FYI.

This story is over 5 years old.

La Guida di Noisey a Christina Aguilera

Lei è l'eterna antagonista di Britney, ma ogni tanto ha dato prova della propria personalità.
24.10.13

Mentre ero impegnata a navigare in un mare di gif di The Voice e a riguardare un video di Christina Aguilera a un funerale che si esibisce mentre un rivolo di pseudo-mestruo le cola lungo la gamba, mi sono resa conto di quanto a lungo quest’artista sia nel giro delle dive dalla voce grossa.

Sebbene mi sia esibita in danze e piroette in occasione dell’uscita del suo debutto discografico, è stato il secondo album, con il suo inequivocabile opening “too dirrty to clean my act up”, che mi ha fatto innamorare perdutamente e irrevocabilmente della principessa del pop diventata-cattivella. Ecco dunque tutto quello che so su di lei.

Pubblicità

IL PERIODO IN CUI ODIAVA BRITNEY SPEARS

Il tempismo e la comune biondezza delle due neo laureate presso l’università Disney hanno significato fin da subito una continua e costante opposizione, ma sebbene adorassi e fossi tuttora disposta a mutilare gente per amore di Britney, ho sempre apprezzato quella continua aria di insofferenza che Christina aveva rispetto alla personalità da Yorkshire terrier sovra-eccitato di Britney. E mentre il personaggio della Spears ci è andato giù pesante per il proprio debutto, vedi il doppio senso/inno macabro alla pedofilia, l’Aguilera ha mantenuto la propria bollente voluttà abbastanza sul basso profilo, con i singoli “Genie In A Bottle” (“You gotta rub me the right way” …fatevi sotto ragazzi), “Come On Over” (“I'm not just talking about yo' sex-shoo-ality” …sto parlando anche di ditalini) e “What A Girl Wants” (“What A Girl Needs” …è che tu metta la ball gag).

MA POI, SAPETE, HA PUBBLICATO “DIRRTY”

Mi ricordo di aver passato un’intera pausa pranzo nel laboratorio d’informatica con un gruppo di compagni di scuola aspettando che il video si caricasse, per poi stare lì seduta, basita, mentre la precedentemente (più o meno) angelica Christina sballottava i propri genitali in giro con siffatta ferocia, che ho temuto di potermi prendere la congiuntivite via Internet (a proposito, tanta roba a partire dal minuto 1.30). Sono poi tornata a casa da scuola e ho trovato mio padre che faceva esattamente la stessa cosa, mentre il video passava timidamente alla tv.

Non c’è voluto molto prima che i soliti malmostosi decidessero che forse era un po’ troppo compiaciutamente carnale per il daytime di MTV e venisse dunque prontamente trasferito alle fasce di programmazione non protetta. Ma, voglio dire, una volta che ci si è resi conto della grandiosità del video nella sua totalità, è un unico…MA CHE CAZZO, pantaloni senza chiappe? …Ma che cazzo, REDMAN? Nel senso, non solo il rapper collaboratore ha avuto il permesso di dare una palpata approfondita alla neo battezzata “Xtina”, ma il rapper collaboratore era oltretutto il fottutissimo REDMAN che andava in giro a urlare di Bernie Mac e Brick City. CHI HA DATO L’OK A QUESTA COSA?

Pubblicità

Sono poi seguiti un glorioso turbinio di copertine succulente per riviste maschili, attacchi verbali ai genitori, attacchi un po’ meno verbali a una ballerina del proprio entourage e una serie di paparazzate a un piercing al capezzolo. Ed è in questo modo, cara la mia Miley Cyrus, che si casca dal carrozzone delle principesse del pop.

