Pubblicità
Noisey

Il complotto secondo cui Avril Lavigne sarebbe morta e sostituita con un'attrice

Le prove inconfutabili che la vera Avril, nel 2003, è stata sostituita da una sosia.

di Ryan Bassil
02 ottobre 2015, 8:21am

Quando alcuni anni fa Avril Lavigne se n'è uscita con il video della traccia pucciosissima e tenerosissima "Hello Kitty", i fan sono rimasti di stucco. Senza andare nel territorio dell'appropriazione culturale—Billboard è stata solo una delle molte testate a dire che quel video era simile alla "feticizzazione del Giappone che aveva fatto Gwen Stefani, ma pure peggio"—la traccia lasciava interdetti perché la Avril Lavigne che avevamo davanti era totalmente diversa dal personaggio a cui eravamo abituati. Dove stavano i ciuffi rossi nei suoi capelli? Cos'era successo a "SK8R Boi"? Quella roba era dubstep?

Adesso, cari lettori, a quanto pare abbiamo la risposta. La Avril Lavigne dietro all'orrendo pigiama party di gattini coccolosi non è la stessa Avril Lavigne che c'era dietro a "SK8R Boi", "Complicated", e nemmeno dietro a "Mobile"—un singolo uscito solo in Australia e Nuova Zelanda e parte della colonna sonora dell'ugualmente valido film di Hollywood Wimbledon. Perché, cari lettori, la Avril Lavigne di "SK8R Boi" è morta ed è stata rimpiazzata con un'attrice poco dopo l'uscita il suo primo album Let Go.

So che è dura accettarlo. Davvero, lo so. Ma questa è la teoria che ha iniziato a circolare da un sito di fan brasiliani di Avril, e merita la nostra attenzione. Come ogni buona teoria cospirazionista—quelle per cui Paul McCartney è morto nel 1966, Tupac è vivo ma se ne sta a cazzi suoi in un'isola, i gatti sono extraterrestri, lo yoga è una forma di adorazione satanica—la teoria Lavigne impugna una serie disarmante di prove che, se mai fossero verificate, darebbero un quadro terrificante della situazione.

Quindi preparatevi, cari lettori, dato che stiamo per analizzare una ad una queste prove.

LA VERA AVRIL LAVIGNE ENTRA IN SCENA

Nel 1998, la vera Avril Ramona Lavigne vince un concorso di canto. Ciò la porta a doversi congedare dalle sue amiche di sempre (in foto con lei qui) e iniziare una nuova vita senza di loro: la sua vita con la musica. Ma non è questo il momento tragico della storia. La tragedia inizia nel 2001, quando una diciassettenne Avril Ramona Lavigne firma un contratto da un milione di dollari con il magnate musicale LA Reid.

Da allora, la vita di Avril Ramona Lavigne sembra cambiare per il verso giusto. Il suo debut Let Go fu il secondo album più venduto in tutto il mondo, nell'anno in cui uscì. Le vendite di polsini con simboli punk in tutti i negozi di accessori del Pianeta andarono alle stelle. Il video di "Complicated" portò un sacco di adolescenti in tutto il mondo a voler distruggere i centri commerciali come segno di massima ribellione.

Per il mondo esterno erano soldi facili. Ma se potessimo proiettarci astralmente nella psiche di Avril Ramona Lavigne nel periodo d'oro della sua carriera, vedremmo che—come confermato da tutti i veri famosi—essere famosi è una merda. Ci vuole un sacco i pelo sullo stomaco per resistere alle grandi altezze. Così, cedendo al peso della fama, a quanto pare Avril seguì le orme di Britney. Non nell'acconciatura, quanto nel fatto che assunse una propria sosia per depistare i paparazzi.

Il Doppelgänger di Avril Ramona Lavigne pare si chiami Melissa Vandella e sembra che le due gemelline siano subito andate d'accordo. Sarà una coincidenza che in un servizio fotografico ufficiale Avril avesse scritto il nome Melissa sulla mano con il pennarello?

I GIORNI NERI DI AVRIL LAVIGNE

Let Go è un debut troppo riuscito per fare sophomore alla sua altezza. E provaci così: appena dopo che Avril cominciò a scrivere il secondo album, suo nonno morì. In quel tempo, sommersa dalla pressione, dalla tristezza, dal peso della fama e da tutte queste circostanze insieme, entrò in un periodo di profonda depressione. A quanto pare Avril fu trovata senza vita, poco dopo, a casa sua. Solo che la sua famiglia, la sua label e tutto il suo entourage decisero di non far sapere nulla dell'accaduto.

Una foto presa dal blog cospirazionista, di quella che potrebbe o non potrebbe essere la tomba di Avril Lavigne.

Il doppione di Avril Ramona Lavigne subentra così al suo posto. Ciononostante, forse per senso di colpa, o forse per distrazione, la sua sostituta lascia in continuazione indizi della morte di Avril in giro. Che siano i testi delle canzoni, il booklet, materiale promozionale—riascoltatevi bene le tracce "My Happy Ending" e "Nobody's Home." Nel 2004 esce Under My Skin. Ed è da questo momento che i fan, specialmente i suoi fan brasiliani, iniziano a notare qualcosa di strano. Ad esempio, date un'occhiata al confronto tra la vera Avril Ramona Lavigne e la sua sostituta.

Sembra convincente, no? Se rifletti sul fatto che i tuoi nei, di solito, stanno sempre allo stesso posto, dal giorno in cui nasci fino alla tua morte, le foto qui sopra diventano una prova inconfutabile della sostituzione di Avril Lavigne con un'impostora.

E la storia non finisce qui. Se ancora non siete convinti guardate qui. L'anno scorso alla "finta" Avril Lavigne fu posta la domanda diretta: sei o non sei un clone? E guarda un po' che è successo, ha scazzato dibbrutto.

Questa è la prova schiacciante, su cui credo possiamo essere d'accordo tutti, che "Boyfriend," "Hello Kitty," e "Here's to Never Growing Up" non arrivano dall'Avril che tutti amavamo. Certo, il tizio che sta dietro al sito cospirazionista brasiliano ora ha dichiarato che "Avril Lavigne non è mai morta" e "non è mai stata rimpiazzata da una sosia" e che la sua teoria era stata creata come esperimento sociale per provare il fatto che, fornendo le giuste informazioni, puoi costruire una teoria credibile riguardo a qualsiasi cosa, e il popolo di Internet ci cascherà. Ok, ragazzo, ce l'hai fatta. Ci hai fregato. Però è stato bello sognare per qualche minuto.

Segui Noisey su Twitter e Facebook.