FYI.

This story is over 5 years old.

C O M M U N I O N & Hencote presentano: MOONDAWN

Moondawn è una celebrazione sia utopica che distopica di futuri ancestrali e presenti magici. Il 31 ottobre lo vedrete coi vostri occhi.

Macao sta velocemente diventando non solo il miglior posto a Milano in cui ascoltare musica underground di una certa qualità, ma anche uno dei pochissimi posti in cui fare festa con attitudine completamente free, un luogo in cui scoprire cose nuove. Nell’ultimo anno si sono viste nascere tra le mura dell’ ex-macello un gran numero di realtà che durano molto più dello spazio di una notte, che si accendono col buio e provano a riverberare a lungo nella vita quotidiana di chi passa di lì.

Pubblicità

A Macao potete essere chi volete. E non c’è migliore occasione per farlo che la notte del 31 ottobre. Succede che gli psiconauti di C O M M U N I O N e la DJ Crew nucleare Hencote/Henkot—tra le stesse facce e mani dietro all’epico Saturnalia di quest’estate—fanno un festone che come al solito mescola act che vengono da un reame underground psichedelico, occulto e sperimentale, con altri non meno occulti e non meno freak ma decisamente più ballabili.

La festa si chiama Moondawn, e promette di essere una celebrazione sia utopica che distopica di futuri ancestrali, presenti magici e storie impossibili, per varcare le frontiere interiori divertendosi un mondo a farlo. Non a caso il claim della serata viene dritto dall’incipit di Neuromante: “Il cielo sopra il porto aveva il colore della televisione sintonizzata su un canale morto." L’ingresso alla serata è a offerta libera (consigliata 5€), e si dice in giro che sarà seguita da un after virale che attraverserà tutta la mattina succesiva.

Sul palco della sala principale, a questo giro, apparirà il nuovo progetto condiviso da Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat, affiancato dal misterioso HDADD, per mostrare le due facce—quella più organica e percussiva e quella più space/elettronica—di quella psichedelia che favoleggia su continenti remoti e nuovi pianeti in cui costruire un mondo libero. Oltre a loro, i DJ set del torinese Stenny e degli henkotici Dave Neel e RMA (https://soundcloud.com/riccardobandi).

Pubblicità

Nel più piccolo “mushroom temple”, invece, passerà un DJ set speciale di tre ore a cura di Antonio Marini AKA Healing Force Project, che di solito produce musica che suona come Heiroglyphic Being e Sun Ra che si tuffano a braccetto in un buco nero. Apre la sala il DJ di casa Vertical Pig.

Dato che ad Antonio piace un casino fare mixtape con cui osservare quello stesso buco nero da tutte le prospettive possibili, ve ne piazziamo qui un po’ per farvi un’idea di quello che vi aspetta.

Segui Desperados su Facebook.
Se volete segnalarci la vostra festa scriveteci a party.instinct@noisey.com