IL PERIODO IN CUI HA AVUTO IL CONSUETO ESAURIMENTO DA DISNEY CHANNEL, MA CON CONSIDEREVOLE RITARDO

Post divorzio e pre-scoperta del comfort eating, Christina ha fatto ciò che ogni giovane donna annoiata e vagamente infelice fa: ha bevuto come se non volesse più vivere. Poco tempo dopo essere inciampata ai Grammy (PROBABILMENTE PERCHÉ ERA ANNEBBIATA DAI FUMI DELL’ALCOOL, NON SO, COSÌ SI DICE), Christina viene arrestata per ubriachezza molesta insieme al fidanzato Matt Rutler.

L’aspirapolvere succhia-divertimento Pink si è presa una pausa dallo stampare volantini per la PETA per twittare: “Tra Christina, Britney ed io—haha, pensavano tutti che sarei stata io la combinaguai… E invece… Guarda, Ma’! Senza manette!”

Detto onestamente, Pink, io ho sempre pensato che avresti finito per scrivere orrendo rock femminista per divorziate australiane, da ascoltare mentre si tracannano un’altra bottiglia di Celexa. Avrei dovuto scommetterci sopra. Fortunatamente per lei, Christina ha presto imparato a conciarsi da fare schifo mantenendo un certo decoro, ed ora fagocita drink nei weekend circondata da una muraglia di bodyguard.

Pubblicità

MA ANCHE IL PERIODO IN CUI ERA FELICEMENTE SPOSATA

Mentre le sue controparti erano occupate a rasarsi la testa e ad accumulare Guide in Stato di Ebbrezza come se fossero figurine Panini, Christina ha sposato il suo ormai fidanzato storico, Jordan Bratman. Poi ha portato la cosa al livello successivo partorendo un figlio e indossando vestiti che le coprivano tutto il corpo, e che non erano costumi in lattice da catwoman. Allora tutti hanno iniziato a dire “VAI COSÌ RAGAZZA, PORTA TUO FIGLIO AL PARCOGIOCHI COME UNA PERSONA NORMALE ED EQUILIBRATA”, mentre altri invece hanno pensato “Naaaaaaaaaaah. Christina è diventata noiosa”. Ed è proprio nella sua era noiosa che Christina ha pubblicato il suo “Back to Basics”, dall’atmosfera retrò, che, sebbene sia stato accolto in maniera piuttosto tiepida, contiene alcune tracce certo non indifferenti. Vi dico, provate ad ascoltare “Ain’t No Other Man” senza finire per conoscere magicamente ogni ad-lib e melodia in essa contenuta.

IL PERIODO IN CUI CI HA FATTO DIMENTICARE L’ALLORA NON DICHIARATA OMOSESSUALITÁ DI RICKY MARTIN PERCHÉ, LOL, SONO IO LA PIÙ TRUCCATA, TESORO!

Per cortesia, in nome di tutti gli eyeliner, che cazzo sta succedendo qui? Saresti giustificata a un siffatto utilizzo di strati solo se stessi tirando su una parete in muratura.

IL PERIODO IN CUI SI È PRESENTATA COSì

“Sua altezza, ho finito di ritagliare le chiappe da ogni suo paio di pantaloni. Cosa vorrebbe indossare?”

Pubblicità

“Non si preoccupi assistente numero due, ho trovato questa vecchia sciarpa sotto un furgone e mi sono già cosparsa di olio per motori.”

“Capisco. Mi scusi per l’interruzione Miss Aguilera.”

“Grazie. Per favore chiudi la porta una volta che sei strisciata fuori dalla stanza.”

IL PERIODO IN CUI È DIVENTATA “GRASSA”

A parte la sua voce, le sue tette perfette e il fatto che ha strusciato quel visino nel banco cosmetici praticamente ogni giorno della sua carriera, una delle caratteristiche più ammirevoli di Christina è la sua grande abilità per il bullismo. Voglio dire, un conto è sparlare come Mariah e un conto è tirare frecciate a Kelly Osbourne via tv nazionale. Sfortunatamente, Xtina ha fatto l’errore madornale per ogni celebrità di mettere su un po’ di adorabile ciccetta. Kelly Osbourne si è crogiolata nella sua neo morbidezza e ha detto:

“Forse sta semplicemente diventando la grassa stronza che è destinata ad essere fin dalla nascita. Non lo so. Con me è stata una troia.”

