FYI.

This story is over 5 years old.

Vice Blog

A Christiania tra gli squatter e le navette spaziali

i
di it
14.4.10

Christiania è la famigerata comunità governata in autonomia dagli squatter di Copenaghen. Mi è stata descritta come una cittadina magica dove la cannabis è liberamente venduta per strada e bei ragazzi effemminati sculettano in giro dispensando due tiri alla gente. Quindi, quando ero in Danimarca, ovviamente ho DOVUTO andarci. Inoltre, essendo io stessa una squatter, sento una strana affinità con altri squatter in giro per il mondo. Volevo stare tra la mia gente.

Freetown Christiania è uno stato indipendente di circa 850 persone che copre 35 ettari di terreno. Fu fondato nel 1971 da un gruppo di hippy, anarchici e idealisti dopo aver occupato alcune baracche militari abbandonate a Copenaghen. Uno dei vantaggi dello speciale sistema di leggi della cittadina è la possibilità di commerciare cannabis liberamente. Le autorità lo hanno tollerato per oltre 30 anni, ma dal 2004, ci sono stati diversi sforzi per provare a normalizzare lo status legale della comunità.

Il grosso del commercio di cannabis a Christiania si svolge nella centrale Pusher Street (si, sul serio). Ho dovuto rubare questa foto da internet perchè ogni volta che tiravo fuori la macchina per fotografare le attrezzature varie per la droga tutti quelli intorno mi lanciavano occhiate maligne e urlavano "Niente foto", ringhiando fuori dai denti non lavati.

Nonostante ci sia parecchia erba, nel 1979 la cittadina ha intrapreso una politica di "zero droghe pesanti", che vige tuttora.

Molte delle case a Christiania sono state costruite dagli stessi abitanti. Alcune non sono all'altezza degli standard di igiene e sicurezza, dato che mancano cose come l'acqua e l'elettricità, ma non importa. Questa è un'altra delle ragioni per cui il governo vuole mettere fine a questo paradiso per hippy/sfigati.

Non potevo trattenermi dal pensare che questa strana casa a navetta spaziale fosse un'idea venuta a qualcuno quando era veramente troppo sballato, e che poi in qualche modo è riuscito a realizzare.

Mi piacerebbe vivere qui.

Per uscire da Christiania devi passare sotto un cartello che ti dice "State per entrare nell'UE". Ho pensato fosse troppo carino.

Più tardi quella sera siamo andati in un posto chiamato Spunk Bar. Pare che "spunk" in danese voglia dire caramelle, ma non riuscivo a smettere di trovare il nome divertente (in slang inglese spunk vuol dire sperma). Ok, mi dicono che ho un senso dell'umorismo un po' tristino. E vabè.

Dentro, abbiamo fatto amiciazia con alcuni del posto. Non erano esattamente i fighi danesi effemminati che cercavamo, ma mi piaceva il loro stile. In pratica, tutti quelli che ci stanno dentro a Copenaghen si vestono così.

Non so se ci sia più eroina a Copenaghen che in altre grandi città, ma sicuramente è più evidente. Passeggiando per alcune delle zone meno rinomate della città ho visto almeno tre persone che la fumavano in mezzo alla strada, sotto gli occhi di tutti. Ho fatto una foto ad un tombino fuori lo Spunk Bar.

Questo era solo a pochi passi di distanza. Le droghe pesanti e la violenza del posto mi hanno fatto venire la voglia di ritornare tra la mura pacifiche ed amorevoli di Christiania.

KARLEY SCIORTINO