FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Il fucile d'assalto più famoso del mondo sta per cambiare aspetto

L'AK-47 è con ogni probabilità il fucile d'assalto più famoso del mondo. Adesso, l'azienda che lo produce ha annunciato di volerne rivoluzionare l'immagine per restare al passo con i tempi.
3.12.14

.

Dopo essere stati per anni il simbolo di morte e distruzione più riconoscibile al mondo, i Kalashnikov (il più famoso dei quali è l'AK47) stanno per cambiare la loro immagine per restare al passo con i gusti e le mode dei tempi moderni.

Fin dai tempi della guerra fredda, l'AK-47, la risposta sovietica all'M16 americano, è stato imbracciato, tra gli altri, dai bambini soldato africani, da ​Gheddafi e dai Talebani. È talmente famoso che ne esiste persino un'imitazione cinese. E nessuno può negare che sia incredibilmente resistente: può rimanere sepolto nel deserto iracheno per 20 anni e quando lo si tirerà fuori sarà ancora in grado di sparare.

Pubblicità

Per quanti di voi non l'hanno mai provato, sappiate che anche se resiste alla sabbia non è perfetto. Se spara in modalità automatica, per esempio, il suo raggio di fuoco è molto ampio e risulta difficile da controllare. È per questo motivo che i soldati degli eserciti occidentali hanno in dotazione altri fucili d'assalto, più leggeri e precisi. Resta però il fatto che il Kalashnikov è probabilmente il prodotto più importante dell'ingegneria sovietica.

Oggi, però, con la Russia che cerca di riaffermarsi in quanto superpotenza militare, l'azienda che produce il Kalashnikov ha deciso di rinnovarsi. Secondo Sputnik News, agenzia di stato russa, la Kalashnikov Concern (questo il nome ufficiale dell'azienda, il maggior produttore di armi leggere in Russia) starebbe avviando una nuova strategia aziendale.

Secondo questo articolo, la Kalashnikov Concern avrebbe speso più di 310.000 euro per rivoluzionare il suo brand. Il risultato è un rinnovamento delle linee di prodotti ad uso militare, civile e sportivo, nonché una nuova linea di abbigliamento di sopravvivenza e di coltelli da caccia.

Il principale produttore di fucili d'assalto del paese ha già annunciato che non tutte le nuove armi da fuoco che produrrà avranno lo stesso aspetto dei famosi AK-47, AK-74 e AKM. Le nuove armi, destinate all'esercito e alle forze di polizia, avranno un nuovo logo a forma di K rossa che ricorderà il caricatore ricurvo tipico dell'AK-47.

"Non possiamo competere con i principali produttori di armi al mondo se non abbiamo un marchio forte e riconoscibile," ha dichiarato l'azienda.

Questa politica di rinnovamento include anche un nuovo slogan, che si può tradurre con "In difesa della pace." Anche se in russo suona più come "Armi della pace" o "Armi del mondo", a seconda di come si intende la parola russa mir. 

Come afferma il suo sito web, in più di 60 anni la Kalashnikov Concern ha prodotto 100 milioni di fucili—senza contare le imitazioni disponibili in tutto il mondo sul mercato nero.

Pochissimi esperti militari negherebbero l'efficacia di quest'arma. Inoltre, presentando il piano di rinnovamento, l'azienda ha dichiarato di voler mostrare al mondo il nuovo volto della "pace", nel tentativo di rinnovare la sua immagine minacciata dalle recenti sanzioni occidentali contro la Russia. Quest'operazione dovrebbe quindi migliorare la reputazione dell'azienda per consentirle di espandersi sia sul mercato interno che su quello internazionale.

Ma la domanda è: c'era davvero bisogno di tirare in ballo la pace? Quali altri produttori di armi possono vantare la stessa storia di successi che può vantare la Kalashnikov Concern? La risposta potrebbe essere questa: il principale produttore di armi russo sta cercando di cambiare volto per attirare potenziali nuovi clienti.

Staremo a vedere se questo rinnovamento segnerà la scomparsa dell'AK-47 così come lo conosciamo. Quel che è certo è che la sua fama e il suo impatto sulla cultura occidentale vivranno per sempre. Dopotutto, come diceva lo stesso Mikhail Kalashnikov, il padre dei fucili d'assalto AK: "Un'arma da fuoco dev'essere bella come una donna, dev'essere comoda da tenere in mano e deve farti venire voglia di impugnarla."