Il fatto è che, mentre Kelly piangeva a comando e si sottoponeva a diete brutali per correggere il proprio peso, Christina impacchettava la propria ciccia in un infinito repertorio di vestiti a fascia e, a forza di abbronzatura spray, assumeva tinte color mogano. In ogni caso, chissenefrega, perché fai un salto nel tempo fino ad oggi e Christina ha perso i chili, mentre Kelly rimane l’essere umano più insensato che si sia mai visto respirare sul red carpet.

Pubblicità

LA VOLTA IN CUI SI È DIMENTICATA LE PAROLE DELL’INNO NAZIONALE

Be'? E chi conosce tutte le parole dell’inno nazionale? I pazzi della NRA e i bigotti religiosi, ecco chi.

QUESTA GIF

Alzate la mano se come me siete stati mandati in confusione dalla combinazione cognome di Christina-sembianze prepotentemente Ariane. Fortunatamente, avendo esaurito tutte le possibili opzioni date da capelli biondi ossigenati (colpi di sole, zoccola con i dread, treccine ghetto), Christina ha sposato le proprie origini latine nel video di “Can’t Hold Us Down” ed è stata la cosa migliore/peggiore ad accadere nella storia della musica. Nel video, una nuova versione di Christina dai capelli quasi color corvo passeggia per le vie di una Harlem più simile a Sesame Street, prima di lanciarsi in una filippica contro degli uomini con più frecciate brutali e commenti taglienti di quanti io possa mai immaginare di dire. Se è questo ciò che significa vivere in un quartiere fatiscente e malfamato di NYC, procuratemi subito un biglietto di sola andata!

IL PERIODO IN CUI HA FATTO QUELLA CANZONE CON DIDDY

DRITTA AL SEGNO. QUESTA Sì CHE È UNA HIT. SBADABANG.

IL PERIODO IN CUI HA DATO LA POLVERE A TUTTI CON “LADY MARMALADE”

Sono sempre stata dell’opinione che il burlesque sia riservato a ragazze ricche con problemi di abbandono e con il desiderio di sbattere le proprie deludenti tettine in faccia ad un pubblico generico, ma l’uscita di Moulin Rouge ha modificato, per un breve periodo, tutte le mie vedute. Non che il film avesse una qualsivoglia caratteristica redentrice (un applauso alle fascinose e sifilitiche puttane parigine), ma per la canzone di spicco della colonna sonora, “Lady Marmalade”.

Pubblicità

Riuscite a immaginare le cantanti che si dividono il testo e Mya che dice:

“Ehi, aspettate un momento, come mai Christina si prende il…”

“MOOOOCCCCHHHHHA CHOCA LATTTA YAYAYAAAYAYAYA CREEEOOOLE LAAAAAYDAAAAY MARMMMAAALAAAAA-aaa-AAAAAAAAAAAAAAAAADE"

“…Sì vabe’, lasciamo perdere.”

Qui sotto trovate un ottimo promemoria dei tempi in cui i Grammy non erano un grande ammasso di merda. Uh, ora è il momento di lanciare una giarrettiera sudaticcia a qualche vecchio bavoso.

OGNI VOLTA CHE HA CANTATO “BEAUTIFUL”

Probabilmente non avrete notato la complessità vocale di “Beautiful” perché siete dei bestioni ignoranti, ma, seriamente, ascoltatela di nuovo e scoprirete che troviamo più note bemolli noi in quella canzone di quante ne produrrebbe un lancio ben assestato di un gatto su un pianoforte. Ecco perché quando anche i cantanti più talentuosi la azzardano su X Factor sembra sempre che ci siano andati un po’ troppo pesanti con il Tavor.

IL FATTO CHE NON ABBIA MAI PRESO UNA STECCA. MAI.

Sul serio, Christina, non cambiare…a meno che non sia per indossare un outfit leggermente più da zoccola.