come nel mezzo di questa operazione si è fermata urlando "Ungh, ungh, yeah, ungh" e dicendo "Hei Chris, puoi andarmi a prendere una bottiglia d'acqua?". E prima che potessi dire di sì, era già tornata a fare chi/quello che stava facendo. Abbiamo vissuto ogni tipo di avventura e la sua ragazza, Avy Scott (nella foto con me e Kim Kane) voleva a tutti i costi il mio gingillo. L'ho capito chiaramente dal tono con cui mi ha detto "Scusami, ma sei davanti al televisore". Non sono uno scienziato ma so leggere fra le righe.

Avevo tutte le intenzioni di fornirvi uno scoop sulle numerose sevizie che ho dovuto subire per realizzare questo spettacolo degno di vincere un Emmy come miglior show per web TV, ma poi ho scoperto di avere una malattia renale. Beh, non io. Il mio piede.

Uno dei miei propositi dell'anno nuovo era mettere a posto questo fungo al piede che mi era venuto al college 30 anni fa. Un altro era smettere di mangiarmi le unghie, e ce la sto facendo alla grande. Avrò presto bisogno anche di una pedicure per le dita. Ma l'unghia del piede è stata un vero incubo. Sono andato dal dottore sorridente dei Simpson, e lui continuava a ridere e a chiamarmi "Man" come un vecchio hippie. Mi ha prescritto il Lamisil per 90 giorni. Ma prima mi ha spedito a fare gli esami del sangue: hanno rivelato che ho livelli elevati di reni e fegato. Lui rideva e pensava fosse un falso positivo, man. Può qualcosa di così accurato come gli esami del sangue dare dei falsi positivi? Quindi mi ha spedito a farmi un altro giro di test sanguinolenti, e i miei massimi erano ancora alti. Lui ride e dice: "Potrebbe non essere nulla, o una malattina renale, man". AHAHAH. Diavolo se è divertente.

E così mi dice di procedere e prendermi la medicina.

Pubblicità

Mentre prendevo la prima dose l'unica cosa a cui riuscivo a pensare era A) il piede non dava fastidio a nessuno. Avrei dovuto lasciar stare quella cazzo di cosa. B) Sono l'unico sulla Terra a cui può succedere una cosa del genere: vado dal dottore dei piedi per un fungo e ne esco con una malattia renale.

Per addolcire la pillola, quello ride e dice: "Si assicuri di non berci insieme dell'alcool. Fa davvero male al fegato". Sicuro, MAN. Non pensi che diagnosticarmi una malattia ai reni mi farà venir voglia di bere? Bevo tutti i giorni da almeno 20 anni. Le chance di farcela a superare 90 giorni di trattamento al Lamisil senza bere una goccia di alcool non c'erano proprio. Sono bastati due giorni e poi ho ceduto. Poi i Jets hanno perso e mi sono fatto un bel po' di drink. Poi l'altro giorno ho fatto sparire un'intera bottiglia di vino (non nel modo in cui lo farebbe Kimberly Kane) e ora sono a letto con terribili dolori alla schiena, o dove diavolo dovrebbe trovarsi il fegato. Ho chiamato il Dottor Hibbert e lui ha riso. Mi ha detto di smettere immediatamente di prendere il Lamisil, man.

Se farò mai un altro proposito dell'anno nuovo sarà ripromettermi di continuare a non fare quello che già non sto facendo, come andare in parapendio o preoccuparmi delle voodoo islands.

NOTA A MARGINE: Il mio amico/skater professionista Zered Bassett ha inaugurato una mostra/bowl jam sabato scorso a Mt. Vernon, in New Jersey usando le foto che aveva scattato durante la nostra missione a Cuba. Ecco il video.

CHRIS NIERATKO

(per altre demenze, chrisnieratko.com)