FYI.

This story is over 5 years old.

News

Notizie del dopo-sbornia

Nelle ore in cui il bilancio delle vittime palestinesi a Gaza è salito a oltre un migliaio, in Libia proseguono gli scontri tra le milizie e Barack Obama è stato bandito dalla Cecenia per "terrorismo di Stato."
28.7.14

Gaza
ISRAELE SI È PRESO MEZZA GIORNATA DI TREGUA DAI BOMBARDAMENTI SU GAZA
La tregua sarebbe dovuta durare un giorno intero

Nel giorno in cui il bilancio delle vittime palestinesi è salito a oltre un migliaio, Israele ha annunciato un cessate il fuoco di 24 ore su Gaza. Ma la tregua di sabato è durata solo 12 ore, finché Israele non ha sostenuto che Hamas aveva ricominciato a lanciare razzi oltre il confine.

Pubblicità

Finora, il conteggio da parte palestinese è di 1.060 morti, la maggior parte dei quali civili e tra cui si contano 200 bambini. Dal lato israeliano sono morti 43 soldati e tre civili.

Sabato si sono tenute manifestazioni di solidarietà a Gaza in tutto il mondo. A Londra sono scese in strada 45.000 persone, e a Parigi 50 manifestanti sono stati arrestati dopo aver sfidato il divieto di proteste pro-Palestina ed essersi scontrati con la polizia.

Libia
PROSEGUONO GLI SCONTRI TRA LE MILIZIE
Nel frattempo gli stranieri, italiani inclusi, sono stati invitati a lasciare il Paese

(via)

Sono ormai due settimane che gli scontri tra le milizie rivali di Misurata e Zintan hanno nuovamente trascinato la Libia nel caos.

Dall'inizio delle tensioni si contano un centinaio di vittime e circa 400 feriti tra Tripoli e Bengasi. I bombardamenti hanno ormai distrutto il conteso aeroporto di Tripoli e due centrali elettriche, compromettendo la fornitura di elettricità e acqua.

I cittadini stranieri, tra cui 100 italiani, hanno evacuato il paese insieme ai diplomatici statunitensi, turchi e delle Nazioni Unite. L'ambasciata italiana a Tripoli resta per ora aperta, trovandosi in un'area relativamente sicura di Tripoli, e rimane uno degli ultimi collegamenti diplomatici del paese con il mondo esterno.

Cecenia
BARACK OBAMA È STATO BANDITO DALLA CECENIA
A causa del "terrorismo" statunitense

Ramzan Kadyrov in un post dal suo account Instagram

Pubblicità

(via)

Il presidente ceceno Ramzan Kadyrov ha aggiunto il presidente degli Stati Uniti alla lista delle persone non gradite nel paese. Sulla lista sono presenti anche alcuni politici dell'Unione Europea.

Kadyrov ha scritto sul suo account Instagram di aver bandito Obama a causa delle azioni degli Stati Uniti e dell'UE in Ucraina, Iraq, Afghanistan, Siria e Libia, che ha definito "Terrorismo di Stato".

Calcio
CARLO TAVECCHIO HA PRESENTATO LA SUA CANDIDATURA ALLA PRESIDENZA DELLA FIGC CON UNA BATTUTA RAZZISTA
E dopo le polemiche e la mobilitazione della FIFA, la sua elezione è decisamente a rischio

(via)

Carlo Tavecchio, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti di calcio (LND) che è considerato il candidato principale per sostituire il presidente della FIGC Giancarlo Abete, ha pronunciato una frase razzista durante il suo discorso di presentazione.

Riferendosi all’eccessiva presenza di calciatori stranieri nei campionati italiani, Tavecchio ha detto: “Le questioni di accoglienza sono un conto, le questioni del gioco sono un altro. L’Inghilterra individua dei soggetti che entrano, se hanno professionalità per farli giocare, noi invece diciamo che ‘Opti Pobà’ è venuto qua, che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio e va bene così.”

A seguito delle polemiche, Tavecchio si è scusato: “Mi riferivo al calcio inglese che sugli extracomunitari ha regole precise: prima di giocare devono mostrare un curriculum di professionalità prestata nel loro paese altrimenti non vengono accettati. Se qualcuno ha interpretato il mio intervento come offensivo, me ne scuso.” Il presidente della LND ha poi aggiunto: “Tra l’altro la mia vita è improntata all’impegno sociale, al rispetto delle persone, tutte, e al volontariato: in particolare in Africa.”

Pubblicità

Pd e Sel hanno avanzato la richiesta di un passo indietro da parte di Tavecchio, mentre Udc e Forza Italia l’hanno difeso. Stefano Okaka, attaccante della Sampdoria, ha dichiarato: “È inaccettabile, scandaloso. Tutto il popolo dovrebbe averlo già convinto a fare un passo indietro. Dispiace nel 2014 sentire ancora certe cose."

La Fiorentina, intanto, ha ritirato il proprio appoggio a Tavecchio. Il presidente viola, Mario Cognini, ha detto che la squadra, “fedele ai propri valori etici e civili, alla luce della recente affermazione del signor Tavecchio ritiene non più sostenibile la sua candidatura.”

Nelle ultime ore, anche la FIFA ha annunciato di voler fare chiarezza sulla vicenda.

Esercito
UN VIDEO RITRAE UN GRUPPO DI MILITARI DELLA FOLGORE CHE CANTA UN INNO FASCISTA
Lo stato maggiore dell’esercito ha aperto un’inchiesta sull’episodio

(via)

In un video pubblicato su YouTube un gruppo di parà della Folgore, probabilmente davanti a una caserma in occasione di un raduno tenutosi in Toscana, ha intonato il canto fascista “Se non ci conoscete.”

I militari, diretti da un reduce della battaglia di El Alamein, hanno cantato versi come “Lo sai che i paracà ne han fatta una grossa / Si son puliti il culo con la bandiera rossa,” “botte in quantità,” “bombe a man e carezze col pugnale” e sul finale hanno anche fatto il saluto “A noi!”.

Lo Stato Maggiore dell’esercito ha fatto sapere di aver aperto un’indagine interna i cui risultati saranno poi passati alla Procura militare o civile. Il maggiore Marco Amoriello, capo ufficio stampa della Folgore, ha dichiarato: “[Si tratta] di un gesto stupido, che ci amareggia e ci mortifica, dando vita ad un’immagine che non ci appartiene e che col lavoro serio che portiamo avanti tutti i giorni, in Italia e all’estero, pensavamo cancellata. I primi ad essere danneggiati siamo noi, semplicemente perché non siamo quelli rappresentati in quel video.”

Realizzato con la collaborazione di Mac Hackett.