Attualità

Jerry Boakye era rimasto paralizzato per un'aggressione razzista. Ora è morto senza ottenere giustizia

Tre anni fa il saldatore ghanese di Castel Volturno era rimasto vittima di un'aggressione razzista, ma il processo non si è ancora concluso.
Leonardo Bianchi
Rome, IT
22.10.20
Jerry Boakye
Jerry Boakye. Foto di Celestina Morando, per gentile concessione di GoFundMe.

Nel luglio del 2017 il saldatore ghanese Jerry Boakye (in Italia da circa dieci anni) stava tornando in pullman a casa, a Castel Volturno, dopo una giornata di lavoro. In base a quanto ha raccontato lui stesso, al momento di scendere alla fermata si è trovato di fronte un uomo che non lo faceva passare. “Scusa, mi fai scendere,” aveva ripetuto, ricevendo in cambio insulti razzisti. “Quando gli sono passato accanto lui mi ha sferrato un colpo alle spalle e sono caduto fuori dal pullman.”

Pubblicità

Secondo i resoconti, anche mentre era a terra l’uomo ha continuato a colpirlo e ingiuriarlo, allontanandosi senza prestare soccorso. In seguito al pestaggio, Boakye aveva riportato la frattura di una vertebra e la lesione irreversibile del midollo spinale, che l’avevano costretto su una sedia a rotelle.

L’aggressore—un residente in una città limitrofa che non conosceva Boakye—era stato identificato dalle forze dell’ordine poco dopo il fatto grazie a varie testimonianze, finendo poi agli arresti domiciliari (ora è sottoposto a misure restrittive più lievi). Tra un rinvio e l’altro, mi ha detto al telefono l’avvocato Hilarry Sedu, il processo di primo grado per lesioni gravissime non si è ancora concluso.

La sua storia è stata raccontata per la prima volta nel 2018 dallo stesso Boakye e da Sedu. “Non posso fare nulla, non mi sento bene per nulla,” aveva detto a Vanity Fair. Nell’ottobre di quell’anno era stata lanciata una raccolta su GoFundMe per permettergli di fare visite specialistiche, analisi e riabilitazione. Boakye da allora era stato trasferito in una casa di cura a Caivano, dove riceveva le visite e il supporto di Sedu e di un gruppo di cittadini e cittadine.

Nel settembre del 2020 Boakye è stato ricoverato per un aggravamento delle sue condizioni psicofisiche, rese ancora più complicate dalla pandemia; pochi giorni fa, nella notte tra il 19 e il 20 ottobre, è morto a 31 anni. A novembre avrebbe iniziato a ricevere la pensione d’invalidità.

Pubblicità

“Jerry si era stancato di vivere, ultimamente rifiutava le terapie, rifiutava il cibo: non aveva più speranza,” ha detto su Facebook Celestina Morando, organizzatrice della raccolta fondi. “E noi, a causa del virus, non abbiamo potuto stargli vicino come avremmo voluto. Questo è il nostro grande rammarico.”

Come ha scritto il fotografo Giulio Piscitelli (che ha seguito la vicenda), “Jerry è morto senza essere riconosciuto come cittadino, senza poter assistere alla fine del processo contro il suo aggressore e senza una assistenza sociale degna di questo nome.”

Dopo la sua scomparsa, la raccolta fondi è stata riconvertita per contribuire al rimpatrio della salma in Ghana e per aiutare la sua famiglia.

Segui Leonardo su Twitter e Instagram.