trash

La tua colazione a base di vagina

“Perché esiste un intero libro di ricette a base di sperma ma non si trova traccia di un qualunque uso delle secrezioni vaginali?”

di Janet Jay
31 agosto 2017, 8:25am

​Non illudetevi, è yogurt normale. Foto via mellowynk/Flickr

L'idea è venuta fuori mentre io e un'amica discutevamo delle proprietà probiotiche della vagina. "Perché esiste un intero libro di ricette di piatti a base di sperma ma su Google non si trova traccia di qualsiasi uso delle secrezioni vaginali?" ha scritto in un messaggio.

Per quanto sapesse di andare incontro alla mia disapprovazione, ha preso un cucchiaio, un barattolo, un termometro per dolci, e si è preparata a fare uno yogurt dalla sua vagina—il prodotto definitivo a chilometro zero, praticamente.

Cecilia Westbrook è mia amica da anni, studia alla University of Wisconsin di Madison. Avevamo già scherzato in passato sul fatto di fare uno yogurt dalle secrezioni vaginali, ma poi abbiamo fatto una ricerca su Google e non abbiamo trovato niente. Niente, neanche nella letteratura medica. Incuriosita, Cecilia iniziò una ricerca individuale: che altra scelta aveva se non provarlo su se stessa?

Ogni vagina ospita centinaia di diversi tipi di batteri e organismi. Questi organismi—che formano la cosiddetta comunità vaginale—producono acido lattico, perossido di idrogeno e altre sostanze per mantenere la vagina in salute. Il batterio dominante è il lactobacillus, che è ciò che viene a volte usato per produrre colture batteriche nel latte, nel formaggio e nello yogurt.

Cecilia non ha creato il suo yogurt per gioco: e certamente non lo ha fatto perché aveva fame. Sapeva abbastanza delle proprietà chimiche della vagina da pensare che mangiare uno yogurt fatto dalle secrezioni femminili le avrebbe fatto bene. Seriamente.

Il primo yogurt ottenuto aveva un sapore aspro, forte, che quasi pizzicava sulla lingua. Ha detto che assomigliava allo yogurt indiano e lo ha mangiato con dei mirtilli.

E pensava fosse così a causa della presenza dei probiotici—i batteri "buoni" che, se ingeriti, si crede aiutino la salute dell'intestino. Avete sicuramente visto alcune pubblicità che parlano di quanto buoni siano i probiotici dello yogurt per le vostre budella. Ma sono in vendita anche probiotici specifici per la vagina, che farebbero bene alla vostra vagina facendo in modo che laggiù ci siano più batteri "buoni" che cattivi.

"Si possono assumere i probiotici per via orale in modo che i batteri finiscano nella vagina," afferma Larry Forney, microbiologo della University of Idaho. "Quindi l'idea di mangiare yogurt per prendersi cura della vagina può sembrare bizzarra, ma ha senso."

In teoria. E cosa potrebbe essere più salutare che prendere i batteri direttamente dalla propria vagina, ha pensato Westbrook, e coltivarne altri da ingerire successivamente?

Lo "strumento di raccolta" era un cucchiaio di legno. Ha sistemato un controllo positivo (con dello yogurt normale come coltura di partenza) e un controllo negativo (con del semplice latte), e ha combinato i suoi ingredienti casalinghi in un terzo barattolo. Nel corso di una notte l'incantesimo della biologia ha fatto sì che per colazione fosse pronta una ciotola di yogurt di dimensioni rispettabili.

Il primo yogurt creato aveva un sapore amaro, forte, che quasi pizzicava sulla lingua. Assomigliava allo yogurt indiano, secondo lei, e lo ha mangiato con alcuni mirtilli.

Ma a quanto pare quella di Cecilia non è stata una buona idea. Secondo Forney "quando prendi le secrezioni vaginali non prendi solo i lactobacilli. Prendi tutto." Ed è possibile che, in dipendenza dal giorno e dalla persona, "quello che stai usando per il tuo yogurt non sia più dominato dai lactobacilli ma da altri batteri, molti dei quali possono essere patogeni," ha spiegato.

A volte questo squilibro può causare la candida o altre cose poco piacevoli. E non vuoi che questi organismi finiscano nella tua colazione. Anche una vagina sanissima può ospitare organismi che possono essere nocivi se coltivati.

"In generale è una cattiva idea," ha detto Forney. "Ma c'è un elemento interessante: il fatto che usi i batteri della sua stessa vagina."

Dato che ogni donna ha un equilibrio diverso di batteri e lactobacilli, i probiotici vaginali potrebbero non essere un'idea innovativa come Cecilia sperava, ma qualche merito lo ha. "Mi piace il principio del suo esperimento, ma è rischioso, perché non sa esattamente cosa ci sia dentro e potrebbe finire per creare qualcosa di nocivo," ha affermato Forney.

La US Food and Drug Administration (FDA) è d'accordo. Secondo Theresa Eisenman, dell'ufficio stampa del Center for Food Safety and Applied Nutrition, "le secrezioni vaginali non sono considerate "cibo" e possono addirittura trasmettere malattie, qualsiasi alimento che contiene secrezioni vaginali o altri fluidi corporei viene considerato adulterato."

Westbrook aveva già creato un secondo lotto di yogurt quando sono venuta a conoscenza del fatto che fare yogurt dalle secrezioni vaginali non è una cosa saggia. Ma nonostante le opinioni di Forney e della FDA, Cecilia sta bene. Non ha intenzione di fare altro yogurt, però.

"In un certo senso è una cosa ovvia. Certo che puoi fare lo yogurt dalla tua flora naturale. Ma chi penserebbe di farlo?" ha affermato Westbrook. "E ovviamente la femminista che è in me vorrebbe dire qualcosa sulla bellezza di connettere il tuo corpo al tuo cibo, esplorando il potere della tua vagina. In parte è una cosa da hippie, ma in parte riguarda anche il fatto di vivere bene il corpo, specialmente in una cultura che non è molto a proprio agio con il corpo delle donne."

Per quello che vale, Westbrook mi ha detto che il secondo yogurt era ancora più acido, aveva il sapore del latte andato a male—a riprova che, tristemente, lo yogurt fatto di secrezioni vaginali non è buono quanto la vagina in sé.