Immagine: Shutterstock

Nelle prossime 24 ore si decide il destino di Bitcoin

Oggi Bitcoin si suddivide in due valute diverse. Ecco tutto quello che dovete sapere.

|
01 agosto 2017, 12:27pm

Immagine: Shutterstock

Per due anni, la valuta digitale bitcoin è rimasta intrappolata in una diatriba interna alla sua comunità — ribattezzata da qualcuno "guerra civile" — in merito a come modificarne la tecnologia alla base per far sì che possa essere utilizzata in tutto il mondo. Dato che le due fazioni opposte sono rimaste ferme sulle loro posizioni, i toni dello scontro sono diventati così intensi che ad un certo punto uno degli inventori della criptovaluta ha dichiarato l'intero esperimento bitcoin un fallimento.

Il tutto fino ad oggi, i cui verrano decisi il destino di bitcoin e la sua promessa di rappresentare una valuta più libertaria. Ecco la posta in gioco e cosa potrebbe succedere.

La 'guerra civile'

Bitcoin è una moneta digitale: ogni sua transazione viene registrata su un registro pubblico accessibile a tutti denominato "blockchain." Tuttavia, la blockchain dei bitcoin sta affrontando una crisi di congestione. I "blocchi" dei dati di transazioni in Bitcoin che vengono continuamente aggiunti alla Blockchain sono pieni, e rallentano tutto il sistema. Le transazioni Bitcoin che dovrebbero richiedere 10 minuti per essere incluse in un blocco, "confermandole" come legittime, possono restare bloccate per ore o addirittura giorni. Un po' come pagare un caffè o una brioche con una carta di credito, ma dover attendere quattro ore prima che la transazione venga approvata.

Questa situazione è assolutamente sconveniente per i bitcoin. Dato che c'è meno spazio nei blocchi dei dati di transazione, il risultato è una maggiore concorrenza per includere la transazione nel blocco successivo in modo da accelerare il processo di conferma. Così, le ricompense che gli utenti possono associare alle loro transazioni per incentivare i "miner" (ovvero chi gestisce le server farm che svolgono il lavoro di aggiungere blocchi alla blockchain in cambio di una ricompensa) a far sì che le loro transazioni vengano incluse nel blocco successivo sono diventate sempre più costose. Questo ha reso determinati utilizzi di bitcoin inaccessibili agli utenti meno ricchi, portandoli così fuori dal mercato — un po' come se il prezzo di un caffè al bar superasse inesorabilmente i due euro.

Questa congestione ha dato il via a quella che essenzialmente è una battaglia che riguarda lo spirito stesso alla base dei bitcoin. Secondo diversi utenti, se la dimensione dei blocchi non viene aumentata in maniera considerevole, allora la blockchain può trasformarsi in uno strumento abbordabile solo da istituzioni consolidate che possono permettersi di pagare le ricompense elevate. Ad esempio, la blockchain potrebbe essere utilizzata solo per risolvere in maniera istantanea i stock delle azioni — opzione non troppo spiacevole per parte della comunità.

Tuttavia, l'opposizione sostiene che aumentando notevolmente la dimensione dei blocchi, bitcoin potrà realizzare il suo intento di diventare un sistema globale di pagamento a basso costo, un'alternativa alle banche e alle società di credito. Insomma, la realizzazione di un sogno libertario.

Il 'Fork'

Negli ultimi due anni, gli utenti di bitcoin si sono sfregati le mani pensando all'opzione di un "hard fork" che divida in modo irreversibile bitcoin in due versioni adatte alle due fazioni.

Proviamo a fare un paragone: il bitcoin è una patata. La maggior parte delle persone vuole usare questa patata per preparare un purè, perché il purè è buonissimo. Tuttavia, un gruppo più piccolo di persone vuole usare la patata per preparare delle patatine fritte. Mentre si è lavorato duramente per tenere insieme la patata per preparare il purè, qualcuno vuole comunque tagliare la patata a metà in modo che le persone che desiderano il purè possono avere ciò che desiderano mentre gli altri possano godersi le loro patatine fritte.

Il tentativo più recente e più efficace di evitare tale divisione è stato battezzato "Segregated Witness." Il Segwit, come viene abbreviato, è una modifica alle regole che influenzano il modo in cui vengono memorizzati i dati di transazione di bitcoin liberando una buona quantità di spazio all'interno dei blocchi. Per assicurare che il segwit venga adottato, la comunità di bitcoin ha minacciato la cosiddetta "user-activated soft fork," o UASF. In base a questo schema, dal 31 luglio, i blocchi dei miner che non supportano il segwit vengono ignorati dagli utenti che hanno imposto le nuove regole.

La situazione potrebbe diventare pericolosamente instabile se i miner anti-Segwit dovessero continuare a lavorare secondo le vecchie regole dopo il soft fork mentre i loro blocchi vengono respinti dagli utenti. I blocchi dei miner esclusi si aggiungerebbero l'uno all'altro, creando due catene diverse bloccate in una gara per determinare quale delle due diventa la più lunga. Ma trattandosi di un "soft fork," essendo essenzialmente temporanee, una delle due catene potrebbe "cancellare" l'altra — facendo in modo che la catena più debole smetta letteralmente di esistere, eliminando i suoi investimenti e i suoi guadagni.

Per attenuare il rischi del soft fork, la compagnia di bitcoin cinese Bitmain, che gestisce la più grande mining pool del mondo, ha proposto un "hard fork" alternativo. Questo per suddividere in modo permanente la catena e creare due versioni di bitcoin. Ciò, secondo quanto affermato dall'azienda in un post che spiega la sua decisione, sarebbe l'unico modo per far sì che le due catene non mettano in pericolo la loro esistenza e quella dei fondi investiti in esse.

Inizialmente, questo hard fork era solo un piano di emergenza che Bitmain prevedeva di attivare il 1 agosto, circa 12 ore dopo l'attivazione del soft fork. Bitmain assegnerà anche parte delle sue risorse di mining alla catena hard forked, ma solo se il bitcoin correrà un rischio significativo di dividersi in due catene concorrenti.

Tuttavia, questo piano di emergenza che prevede l'hard fork si è ben presto trasformato nel piano principale per un gruppo disparato di sviluppatori e utenti che pensano che il segwit non possa andare troppo lontano.

È stato battezzato "Bitcoin Cash" e dovrebbe aumentare la dimensione dei blocchi a otto megabyte, a partire dalla dimensione attuale di un megabyte. Secondo i sostenitori di Bitcoin Cash, l'unico modo per assicurare il bitcoin diventi un sistema di pagamento globale, piuttosto che l'ennesimo strumento in mano al settore finanziario, è aumentare le dimensioni dei blocchi al più presto.

Quindi, alla fine, bitcoin si dividerà. L'unica domanda è: chi andrà con chi? Se nessuno lavorerà con Bitcoin Cash, allora questo morirà. Ma se la gente lo seguirà, ci saranno due versioni diverse di bitcoin.

Una giornata al cardiopalma

La cosa da tenere d'occhio sarà la "capacità di hash" [hash power in inglese, ndt] un termine usato per indicare la percentuale del potere di estrazione nella rete bitcoin che un'azienda controlla. Se Bitcoin Cash ottiene abbastanza capacità di hash per far funzionare sulla sua chain, ha qualche probabilità di restare attiva.

Nessuno sa quanta capacità di hash finirà nella Bitcoin Cash. Al momento, il 100 percento dei blocchi creati dai miner sta segnalando il proprio supporto per Segwit. Questo significa che, dopo le otto di sera, potremmo probabilmente aspettarci che la stragrande maggioranza dei miner, se non tutti, si impegneranno a seguire le nuove regole segwit. Se il 100 percento della capacità di hash — ovvero, tutti i miner — si conformano alle nuove regole, allora l'hard-fork avrà il destino segnato prima di iniziare.

Bitmain, che controlla la più grossa pool di estrazione bitcoin al mondo è a favore di segwit, ma si è impegnata a estrarre la fork di Bitcoin Cash se la soft fork non viene risolta alla vecchia maniera. Stando a quanto scritto in un blog post, l'azienda ha deciso di estrarre inizialmente in privato una forked chain per le 72 ore successive alle 8:20 di mattina (ora americana), prima di rendere pubblica la nuova chain e permettere alle persone di costruirci sopra. Ad ogni modo, si legge sul post, se le persone estrarranno la hard forked chain pubblicamente a prescindere da tutto, Bitmain si limiterà a dedicare le proprie risorse di estrazione allo stesso scopo.

Se Bitcoin Cash ottiene abbastanza appoggio per convincere Bitmain a iniziare a estrarre la chain pubblicamente, allora questo costituirebbe un enorme incremento alla nuova blockchain. Altri miner potrebbero seguire l'esempio di Bitmain, dato che controllano un buon 21 percento della capacità di hash globale di bitcoin.

Una hard fork crea una blockchain identica, che specchierà la ricchezza in bitcoin delle persone in Bitcoin Cash. Per cui, se possiedi 10 bitcoin, avrai per magia anche 10 Bitcoin Cash. La nuova valuta avrà probabilmente un certo valore da subito: da un punto di vista di futures, pur non esistendo ancora al momento, la nuova valuta digitale è quotata sui 275 dollari. La cosa potrebbe costituire un incentivo perché le persone decidano di allinearsi con Bitcoin Cash.

Alla fine dei conti, però, nessuno sa cosa succederà dopo la bitcoin fork di martedì. Potrebbe essere un colpo enorme, o un fallimento totale. Restare a guardare per capire quanta capacità di hash si conformerà a Segwit durante la notte potrebbe fornire un'indicazione sulle possibilità che Bitcoin Cash resti in piedi entro la fine della giornata.

Dipende tutto da ciò che succederà in un paio di ore belle intense.