Salute

Ho provato una dieta degli anni ’70 che prevede solo uova e vino bianco per 3 giorni

Un numero di Vogue di qualche decennio fa aveva pubblicato una dieta talmente assurda che è diventata una meme.

di Aleksandra Bliszczyk
10 maggio 2019, 8:52am

Tutte le foto di Nick Buckley

È incredibile che alle donne sia stato consigliato di seguire questa dieta per oltre un decennio. Ecco come sprigionare un'illusione di sensualità mentre ti senti come lo sporco sul fondo di un bidone della spazzatura.

Nel 1977, Vogue ha pubblicato questa “dieta lampo” per le donne:

1537771333526-IMG_8202

La ricetta era comparsa originariamente nel 1962, nel best seller del New York Times Sex and the Single Girl: The Unmarried Woman’s Guide to Men, della scrittrice americana (e più tardi editor di Cosmopolitan) Helen Gurley Brown. Offriva consigli per appuntamenti romantici, “amicizie sessuali,” relazioni, equilibrio tra lavoro e vita privata, risparmi, styling, mangiare e bere.

È stata poi ripubblicata nel libro Vogue Body and Beauty Book del 1977, prima di riemergere come meme su Facebook. Ed è qui che l'ho trovata.

La dieta di Gurley Brown era di soli due giorni, e lei la raccomandava per un fine settimana, visto che rende “frastornate”. Ma d’altro canto, prometteva che senza consumare nient'altro che uova, vino, bistecca e caffè senza zucchero, avresti perso oltre due chili.

Ed è per questo che ho deciso di provare a vivere come una socialite degli anni '70 per tre giorni.

1537771621752-DayOne_2

Primo Giorno, domenica: 60,7 chili

Ho iniziato la giornata andando dal macellaio per comprare tre bistecchine da un etto e mezzo. Ha dovuto tagliare il filetto quattro volte prima che fossero abbastanza piccole. Poi sono andata al negozio di vino in zona per comprare dello Chablis, che è un vino di lusso di una regione della Francia. Lì, ho scoperto che lo Chablis più economico costava 70 euro, quindi alla fine ho scelto il “classico vino secco” da 12 Euro.

Tornata a casa, il mio ragazzo Nick, in post sbornia, mi ha offerto le sue scoregge come sostentamento. Non avevo ancora cominciato ed ero già di cattivo umore.

“Riusciremo *noi* a superare questa cosa?,” ha chiesto. Volevo il mio uovo.

1537771659578-DayOne_5

Nick s’è mangiato dell’avocado, del formaggio di capra e del prosciutto col pane, lo stronzo. Io ho tirato giù i quattro quarti viscidi di un uovo come fanno le foche durante gli spettacoli. “Non mangiare di furia, ricordati che è tutto quello che puoi avere,” ha detto il mio coinquilino Alex. Il vino? Stavo mandando giù bile di gatto, ma almeno mi aveva fatto passare la sbornia. Alticcia di domenica mattina, la vita andava bene.

1537771823643-DayOne_13

Ore 14:00

Per pranzo ho mangiato ancora dell’uovo e ho scoperto che l'ultima cosa che volevo era dell’altro uovo. Il problema non era quanto avessi fame, ma come le uova fossero le uniche cose per assorbire l’acido ci cui avevo pieno lo stomaco. Stavo anche prolungando la tortura sorseggiando i miei due bicchieri di vino lentamente. Entusiasmo andato, energie andate —sentivo tutti gli effetti depressivi dell’alcol.

Ore 19:00

Chi sapeva che la bistecca al limone fosse così buona? A questo punto, in realtà non avevo molta fame ed è stato un po’ faticoso mangiarla tutta. Questo voleva dire che il mio corpo era entrato in modalità fame? Non appena l’ho finita, comunque, mi sono sentita benissimo. Il corpo gioiva. Dopo essermi sentita esausta per tutto il giorno, ho avuto un improvviso picco di energia, che ho sfruttato per ridacchiare ubriaca prima di crollare alle 22.

