Pubblicità
Noisey

Murdaca ha 17 anni e gira tutti i videoclip di rap italiano che guardi

Alessandro Murdaca ha mollato la scuola e fino a poco fa non ascoltava rap, ma ora lavora con Marracash, Sfera, Ghali e sta rivoluzionando il modo di fare videoclip hip hop in Italia.

di Mattia Costioli
03 dicembre 2015, 9:39am


Alessandro Murdaca, immagine via Facebook

Quando io avevo diciassette anni ero in grado soltanto di scrivere, pensare e fotografare cose di cui oggi mi vergogno e che, giustamente, sono state cancellate dalle memorie di internet e delle persone che mi circondano. Alessandro Murdaca invece nel giro di un paio d'anni e senza alcuna preparazione convenzionale è diventato uno dei videomaker italiani più riconoscibili.

Nelle ultime settimane ha lavorato con Marracash e Luchè per il remake di "XDVR" di Sfera Ebbasta e Charlie Charles e ha girato il video di "Sempre Me" per Ghali. Vive a Milano da solo, parla russo ed è il tipo di tipo che scopri grazie all'amico, che poi fa un pezzo così figo che commenti che schifo. Hai captato e non hai capito, poi torni a casa pentito, richiami l'amico e gli chiedi come si chiama il video?

Gli ho telefonato mentre aspettava di prendere il treno, un altro.

Noisey: Cazzo, ma hai diciassette anni per davvero?
Murdaca: Eh sì.

E quando hai iniziato a giocare con questa roba qua?
Quando avevo tredici anni ho scaricato la mia prima versione di Photoshop e mi sono messo a fare le grafiche per alcuni youtuber. Dopo qualche mese ho fatto i miei primi video, che erano dei gameplay su Minecraft, ed è lì che ho imparato come si fa a montare un video.

Sei anche un gamer quindi?
No, non ho mai avuto una consolle in vita mia, ma Minecraft pesava poco e...

Ci sei andato in fissa. Anche io ho passato quella fase, tranquillo.
Adesso ne sono uscito però, per fortuna. Tra l'altro non ho neanche la televisione. Comunque, dopo qualche mese ho iniziato a fare qualche video con una vecchia telecamerina digitale. Erano dei piccoli corti in cui partecipavano anche i miei amici e l'anno dopo mi hanno regalato una reflex.

La prima proposta mi è arrivata due mesi dopo, ed era un rapper che mi chiedeva di realizzargli un video.

Il primo videoclip realizzato da Murdaca nel 2013

E tu?
Io non sapevo nemmeno da dove cominciare per fare un video musicale, quindi ho registrato una strofa scritta da me e poi ho provato a riprendermi per capire se funzionava il concetto di mettere a tempo le immagini. Effettivamente funzionava, quindi poi il video è venuto anche decente.

Nel frattempo tu già ascoltavi musica rap, e quindi guardavi altri videoclip? Che ne so, avevi delle ispirazioni?
No, ma guardavo anche pochissimi film e non conoscevo registi. Figurati che ascoltavo jazz, blues e rock. Il rap lo odiavo.

Ora invece ti piace?
Ora ho imparato ad apprezzare il rap, soprattutto la trap che mi piace perché è orecchiabile ed è bello ascoltare un pezzo.

Dopo il primo video cosa è successo?
Ho fatto dei video per altri rapper underground della scena bresciana e si è innescata una catena di passaparola e sono iniziate ad arrivarmi davvero tante richieste.

Hai sempre vissuto a Brescia?
No, fino a 11 anni sono stato a Pavia e da due mesi mi sono trasferito a Milano con un amico.

Da solo? Super, ma quindi quando hai iniziato a farti pagare per i lavori?
Subito, già per il lavoro di Still Drake ho beccato trenta euro, che tra l'altro ci siamo dovuti dividere in due perché c'era un mio amico ad aiutarmi. Cioè, in realtà li abbiamo spesi lo stesso giorno con Stil Drake dopo le riprese, per comprare un menù al McDonald.

Non hai gestito bene il tuo cash flow. Quand'è che hai girato il tuo primo video da, boh... 5000 view?
Quando ho iniziato a lavorare con un rapper molto conosciuto qui in zona, che si chiama Slava. Mi ha chiesto di girare il video per il suo pezzo "Fallo Tu", che ha avuto un riscontro non male.


