FYI.

This story is over 5 years old.

Fare la barista mi ha insegnato un sacco di cose sulle relazioni

Se fai il barista abbastanza a lungo, ti capita di vedere un sacco di scene folli e drammatiche. Gente che si lascia in pubblico, urla e ragazze che si tirano i capelli a vicenda per dei 'mi piace' su Facebook.
27.2.15
Foto via Flickr.

Lavorando in un locale impari un sacco di cose. Soprattutto perché passi le ore a osservare persone più o meno ubriache che ne fanno di ogni. Per conoscere le esperienze di altri baristi, vai qui.

Capisco perché ci sono persone che, dovendo scaricare il proprio partner, scelgono di farlo in un locale—è un territorio neutrale. Ma così facendo è anche vero che si costringono i presenti ad assistere. Si potrebbe quasi definirla una cosa da maleducati.

Da dietro il bancone è abbastanza facile capire quando qualcuno ha avuto una brutta serata, così com'è facile capire se qualcuno è buon cliente o se sa come ci si comporta in contesti del genere. Se qualcuno entra e, anche se si vede che è giù di corda, mi fa una buona impressione, io posso pure offrirgli da bere—mi è già capitato. Se poi si tratta di un cliente regolare, lo faccio senza pensarci due volte.

Mi sono accorta che molto spesso le persone non hanno voglia di parlare di quello che gli sta capitando. Non mi capita spesso che una persona abbia voglia di parlare con me subito dopo una rottura. Di solito le scene che vedo sono più strane e drammatiche.

Il mio amico Ian, che fa il barista in un elegante locale del centro, mi ha raccontato che una volta mentre era di turno è entrata una coppia. La donna ha chiesto quale fosse lo scotch più costoso sul menù: era il Johnnie Walker Blue Label, da 150 dollari a consumazione. L'ha ordinato solo per poterlo tirare in faccia al suo compagno e andarsene. Spero che lui se lo meritasse, perché è un gesto davvero ostile.

A me scene del genere sono capitate in due occasioni. Nella prima, e la più brutta, lei strillava in modo fastidioso, lui urlava e cercavano di calmarsi a vicenda. Alla fine, però, lui se n'è andato, furioso.

Lei è rimasta seduta al bancone per circa un'ora, a piangere. Ogni tanto mi avvicinavo e le chiedevo, "Va tutto bene?" Lei mi rispondeva, "Sì, mi serve un attimo per riprendermi." A un certo punto sono stata costretta a dirle, "Capisco che non sia un buon momento, ma non avete ancora pagato il conto. Sono 70 dollari." Lei ha iniziato a piangere a dirotto e alla fine siamo stati costretti a offrirle la cena, mentre lei ci diceva, "Grazie, grazie mille, è davvero un bel gesto. Mi sento di merda," e così via.

Nel frattempo, il DJ si stava mettendo alla console. Eravamo convinti che a quel punto lei se ne sarebbe andata, ma alla fine è rimasta tutta la sera al bancone. Si è data una sistemata al viso, ma si vedeva che aveva pianto. Si vedeva che stava passando una brutta serata.

A quel punto è arrivato il fratello di uno dei nostri buttafuori, un tizio samoano di 130 chili; lei l'ha puntato appena lui ha messo piede nel locale. Se l'è portato a casa, e il giorno dopo lui si è presentato da noi in orario aperitivo, tutto pieno di graffi e lividi. Gli abbiamo chiesto cosa gli fosse successo, e a quanto pare si erano fatti una gran scopata finché lei non gli ha vomitato sul letto.

La parte migliore di questa storia è che una settimana dopo lei è tornata, e da quel giorno è diventata una cliente abituale. È diventata l'oggetto del desiderio di un sacco di uomini. Ma la sua è stata di gran lunga la rottura più drammatica a cui ho assistito lavorando al bancone.

E poi c'è la seconda. In questo caso, all'inizio sembrava andare tutto bene—era una serata hip-hop come tante. Ma a fine serata, quando abbiamo acceso le luci e invitato tutti a uscire, abbiamo sentito delle grida provenire dall'esterno. C'era una ragazza che urlava, "Lo so che guardi il profilo Facebook del mio ragazzo! Ho visto che commenti le sue foto, che metti mi piace ai suoi stati, che gli mandi dei poke!"

Nel frattempo noi ci godevamo la scena dall'interno del locale e ne ridevamo. Ma abbiamo comunque mandato la sicurezza a invitarle a calmarsi e abbassare la voce, per evitare lamentele dei vicini. Eravamo tutti nascosti dietro una tenda, a sbirciare fuori. E a un certo punto è scoppiata una rissa tra ragazze—una decina di ragazze, tutte molto grosse. Durante la rissa, la ragazza che avevamo sentito all'inizio continuava a gridare cose a proposito di Facebook. Si sentivano volare insulti come "troia" e "stronza" ma ogni cinque parole tornava anche "Facebook."

Gli uomini hanno battuto in ritirata. Il proprietario dell'account Facebook in questione è stato allontanato dal locale. Alla fine è arrivata la ragazza e si sono lasciati davanti a tutti. Mentre lui si allontanava, la sua ormai ex fidanzata l'ha rincorso urlandogli dietro, "Qualsiasi cosa succeda, non tornare più da me!" Ma mentre lo diceva continuava a seguirlo.

Il giorno dopo, quando sono andata ad aprire il locale, ho trovato pezzi di extension ovunque. Per settimane abbiamo continuato a trovare tracce della rissa, sia dentro che fuori dal locale. Non se ne volevano andare via. Li abbiamo chiamati "I resti eterni."

Non penso di aver mai rotto con qualcuno in un locale. Ma quando avevo 21 anni ho avuto una breve storia con un tizio che faceva il DJ. Siamo usciti insieme una volta, poi qualcuno mi ha detto che era fidanzato e io ho lasciato perdere. Alla fine gliel'ho chiesto, e lui mi ha detto di essersi lasciato. Mi ha detto che lei era fuori di testa, e io ci ho creduto. Due mesi dopo ho scoperto che in realtà aveva davvero una ragazza, che ce l'aveva anche quando avevamo iniziato a uscire insieme e che mi aveva mentito. Forse è per questo che una volta mi ha seguita nel bagno di un locale e mi è saltata addosso per prendermi a sberle. Ops.

Come raccontato a Hilary Pollack