mouse jiggler
IlluGetty Images

Per molti lavoratori, usare un 'mouse jiggler' è l’unico modo per andare in bagno in pace

Il mouse mover è uno strumento per muovere il mouse; per chi lavora da remoto è fondamentale per non far ‘vedere’ fisicamente quando non sei al computer.

Leah non si aspettava che il video di TikTok in cui illustra un “trucco” per chi lavora da casa diventasse virale. Leah lavora da remoto dall’inizio della pandemia e nel video spiega come usare un mouse mover (o mouse jiggler)—un piccolo dispositivo posizionato sotto il mouse per mantenere il cursore attivo. Il computer aziendale imposta il suo status su “non disponibile” appena smette di muovere il cursore o si allontana dalla scrivania per più di qualche secondo, e con tre figli a casa che avevano bisogno di aiuto per le lezioni a distanza durante la chiusura delle scuole, quel “non disponibile” la faceva imbestialire.

Pubblicità

“Lavorando da remoto i tuoi colleghi non possono ‘vedere’ fisicamente se ti alzi per andare in bagno o per prendere il pranzo. O per stare sul divano 30 minuti e recuperare le energie,” mi dice Leah. “L’ultima cosa che volevo in quei momenti era avere la paranoia che le persone potessero pensare che non stavo lavorando—specialmente dato che a me sembrava di lavorare più che mai.”

All’inizio della pandemia, in molti pensavano che la crisi globale dovuta al COVID-19 avrebbe dato alle persone la consapevolezza che la vita è breve e che non ha senso passarla inchiodati a una scrivania. C’è stata un’ondata di dimissioni e di spostamenti lontano dalle grandi città, è vero, ma è anche nata una nuova parola per la gestione dei lavoratori da remoto: bossware.

Un bossware è uno spyware installato dal datore di lavoro. Alcune aziende impongono ai dipendenti l’uso di software che controllano la tastiera o il mouse, per assicurarsi che lavorino ogni momento. Anche se non è il mouse a essere spiato, le app di chat modificano lo status su “non disponibile” se la persona è inattiva per un breve periodo, come nel caso di Leah. La Electronic Frontier Foundation ha dichiarato i bossware non etici e il Center for Democracy and Technology li ha definiti dannosi per la salute dei lavoratori.

Pubblicità

Ma la sorveglianza aziendale è un problema da molto prima della pandemia; Lorenzo, fondatore di un’azienda che produce mouse mover, ha detto alla testata Slate di aver ingannato una piattaforma di chat con un aggeggio di legno e plastica semovente la prima volta nel 2017, perché il suo capo gli scriveva appena lui si alzava per bere dell’acqua.

Oggi, i mouse jiggler fatti in casa per ribellarsi ai bossware sono più comuni—ne esistono fatti di LEGO, o fatti da un mero mattone sulla barra spaziatrice—e gli store online straripano di strumenti simili da attaccare a una presa di corrente o a una porta USB.

Ci sono decine di risultati solo su Amazon e migliaia di recensioni su come questi strumenti hanno aiutato le persone a battere un certo software di sorveglianza. I software che tracciano il livello di attenzione e di attività di un dipendente esistono da anni, sia per lavoratori in remoto che per chi lavora in ufficio, a cui si aggiungono poi studenti e sistemi di proctoring universitari. Ma la pandemia ha alimentato il mercato come niente altro prima.

Pubblicità

Il mouse mover di Leah è prodotto dalla Tech8USA. Diana Rodriguez, portavoce aziendale, ha spiegato a Motherboard che l’azienda aveva lanciato il mouse mover a febbraio 2020, poco prima dei lockdown negli Stati Uniti; inizialmente le vendite erano state modeste, ma a due mesi dallo scoppio della pandemia hanno visto un incremento impressionante. E nonostante molte persone siano tornate in ufficio, le vendite non rallentano.

Dati di vendita dell'azienda che produce mouse mover Tech8USA. Courtesy Tech8USA

Dati di vendita dell'azienda che produce mouse mover Tech8USA. Courtesy Tech8USA

Rodriguez ha detto che i clienti arrivano dai settori più disparati—sono insegnanti, avvocati, contabili, studenti e altro ancora. La maggior parte di loro acquista un mouse jiggler per due sole ragioni: tenere lo schermo attivo quando leggono documenti o monitorano sistemi di rete, o aggirare politiche di lavoro arcaiche per cui la produttività è direttamente proporzionale all’attività di mouse e tastiera.

Screenshot of Amazon mouse mover listings

Screenshot via Amazon

“Il problema di ricompensare la presenza rispetto alla produttività esiste da sempre, ma la virtualizzazione forzata del posto di lavoro con la pandemia ha peggiorato le cose,” dice Rodriguez.

Le ricerche per “mouse mover” o “mouse jiggler” (termine equivalente) sono schizzate alle stelle a marzo 2020, e sono rimaste alte nel resto dell’anno e nel 2021, se paragonate ai cinque anni precedenti. Comprare un oggetto fisico non è neanche strettamente necessario: esistono download gratuiti di software che imitano i movimenti del mouse, ma se lavori per un’azienda che li controlla, non hai probabilmente i privilegi di accesso per installare nuovi software sul tuo computer di lavoro.

Pubblicità

Su YouTube, infine, i video a tema mouse mover hanno centinaia di migliaia di visualizzazioni. Questi video sono pensati per essere avviati dal telefono, su cui viene appoggiato il mouse, così che i movimenti delle linee nel video ingannino il sensore ottico del cursore.

“Da quando abbiamo iniziato a lavorare da casa, la mia azienda fa il culo a tutti se qualcuno va ‘offline’ nella chat,” scrive qualcuno della community di Reddit r/antiwork a proposito del software di mouse mover che usa. “Il mio capo ti fa la piazzata via email con tutto il team di vendite in CC, o ti chiama al cellulare e chiede perché non sei alla scrivania. Non ne potevo più, così ho trovato una app che muove il mouse; in quel modo Teams/Skype/qualsiasi app di chat usi ti segnala come attivo… Non fatevi mettere sotto da questi bastardi.” Qualcun altro ha commentato dicendo che aveva ottenuto lo stesso effetto piazzando un mouse ottico in cima a un orologio analogico. Alcuni dei mouse mover venduti su Amazon fanno proprio questo, con un contenitore di plastica un po’ più ampio intorno.

“La pandemia si è dimostrata un grande catalizzatore del rifiuto del lavoro fisso dalle nove di mattina alle sei di sera. La situazione si è ribaltata a favore del Lavoratore,” sostiene Rodriguez. “Ora hanno loro il potere. Hanno a cuore la flessibilità. Sono ambiziosi. Hanno a cuore l’equilibro vita-lavoro e non hanno paura di dire no a superiori che non condividono questi valori. Il Mouse Mover è uno strumento nuovo in questo cambiamento—e noi stiamo dalla parte dei lavoratori della conoscenza.”