FYI.

This story is over 5 years old.

VICE News

Queste donne trasportavano due milioni e mezzo di eroina nascosti dentro bustine da tè

Non è la prima volta che accade, quest'anno: le donne ora devono rispondere di possesso e trasporto di sostanze illegali.
12.5.16
Foto via Chicago Police Department

Avevano un carico di eroina da due milioni e mezzo nei loro bagagli in bustine da tè, ed erano appena atterrate all'aeroporto O'Hare di Chicago.

Così tre donne sulla cinquantina, provenienti dal Minnesota, sono state arrestate dopo un controllo degli agenti di frontiera.

In possesso delle donne – Pa Yang, 57 anni, Mai Vue Vang, 58 anni, e True Thao, 52 anni – gli agenti di frontiera hanno trovato numerosi pacchetti di eroina e oppio, per un peso totale di 31.5 chilogrammi.

Pubblicità

Tutte e tre sono state arrestate e portate in custodia verso le 16:20. Non è ancora chiaro se fossero partite dal Giappone, o se fossero arrivate lì per una coincidenza da un altro aeroporto. Tutte e tre sono state prese in custodia all'aeroporto, e dovrebbero presentarsi in tribunale oggi.

Lo scorso mese, Khoua Vang, 49 anni, del Minnesota, era stata arrestata all'aeroporto O'Hare di Chicago dopo che gli agenti le avevano trovato nel bagaglio 17 chili di oppio e più di 35000 pillole di metanfetamina. Vang era rientrata negli Stati Uniti da Laos, attraverso la Corea del Sud. È stata condannata per traffico, possesso e trasporto di metanfetamine e traffico di sostanze illegali.

A marzo, gli agenti dell'aeroporto internazionale di Minneapolis avevano arrestato una donna che trasportava oltre 15 chili di polvere d'oppio nascosta in un contenitore etichettato come tè verde. Ma Lee Vue, 35 anni, aveva volato da Laos, via Tokyo.

All'inizio dell'anno, gli ufficiali del Minnesota hanno riferito che le forze dell'ordine hanno sequestrato 82.000 dosi di eroina dalle strade nel 2015 – un aumento del 125 per cento dall'anno precedente.

L'area di confine tra Birmania, Laos e Tailandia è conosciuta come il Triangolo d'Oro, a causa della diffusa coltivazione di oppio e della produzione di eroina.

Jeremy Douglas, il rappresentante dell'ufficio ONU per la droga e il crimine (UNODC) nel sudest asiatico, aveva riferito a VICE News lo scorso mese che i deboli confini all'interno del Triangolo d'Oro rendono semplice per i trafficanti trasportare la merce nei vari paesi.

Pubblicità

"Tra Laos e Tailandia puoi far circolare praticamente quasi tutto," aveva detto Douglas. "Non ci vuole un genio. Lo stesso vale per Tailandia e Birmania – i traffici non vengono bloccati dai meccanismi di controllo che troveresti sulla maggioranza dei confini perché mancano i mezzi per la protezione."

La coltivazione di papaveri da oppio nel Triangolo d'Oro è triplicata tra il 2006 e il 2014, ed è rimasta per lo più stabile. Mentre la produzione, in generale, è diminuita in Birmania, i contadini della regione (in particolare nelle zone rurali del Laos) si affidano pesantemente alla coltivazione del papavero.

"La richiesta di eroina della regione rimane a livelli inaccettabili e la criminalità organizzata internazionale ne sta traendo grande profitto," riporta un rapporto dell'UNODC del 2015.

Leggi anche: L'età dell'oro del traffico di droga: così meth, cocaina ed eroina si spostano nel mondo


Segui VICE News Italia_ su Twitter, su Telegram e _su Facebook

Segui Tess Owen su Twitter: @misstessowen