1537771975864-DayTwo_1


Giorno 2, Lunedì (lavoro da casa). 60,3 chili

Di solito, una volta che suona la sveglia mi alzo, ma quella mattina mi sono sentita spossata come quella volta che avevo preso un'influenza tropicale in Vietnam. Ma la pancia era molto più piatta di quanto non fosse 24 ore prima.

Questa dieta era stata pubblicizzata come la risposta per raggiungere felicità e fiducia in se stessi. “Se sei già un mucchio di chili in sovrappeso, devi fare qualcosa, o non puoi sperare di goderti la vita da single,” aveva scritto Gurley Brown. Ma quando mi sono alzata dal letto mi ha colpito un forte dolore ai reni - ero stitica. Un'immagine di non-goduria e di totale non-salute.

Ore 10:00

La mia coinquilina Erin ha fatto una torta. Uova tagliate a metà, questa volta, per farla finita subito. Ma ho scoperto che mezzo uovo spappolato in bocca non è meglio di un piatto di poltiglia di uovo. Questo bicchiere di vino per colazione si è dimostrato un’ottima fonte di energia. Dopo colazione, sorprendentemente non avevo fame! Forse era così che funzionava la dieta. Era solo una dieta di inibitori dell'appetito. Ma 20 minuti dopo stavo morendo di fame e il mio stomaco bruciava. I rumori che faceva andavano da sordi gorgoglii a richiami di balene più acuti.

1537772305541-IMG_8207

Più tardi quel giorno ho trovato un archivio online delle copertine di Vogue Stati Uniti dal 1977, l'anno in cui hanno pubblicato la loro versione della dieta. Se il testo di copertina di quell’anno parlava per lo più di trucco, il sottotitolo di luglio era “Come apparire bellissime, sentirsi vive!" Ero abbastanza sicura che questa dieta non mi stava facendo né sembrare bellissima né sentirmi viva, eppure le splendide donne di Vogue che mi sorridevano sembravano così sexy, senza sforzo. "Come faccio a diventare così?" si chiedeva ogni donna americana nel 1977.

Ore 14:00

Le uova tagliate in quarti erano decisamente la scelta migliore. Le uova da sole, senza altri ripieni, fanno abbastanza schifo e mi sono tappata il naso masticandole. Forse è così che funziona la dieta: ti fa mangiare quasi nulla per tre giorni. Una mia amica biochimica mi ha detto che una dieta di sola acqua sarebbe stata probabilmente meglio per me. “Vino e uova non hanno senso,” ha detto. Non ho avuto la stessa carica dal vino a pranzo, come ne ho avuta dai vini del mattino. Le cose hanno cominciato a peggiorare velocemente dopo pranzo.

1537772618274-DayTwo_4

Ore 16:30

Non riuscivo più lavorare. Ero a letto con un mal di testa pulsante. Ma “Stare a letto [da sola] è sexy,” scrive Gurley Brown. Era sexy, questo?

Ore 19:00

“Non guardarmi con quegli occhi smorti” ha detto Nick, trangugiando un intero sacchetto di patatine di mais al formaggio. Dopo cena ero un po’ brilla, ma in modo nuovo e non particolarmente divertente. Mi sentivo stordita e disconnessa dal mio corpo, come se mi stessi solo abituando al corpo usato di un donatore con problemi al fegato. Le mie viscere ribollivano e facevo un sacco di rutti. Avevo gli occhi pesanti e sono andata a letto alle nove di sera.

1537772714415-DayThree_2

Terzo giorno, martedì (in ufficio): 59,4 chili

Mi sono svegliata sentendomi debole e affaticata. Ero fisicamente fiacca e senza fiato. Il dolore allo stomaco era aumentato, estendendosi a ogni organo del corpo. Avevo un aspetto magro e grigio. Ma magro.

