Droga

I residenti di Copenhagen hanno raso al suolo la 'via dei pusher' di Christiania

Gli abitanti della zona hanno usato piedi di porco, trapani e un bulldozer per demolire quella che un tempo era l'enclave 'hippie' della capitale danese.

di Keegan Hamilton
02 settembre 2016, 3:30pm

Photo par Thomas Borberg/AP/POLFOTO

Gli abitanti di Christiania hanno usato piedi di porco, trapani e un bulldozer per demolire una parte di quella che, un tempo, era considerata l'enclave 'hippie' della capitale danese, e che oggi è soprattutto un'area franca dedicata al commercio e al consumo di droghe più o meno leggere.

A scatenare l'assalto è stata l'insofferenza per gli alti livelli di criminalità nel quartiere. I residenti hanno abbattuto alcune delle casette di legno dove gli spacciatori di hashish e marijuana operano impunemente da decenni.

Mercoledì, una sparatoria aveva portato al ferimento di due poliziotti e di un passante. Uno dei due agenti è in gravi condizioni. A sparare è stato il sospetto spacciatore Mesa Hodzic, un cittadino danese di origini bosniache.

Secondo quanto riportato, Hodzic avrebbe aperto il fuoco contro i poliziotti quando questi ultimi hanno cercato di arrestarlo. Nella sparatoria successiva, avvenuta nella parte sud della città, l'uomo è stato ucciso.

Leggi anche: Qual è la vera storia del numero preferito da ogni fumatore di erba, il 420

L'incidente è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso per i residenti di Christiania, una comunità di circa 600 persone fondata da alcuni hippy nel 1971.

Hashish e marijuana sono illegali in Danimarca; nonostante questo, il quartiere è famoso in tutto il mondo per il clima di tolleranza nei confronti delle droghe. Perso lo spirito iniziale, i criminali hanno soppiantato i più amichevoli spacciatori locali, dando vita a quello che la polizia di Copenhagen aveva chiamato il "supermercato dell'hashish" cittadino.

Il video girato nel quartiere venerdì mostra decine di persone mentre cercano di abbattere gli stand di compensato decorati con l'effigie di Bob Marley e di altre celebrità famose per il loro amore per il fumo.

"È importante che facciamo questo, oggi, pensando al poliziotto ferito," ha riferito il portavoce della comunità Risenga Manghezi ad Associated Press. "Ma non possiamo garantire che non spuntino di nuovo, sfortunatamente."

Secondo il sito di notizie danese The Local, l'ultimo tentativo di far piazza pulita nella "strada dello spaccio" avrebbe infatti permesso alle gang di solidificare il loro controllo sul traffico di droga. Le autorità avevano cercato di demolire l'area nel 2004, ma "elementi ancora più solidi si erano poi stabiliti nella zona vuota e il mercato era tornato più grande di prima."

Oltre alla demolizione, gli abitanti del posto stanno chiedendo la collaborazione di danesi e turisti, pregandoli di andare a comprare l'erba altrove d'ora in poi.

"Possiamo rimuovere gli stand ma non possiamo assicurare che gli spacciatori non tornino. Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutta la Danimarca, per questo. Se sostieni Christiania, smettila di comprare cannabis qui," ha detto Manghezi.

Leggi anche: L'età dell'oro del traffico di droga: così meth, cocaina ed eroina si spostano nel mondo


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Segui Keegan Hamilton su Twitter: @keegan_hamilton