Il primo video da 5000 view di Murdaca

Ah, e qua iniziano a esserci le cose viola. E da qui a Sfera Ebbasta, a Shablo, come ci sei arrivato?
Nel settembre 2014 ho girato un video con un ragazzo che fa lo stylist e, dopo lo shooting, mi ha girato il suo numero. Mi ha detto: "Chiamalo che è molto bravo a rappare e devi fargli un video". Io gli ho telefonato la sera stessa e la settimana dopo ci siamo beccati per fare le riprese di "Zero".

Quella è stata la prima volta che avete lavorato?
Sì, a novembre del 2014. All'inizio non ha avuto un riscontro eccezionale, se ricordo bene si era fermato a trentamila view.

Credo che Sfera e Charlie siano venuti fuori verso l'estate, per il grande pubblico. Ma senti, la zarria che c'è in questo video è un tuo vezzo o sono stati loro a volerlo girare così?
Io ho sempre avuto le fisse di fare le color anormali, ad esempio con il cielo viola o altri colori invertiti. Però all'inizio non aveva senso, perché quando ci provavo il risultato era sempre brutto. Con loro ne parlavo perché rientrava bene nella loro estetica ed è proprio lì che sono riuscito a capire di poter far quadrare le cose con loro in camera. Ho iniziato a far combaciare i bassi del pezzo con gli stacchi e i movimenti di camera e il risultato era una figata, pieno di tagli e di effetti.

È molto interessante che tu sia arrivato a queste cose per i fatti tuoi, senza formazioni o riferimenti. Sei un punk.
L'ho scoperto quando ho fatto "Panette", che abbiamo girato in uno studio una settimana dopo che ho mollato scuola.


Il primo video di Murdaca per Sfera Ebbasta e Charlie Charles

L'hai proprio mollata?! Eri tipo al terzo anno, no?
Ero in seconda superiore perché ero rimasto indietro di un anno, ma l'ho mollata dopo le vacanze di Natale del 2014, appena mi sono reso conto che lavorare era un'opportunità troppo importante. Mi sono ritrovato in questa situazione in cui potevo guadagnare e quindi mi sono dedicato al 100 percento ai video.

E ora com'è la tua giornata tipo?
Mi sveglio, esco di casa e vado a girare video. Nel frattempo sto studiando da solo fotografia e un po' di marketing, perché nel futuro mi piacerebbe anche lavorare in ambito pubblicitario, oltre che musicale. Vorrei anche organizzare dei workshop dove insegnare ai ragazzi che vogliono fare video come me le tecniche per realizzarli.

Capito. Torniamo a Sfera e Charlie, dopo il primo video mi sa che erano contenti.
Sì, abbiamo continuato e abbiamo girato "Panette" in uno studio, con luci e attrezzature professionali che io non sapevo nemmeno come fare ad accendere, infatti per me è il video più brutto che abbiamo girato. Per fortuna sono bravo a fare il montaggio, ma anche lì stavo facendo delle cose strane e Charlie l'ha voluto più pulito, e i numeri dicono che ha avuto ragione lui.

Quanto è importante la tua visione dei videoclip nell'estetica che sono riusciti a costruire Sfera e Charlie?
Una fetta grossa forse è mia, ma è successo piuttosto casualmente. Diciamo che quando ci siamo resi conto che stavamo costruendo uno stile nuovo e originale abbiamo provato a contestualizzarlo anche da un punto di vista visivo.

E adesso che tutto intorno a te è diventato viola non ti senti derubato?
In realtà mi fa piacere, perché è una mia creazione che gli altri videomaker stanno riproducendo. Ci sta, io sono contento. Ci sono tanti videomaker, forse tutti, che hanno più esperienza sul campo di me, su come gestire il lavoro, ma ognuno è creativo a modo suo e a me è venuto tutto spontaneo, mentre loro hanno studiato, fatto scuole, che gli hanno detto questo si fa così e quest'altro invece si fa così. A volte la gente si mette dei paraocchi, io invece sono partito soltanto da me stesso.

La cosa che mi sorprende è che tu nemmeno ascoltassi rap, magari a te sembra normale, ma è una cosa strana.
Visto dall'esterno mi rendo conto che è una dinamica anormale, però credo che abbia un suo perché.


Uno degli ultimi videoclip realizzata da Murdaca, con Sfera, Marracash e Luchè

E ora?
Adesso ho un po' di tempo libero e sto progettando con Sfera i nuovi videclip.

Che bomba, tutti viola.
[Ride, ndr] No dai, adesso troverò altre idee, il progetto continua a evolversi.

È arrivato il treno?
Non ancora.

Vedrai che adesso passa.

Segui Murdaca su Facebook
Segui Mattia su Facebook e Twitter