News

Questo video mostra alcuni membri del Ku Klux Klan picchiati a sangue durante una manifestazione

Lo scorso sabato, un faccia a faccia tra alcuni membri del Ku Klux Klan e alcuni attivisti dalla parte opposta si è trasformato in un violento scontro che si è concluso con tre accoltellamenti e l'arresto di sette attivisti.
01 marzo 2016, 12:14pm

Foto di

Heather Davini Boucher

Sabato verso mezzogiorno (ora locale) un SUV con a bordo tre membri del Ku Klux Klan si è fermato in un parco di Anaheim, in California. È seguito un faccia a faccia tra alcuni attivisti che mostravano cartelli con scritto "Freedom Has No Color" e membri del klan i cui cartelli recitavano "White Lives Do Matter Say No To Cultural Genocide." I membri del KKK si trovavano lì per un raduno, e quando un uomo ha colpito uno di loro sulla nuca è letteralmente scoppiato il caos.

Lo scontro è terminato con tre persone accoltellate, e cinque membri del Ku Klux Klan e sette attivisti sono stati arrestati.

Domenica la polizia ha stabilito che i membri del KKK hanno agito per legittima difesa e per proteggersi dai manifestanti. Così, tutti i cinque membri del gruppo arrestati sono stati rilasciati. Anche se il sergente Daron Wytt ha dichiarato che la decisione si è basata sia sulle riprese video dell'accaduto sia sulle testimonianze, alcuni residenti non sono stati contenti della decisione, e molti hanno ricordato del lungo rapporto che lega l'amministrazione con l'organizzazione estremista. Negli anni Venti, infatti, i membri del gruppo hanno conquistato quattro delle cinque poltrone in comune, e nove dei dieci posti nella polizia. Oc Weekly, un giornale locale, si è ironicamente riferito a Anaheim chiamandola "Klanaheim."

Nelle ore immediatamente successive è stata organizzata una campagna di raccolta fondi con lo scopo di aiutare gli attivisti anti-KKK arrestati. "Gli sbirri sono arrivati, e hanno finito per arrestare le persone dalla parte sbagliata, molte nere o mulatte, e non i razzisti che hanno istigato lo scontro," si legge nella pagina della campagna. "Niente di cui stupirsi."

A poche ore dal lancio, la pagina ha già raccolto più di 18.000 dollari; domenica una decina di persone hanno fatto irruzione alla caserma di polizia di Anaheim per chiedere il rilascio degli attivisti. I rappresentanti di Santa Ana Cop Watch, il gruppo di attivisti che sta dietro l'organizzazione della campagna, non hanno risposto alla richiesta di commenti.

A questo punto, tutte e tre le vittime dell'accoltellamento si trovano in condizioni stabili. Un altro attivista è ancora ricercato dalla polizia, e le forze dell'ordine difendono il comportamento della polizia. Dicono che alla manifestazione era presente solo un gruppo ristretto di poliziotti—alcuni in borghese.

"Sul luogo c'erano individui accorsi per commettere atti di violenza, e non c'è niente che si possa fare in questi casi per fermarli," ha detto il sergente Wyatt al LA Times.

Segui Allie Conti su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia:

Pubblicità