Il libro di Gurley Brown ha un intero capitolo intitolato “Come essere sexy” in cui elenca le cose da fare e da non fare per ottenere approvazione maschile. "La carne che non sia saldamente attaccata alle ossa" non è sexy, ha scritto. Ho letto questa cosa, sentendomi avvizzita, come se la mia carne potesse staccarsi da un momento all'altro. Non penso che quello fosse l’obiettivo.

Poi proseguiva sostenendo che gli uomini che dicono di apprezzare le ragazze “in carne” “non sono sicuri della loro mascolinità.” Quindi, secondo Gurley, degli scheletri emaciati lo farebbero sentire più uomo? Favoloso.

1537772786611-DayThree_3

Ore 9:10

Alcuni amici del lavoro sapevano cosa stavo facendo, ma non l’avevo detto ai miei capi per non dover spiegare perché bevevo al lavoro. Quindi ho bevuto il vino della colazione alla mia scrivania, da un thermos. Mentre bevevo vino, affamata, e tentavo di concentrarmi, vedevo le lettere sulla mia tastiera ballare, come sotto funghetti.

“Ti senti brilla?” ha detto scherzando uno dei miei colleghi. Ero così stanca che non lo sapevo nemmeno più. Non sapevo se ero ubriaca o solo nel limbo. Il buon Riesling che mi ero concessa l'ultimo giorno sapeva di aceto. Le mie papille gustative raccoglievano solo i sapori acidi per avvertirmi: Basta. Cibo. Acido.

Ore 12:00

Era molto difficile respirare normalmente. Mi facevano male lo stomaco, le budella e i reni, avevo mal di testa, i denti e la mascella mi facevano male, e ondeggiavo quando camminavo. Potevo sentire la voce di Gurley Brown: “Riuscire a stare sedute belle composte è sexy.” Questa dieta è stata originariamente consigliata per il fine settimana. Ma io non stavo girando per casa a fumare sigarette e leggere Vogue, stavo cercando di lavorare.

"Una buona salute è sexy. Le ragazze stanche sono stancanti!” scrive Gurley Brown. “Conosco un uomo che dice di aver sposato sua moglie perché aveva tanta vitalità.” COSA VUOI DA ME, HELEN?! COSA VOLETE DA ME, UOMINI?!

Ore 13:30

Ogni sorso di vino mi grippava lo stomaco e alla fine, non ce l’ho fatta più. Sono andata in bagno a cercare di vomitare, ma è uscita solo un po’ di saliva. Stai cercando di sforzarti di vomitare sul posto di lavoro? Non è normale, non va bene.

1537773001564-TheEnd

Ho detto a Nick quello che era successo tra le lacrime e mi ha detto di mangiare l'avocado che avevo sulla scrivania. L'ho fatto. Ho rotto con la dieta prima della fine perché a) sì, ne avevo sperimentato tutti gli effetti, e b) non volevo più causare dolore a me stessa.“

"Sembra che tu stia già molto meglio,” dice un mio collega, dopo due boccate di avocado. Ero sommersa da un sentimento di sollievo.

1537773067781-Lead

Quindi, cosa ho imparato da tutto questo?

Avevo interrotto la dieta con otto ore di anticipo, e avevo perso meno di un chilo e mezzo—neanche i due chili promessi. Ma emotivamente la dieta mi aveva colpito come una valanga da 9000 tonnellate.

È incredibile che alle donne sia stato consigliato di seguire questa dieta per oltre un decennio. Ecco come sprigionare un'illusione di sensualità mentre ti senti come lo sporco sul fondo di un bidone della spazzatura. Nel capitolo su “Come essere sexy”, Gurley Brown ha scritto che “essere sexy significa accettare tutte le parti del tuo corpo come degne e apprezzabili." Ma ridursi a pezzi sotto la pressione di dover sopportare un tale dolore non è sexy

.Invece ho deciso di “accettare tutte le parti del [mio] corpo come degne e apprezzabili.” Fanculo al patriarcato, fanculo agli standard di bellezza, fanculo al vino bianco di merda.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram .

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.