FYI.

This story is over 5 years old.

Gli studi che supportano il potenziale curativo dell'ayahuasca

Vista l'inaspettato picco nel turismo per l'ayahuasca, l'interesse scientifico a riguardo sta incontrando una nuova età dell'oro.
30.11.15

Gary, un consumatore londinese di ayahuasca, crede che l'ayahuasca lo stia aiutando a tenere a bada la sua depressione. Prima di cominciare ad assumere l'infuso di pianta sudamericano soffriva di forti e improvvisi attacchi d'ansia e panico.

"[L'ayahuasca] è uno strumento molto potente capace di scuotere profondamente la tua psiche per poi rimetterla insieme […] La prima volta che l'ho presa mi sembrava di morire," ha detto Gary, che mi ha chiesto che il suo cognome venisse oscurato. È una tecnica piuttosto drastica per accelerare lo sviluppo del tuo io."

Pubblicità

L'ayahuasca, o "bevanda degli spiriti" nelle lingue quechua o dei nativi americani, è un infuso di Banisteriopsis caapi e di foglie, contenenti DMT, di piante di Psychotria viridis, e i suoi ingredienti lo rendono illegale nel Regno Unito e in molte altre nazioni. Per secoli gli sciamani sudamericani lo hanno utilizzato nei sacramenti religiosi. È conosciuto per la sua capacità di alterare gli stati di coscienza delle persone—induce allucinazioni e, qualche volta, permette di rivivere esperienze traumatiche.

Nel corso degli anni molti hanno affermato che le proprietà dell'ayahuasca permettessero di curare ansie, problemi depressivi e sindromi da stress post-traumatico.

Solo recentemente, però, con la pubblicazione a marzo di uno studio portato avanti da dei ricercatori brasiliani sul journal Revista Brasilera de Psiquiatria, il potenziale clinico dell'ayahuasca ha ottenuto del supporto scientifico.

"Per secoli l'ayahuasca è stata utilizzata a fini terapeutici, nel senso più ampio del termine, dalle popolazioni indigene e mestizo nell'Amazonia nord-occidentale," mi ha spiegato per mail Rafael Guimarães dos Santos, uno dei ricercatori. "Inoltre, moltissime persone nel mondo approfondiscono i rituali con l'ayahuasca per migliorare le loro condizioni di salute."

Per ora, nel campo, sono stati condotti soltanto degli studi osservazionali che si sono limitati a dedurre gli effetti sul cervello utilizzando l'imaging neurale. Guimarães dos Santos ha spiegato che il suo gruppo di ricerca mira a supportare gli studi osservazionali condotti sull'ayahuasca per fare luce sul suo potenziale curativo.

Pubblicità

Per il loro studio, i ricercatori hanno somministrato dell'ayahuasca a sei volontari affetti da depressione che non rispondevano ai trattamenti farmacoterapici convenzionali.

"In questo piccolo gruppo di pazienti abbiamo osservato degli effetti antidepressivi e ansiolitici rapidi (nell'arco di minuti/ore) e prolungati (fino a 21 giorni dopo) associabili alla somministrazione di una singola dose di ayauasca," ha spiegato Guimarães dos Santos. "Siamo rimasti piuttosto sorpresi dagli effetti fulminei e duraturi di una singola dose di Ayahuasca, inoltre, la maggior parte dei volontari non ha fatto esperienza di effetti psichedelici particolarmente forti."

Lo studio pilota è stato criticato per l'assenza di un gruppo di pazienti placebo e per il limitato numero di volontari. In ogni caso, Brian T. Anderson, medico e ricercatore nel campo dell'ayahuasca per il dipartimento di psichiatria della University of California, ha spiegato che nonostante le proporzioni limitate dello studio, si è trattato di un passo importante nell'esplorazione scientifica dei potenziali dell'infuso come trattamento medico.

"L'idea di provare una sostanza come l'ayahuasca per capire se può aiutare nelle terapie anti-depressivo è qualcosa da portare avanti utilizzando metodi oggettivi, e sfruttando la standardizzazione imposta dagli studi biomedici," ha spiegato Anderson.

L'idea che l'ayahuasca possa avere un potenziale terapeutico è eccitante, ma sia Anderson che Guimarães dos Santos affermano che passerà ancora moltissimo tempo prima che l'ayahuasca possa essere disponibile come farmaco convenzionale.

Pubblicità

Nonostante la scarsità della ricerca scientifica a riguardo, l'interesse attorno ai potenziali curativi dell'ayahuasca è sempre più grande.

"I motivi che spingono le persone comuni a partecipare ai rituali a base di ayahuasca sono molto diversi da quelli addotti ai consumatori generici di sostanze stupefacenti. Le persone non stanno cercando di fare un'esperienza nuova, ma di migliorare la loro salute e la loro vita," ha spiegato Benjamin De Loenen, direttore esecutivo dell'International Center for Enthnobotanical Education Research & Service ICEERS, una organizzazione no-profit dedicata al consumo sicuro di queste piante. "Vogliamo fornire ai consumatori tutte le informazioni possibili a riguardo, di modo che possano prendere decisioni responsabili."

Il sito governativo inglese Talk to Frank, che si occupa di fornire informazioni riguardo le sostanze, spiega che chiunque con precedenti problemi mentali potrebbe riscontrare problemi dopo il consumo dell'infuso. "Il DMT può generare effetti molto seri negli individui affetti da questo tipo di condizioni," dichiara il loro sito web.

Per ora, Draulio de Arajo, un ricercatore del Brain Institute of the Federal University of Rio Grande, sta conducendo uno studio più grande sugli effetti dell'ayahuasca con un pool di pazienti di 17 persone.

Nel frattempo, molte persone continuano a utilizzare l'ayahuasca per conto loro. Per Gary, che assume ayahuasca ormai dal 1991, la chiave è un consumo consapevole degli effetti della pianta e delle pratiche culturali che la circondano.

"Non penso che tutti dovrebbero assumere l'ayahuasca. Ci va coraggio per farlo, e dunque è necessario che tu la voglia davvero tanto, prima di ottenerla," ha spiegato Gary, che ha provato effetti spiacevoli come violenti attacchi di vomito ma anche sessioni di consumo profondamente introspettive. "Vorrei che fosse disponibile in tutto il mondo, ma nei giusti contesti."