Πακιστάν

I religiosi pakistani che hanno dichiarato legale il matrimonio tra transessuali

I leader religiosi pachistani stanno facendo dei grossi passi avanti nel percorso di accettazione delle persone transessuali.
27 giugno 2016, 4:15pm
Transgenders Sunny (à gauche) et Maria discutent devant le pas de la porte à Peshawar au Pakistan, le 27 juin 2016. Photo de Fayaz Aziz/Reuters

Un gruppo di chierici in Pakistan ha dichiarato che il matrimonio tra persone transgender è permesso dall'Islam, aggiungendo che gli individui transgender hanno diritto a essere sepolti con riti musulmani. Lo si legge in una copia di un editto religioso che Reuters ha ottenuto lunedì 27 giugno.

Secondo quanto afferma nella fatwa (ossia una sentenza emessa da un'autorità religiosa) il Tanzeem Ittehad-i-Ummat Pakistan, un ente clericale poco noto che ha sede nella zona orientale della città di Lahore, le persone transgender inoltre hanno pienamente diritto a beneficiare della legge islamica sull'eredità.

"Le persone transgender con attributi maschili possono sposare persone transgender con attributi femminili," recita il documento, firmato da 50 ecclesiastici ed emanato domenica 26 giugno.

"Per di più, uomini e donne normali possono sposare individui transgender i cui corpi presentino chiari attributi."

Tuttavia, non viene specificato quali siano questi attributi.

Nel 2012, la Corte Suprema del Pakistan ha dichiarato che i cittadini transgender devono avere pari diritti, tra cui quello a ereditare beni patrimoniali. Un anno prima i transgender pakistani avevano ottenuto il diritto di voto.

D'altro canto, la legge pakistana sul matrimonio è ancora piuttosto confusa. Nega alle coppie omosessuali il permesso di sposarsi, e in passato gli omosessuali maschi sono stati multati in virtù della legge contro la sodomia.

La fatwa di domenica dice che sposarsi con un individuo che presenta al contempo attributi maschili e femminili è contro i principi islamici.

Le persone transgender che vivono in Pakistan, un paese con 190 milioni di persone, sono evitate dalla società tradizionale, e spesso per vivere sono costrette a fare l'elemosina, a prostituirsi o a danzare.

Alla fine dello scorso mese, Alisha, una donna transgender di 23 anni, è morta perché il più grande ospedale del settore pubblico - che si trova a Peshawar (nel nord-ovest del Pakistan) - ha rifiutato di curarla dopo che aveva riportato ferite da arma da fuoco.

La sua morte ha suscitato un dibattito sui diritti delle persone transgender. Un'indagine ha fatto emergere che i primari dell'ospedale erano colpevoli di "negligenza criminale" - con la raccomandazione di proseguire con le accuse.

In ogni caso, nella tradizione sud-asiatica che attribuisce poteri spirituali agli eunuchi e ad altre figure che esulano dalle consuete divisioni di genere, gli individui transgender sono talvolta venerati.

La fatwa dei chierici di Lahore, sebbene non sia giuridicamente vincolante, prevede inoltre che molestare una persona transgender debba essere considerato un crimine nell'Islam.

"Sbeffeggiare le persone transgender, prenderle in giro, stuzzicarle, considerarle inferiori è contro la sharia, perché atti di tale tipo equivalgono a denigrare una delle creature di Allah, il che non è corretto," dice inoltre la fatwa.

Leggi anche: I detenuti transgender continuano a subire violenze nelle carceri di tutto il mondo


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook