Pubblicità
Droga

Cosa rischi se fai uso di droghe e vuoi andare in vacanza negli USA

Dopo che una turista britannica è stata espulsa perché alla dogana le hanno trovato sul telefono un vecchio messaggio sulla cocaina, abbiamo chiesto a un esperto cos'altro potrebbe diventare un problema.

di David Hillier
03 luglio 2019, 9:53am

Immagine via Flickr/Valerie Everett.

Isabella Brazier-Jones era partita con la sua migliore amica, Olivia Cura, per il viaggio della vita. Le due avevano programmato un mese a Los Angeles, e poi un altro a New York—peccato che Isabella non sia mai andata oltre l’ufficio immigrazione dell'aeroporto di Los Angeles.

I funzionari di frontiera avevano dei sospetti, e l'hanno interrogata ripetutamente per 24 ore, prima di trovarle sul telefono un messaggio sulla cocaina vecchio di due anni. Isabella ha ammesso di aver fatto uso della droga in passato, si è vista negare l'ingresso nel paese ed è stata rispedita a casa.

Alle tante persone che hanno letto la sua storia, è sembrata una cosa un tantino drastica, per usare un eufemismo. Così ho chiamato Karnig Dukmajian, un esperto avvocato dello studio Laura Devine Solicitors, specializzato sulle leggi sull'immigrazione, per scoprire se qualcuno che vuole visitare gli USA e ha fatto occasionalmente uso di droghe è a rischio.

VICE: Ehi Karnig, sei rimasto sorpreso di quello che è successo a Isabella?
Karnig Dukmajian: Non mi ha affatto sorpreso. Non sto difendendo quello che è successo, ma sembra essere nei limiti della legge, o almeno coerente con il modo in cui le autorità di frontiera degli Stati Uniti agiscono abitualmente in circostanze simili. La legge dice che se sei stato condannato per aver violato una legge statunitense o straniera relativa a sostanze stupefacenti, o se hai ammesso di aver violato una legge del genere, allora non puoi essere ammesso negli Stati Uniti.

Perché pensi che abbiano scelto di interrogare proprio lei?
Potrebbe essere stato qualcosa nel suo atteggiamento ad averli insospettiti. Tuttavia, sulla base del resoconto di Isabella su VICE, sembra che all’inizio l'ufficiale di frontiera abbia avuto il sospetto che volesse cercare lavoro negli Stati Uniti senza permesso. Immagino che le autorità le abbiano perquisito il telefono in cerca di prove, e invece sembra che poi abbiano trovato dei messaggi sulla cocaina.

Ed è normale che alla frontiera sequestrino il telefono solo in base a un'intuizione?
Il diritto alla privacy è attenuato alla frontiera, e in particolare i diritti di uno straniero sono molto limitati. Quindi, per quanto possa sembrare scioccante, hanno l'autorità di prenderlo e guardare qualsiasi cosa ci stia dentro. Qualsiasi messaggio sulla droga può essere utilizzato come punto di partenza per una confessione. Ci sono degli standard legali che le autorità dovrebbero seguire, ma l'esperienza recente ha dimostrato che una semplice confessione sull'essere stati in possesso di sostanze stupefacenti è ritenuta sufficiente per negare l'ingresso.

Non avrebbe potuto negare di essere a conoscenza del messaggio e dire di non aver mai assunto droghe?

Sì, questo lascerebbe le autorità senza una confessione, che potrebbero però comunque negarti l'ingresso per altri motivi. Ma la maggior parte delle persone lo ammetterebbe, di fronte ai propri messaggi. C'è anche la questione delle false dichiarazioni. Se pensano che tu stia mentendo—se dici di non aver mai inviato l'ipotetico messaggio—la stessa bugia può essere motivo di inammissibilità.

E se trovassero una sigaretta elettronica o un barattolo per l’erba?
Potrebbero contenere dei residui, che potrebbero considerarsi possesso. Portarsi oltre confine strumenti per drogarsi potrebbe sollevare anche questioni penali.

Probabilmente sarebbe lo stesso se dessi l'impressione di essere sotto l’effetto di droghe o magari puzzassi di erba?
Sì.

Come funziona adesso che undici stati americani stanno legalizzando la cannabis a uso ricreativo e 33 per uso medico?
La marijuana rimane illegale a livello federale. La legge federale supera la legge del singolo stato quando si parla di immigrazione, quindi per questo motivo la legalizzazione da parte degli stati è in gran parte irrilevante.

Quindi, presumibilmente, il fatto che sia legale in Canada potrebbe essere un problema per i canadesi che vengono in America?
Potenzialmente. Per esempio: ci sono persone che lavorano legalmente nell'industria della marijuana in Canada, e se alla frontiera gli venisse chiesto cosa fanno—e lo dicessero—potrebbero vedersi negato l’ingresso negli Stati Uniti. L'anno scorso è stato pubblicato un avviso, che diceva a grandi linee: “Comprendiamo che il Canada ha legalizzato la marijuana, ma continueremo a far rispettare la nostra legge".

Cosa potrebbe succedere a una persona europea che si è fatta una canna in uno stato dov’è legale come la California e l’ha pubblicata sui social media?
Se sei un cittadino britannico che è venuto negli Stati Uniti e ha fumato marijuana legalmente in California, la posizione del governo federale è che hai infranto la legge federale degli Stati Uniti con il possesso di marijuana. Se le autorità lo scoprono, al tuo prossimo viaggio negli Stati Uniti potrebbe venirti negato l'ingresso.

Alcuni parlamentari inglesi hanno recentemente ammesso di aver fatto uso di droghe. Verrebbe negato l’ingresso anche a loro?
Le regole di inammissibilità—ad eccezione dei problemi di sicurezza nazionale—non si applicano a certi funzionari e diplomatici stranieri. Quindi, se stai viaggiando in veste ufficiale, non importa.

E se il noto cocainomane Michael Gove si dimettesse come deputato e volesse in futuro andare in vacanza negli Stati Uniti?
Se in futuro viaggerà a titolo personale, potrebbe incontrare delle difficoltà, come ad esempio vedersi respinta l'autorizzazione a viaggiare con il Visa Waiver Program [ESTA], o vedersi negato l’ingresso. Ma potrebbe richiedere un visto turistico e un’esenzione di inammissibilità, e si troverebbe in una posizione migliore rispetto alla maggior parte delle persone per ottenerla. Devi ricordarti che, anche se le regole sono rigide, molte persone hanno fatto uso di droghe e prosumibilmente non è nell'interesse dell’America bandirle tutte, soprattutto se non rappresentano un rischio e hanno un motivo legittimo per viaggiare negli Stati Uniti.

Segui David su Twitter.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .