FYI.

This story is over 5 years old.

News

Notizie del dopo-sbornia

Per tutti quelli che nel fine settimana hanno preferito far altro: ecco un riassunto di cosa è successo nel resto del mondo.
11.11.13

Misure economiche
IL GOVERNO VENEZUELANO HA ABBASSATO I PREZZI OCCUPANDO I NEGOZI
Le autorità hanno arrestato i proprietari e li hanno obbligati ad abbassare i prezzi

(via)

Nel fine settimana il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha inviato le sue truppe a combattere contro l'inflazione.

Per fermare il vertiginoso aumento dei prezzi dei prodotti Daka, una delle catene di negozi di elettronica più importanti del paese, il presidente ha inviato le truppe della Guardia Nazionale in cinque punti vendita con il compito di arrestare i manager e di costringerli ad abbassare i prezzi, scatenando così il saccheggio totale in un altro punto vendita.

Pubblicità

Il governo Maduro sostiene che i prezzi alti sono la dimostrazione più evidente della “guerra economica” che i ricchi uomini d'affari sostenuti da Washington stanno conducendo contro il paese.

Animato dal risentimento verso una lavatrice venduta al prezzo di 5.360 dollari, ha tenuto un discorso alla nazione in cui ha spiegato che i "parassiti borghesi" stanno sfruttando gli acquirenti.

Il presidente ha promesso inoltre di voler continuare la sua campagna contro le aziende private che rendono inaccessibili gli elettrodomestici: “Setacceremo l'intera nazione. Questa rapina ai danni del popolo deve finire."

Tifone Haiyan
LE AUTORITÀ FILIPPINE HANNO DIFFICOLTÀ AD AIUTARE LE ZONE COLPITE DAL TIFONE HAIYAN
Si stimano già 10.000 morti, e gli operatori umanitari non sono in grado di raggiungere parecchie città

(via)

Le autorità Filippine stanno facendo di tutto per portare gli aiuti in alcune delle zone più colpite dal tifone Haiyan.

Sono state già dispiegate migliaia di truppe, ma alcuni villaggi e città sono rimaste isolate senza acqua e luce, e anche le riserve di cibo cominciano a scarseggiare.

Il sindaco della città di Tacloban, Tecson John Lim, ha dichiarato: "Non abbiamo abbastanza manodopera. Di solito abbiamo circa 2.000 operatori, ma solo 100 di loro si sono presentati per lavorare. Gli altri si stanno occupando delle rispettive famiglie."

Le prime stime parlano di circa 10.000 morti a Tacloban, una delle aree più colpite, mentre centinaia di migliaia di persone sono rimaste senza casa.

Pubblicità

Le zone costiere settentrionali del Vietnam si stanno preparando ad affrontare la tempesta che si fa strada attraversado il Mar Cinese meridionale: circa 600.000 persone sono già state evacuate dalle zone a rischio.

Convenzioni di Ginevra? Pff
UN MARINE BRITANNICO AFFRONTERÀ UNA CONDANNA ALL'ERGASTOLO PER L'ESECUZIONE DI UN PRIGIONIERO AFGHANO
È la prima volta nel giro di una generazione che un membro delle forze armate viene condannato per omicidio

Un membro della Royal Marine in Afghanistan (Foto via)

(via)

Un sergente della marina britannica potrebbe affrontare l'ergastolo dopo esser stato riconosciuto colpevole per l'esecuzione di un prigioniero afghano gravemente ferito

Nonostante la condanna l'uomo rimane anonimo, e viene identificato solo come "Marine A".

L'incidente è stato filmato dalla telecamera posta sull'elmetto di un altro Marine, ma al momento solo l'audio del delitto e una trascrizione del video sono stati resi pubblici.

Nel filmato, il Marine A  spara al petto del ferito e gli dice, "Ecco—beccati questo, stronzo. Tu faresti lo stesso con noi," prima di rivolgersi ai suoi colleghi, "Ovviamente questo rimane fra noi, ragazzi. Ho appena violato la convenzione di Ginevra."

Il colonnello Richard Kemp, ex comandante delle truppe britanniche a Helmand, ha sostenuto che l'incidente potrebbe avere conseguenze sulla sicurezza delle truppe, dicendo, "L'esecuzione di un prigioniero di guerra è un crimine che associamo alle truppe naziste, non ai Royal Marine."

Pubblicità

Antisemitismo in Europa
UN'INDAGINE SUGGERISCE CHE L'ANTISEMITISMO È IN RIALZO
E tutto a causa di internet (e della vasta presenza di gruppi di estrema destra)

Fascisti polacchi (Foto di Henry Langston)

(via)

Tre quarti dei 6.000 cittadini europei appartenenti alla comunità ebraica, intervistati durante un recente sondaggio, ritengono di aver avvertito un aumento dell'antisemitismo nel corso degli ultimi cinque anni.

Un sondaggio sui crimini d'odio e uno sulla discriminazione contro gli ebrei in otto Stati membri dell'UE—che, combinati, ospitano il 90 percento della popolazione ebraica d'Europa—hanno svelato paure crescenti per abusi e minacce online.

Stando al rapporto, il 46 percento degli intervistati dall'Agenzia dell'Unione Europea per i diritti fondamentali (FRA) sostiene di temere di essere aggrediti o molestati pubblicamente in quanto ebrei.

Un intervistato britannico ha riscontrato un "fenomenale" incremento di materiale antisemita online, e ha dichiarato: "Tutto questo ci riporta indietro: oggi fra i giovani c'è forte circolazione di contenuti quali il Protocollo dei Savi di Sion, che, prima di internet, erano praticamente spariti dall'attenzione pubblica."

Nuove voci del verbo svapare
CANCELLATO IL DIVIETO SULL'USO DI SIGARETTE ELETTRONICHE NEI LUOGHI PUBBLICI
Era stato introdotto con il decreto Iva-Lavoro

Una modella a caso che mostra il funzionamento di una sigaretta elettronica (Foto via)

(via)

Pubblicità

Il divieto di utilizzo della sigaretta elettronica nei luoghi pubblici non c’è più: è arrivato il Decreto Istruzione, che l’ha cancellato con una sola riga nera. Il fermo al prodotto preferito dai principi di Savoia era contenuto nell’ultima parte del comma 10-bis dell’articolo 51 della legge Sirchia.

“Nessuna svista,” afferma il presidente della commissione Cultura della Camera Giancarlo Galan (Pdl), ma la “correzione di un eccesso di proibizione.” Perché Galan ha recepito “l’appello proveniente da una nuova filiera produttiva, per altro in forte espansione, massacrata da tassazione e da pesanti divieti di utilizzo e pubblicità a causa di un intervento normativo improvviso e forse poco approfondito.”

La novità ha destato non poche perplessità, da Sirchia, ex ministro della Sanità e attuale presidente della Consulta nazionale sul Tabagismo, che l'ha definita “una gara a chi fa peggio,” a Giacomo Mangiaracina, direttore dell’unità di tabaccologia dell’università Sapienza di Roma, che ha sentenziato: “La ratio del divieto continua a persistere, per cui ci mobiliteremo per protestare contro questo provvedimento.”

Storie dell'orrore
I RATTI "MUTANTI" HANNO INVASO IL PARLAMENTO BRITANNICO
E si stanno facendo strada anche nel resto del Paese

Un ratto non mutante (Foto via)

(via)

La Camera dei Comuni britannica spende 7.000 sterline al mese per contrastare un'infestazione di topi "mutanti".

La notizia è emersa dopo la constatazione secondo cui i ratti (che si sono "evoluti" più che "mutati") avrebbero sviluppato un'immunità ai normali veleni.

Oltre a sostenere che ormai circa il 70 percento dei roditori in alcune zone del sud dell'Inghilterra siano ormai a prova di veleno, gli scienziati hanno avvertito che qualsiasi altra creatura che si nutre di ratti potrebbe essere uccisa a causa del veleno nei loro stomaci.

Secondo International Business Times, questi ratti si stanno facendo strada in tutta la Gran Bretagna, nutrendosi del veleno "come se fosse mangime".

Realizzato con la collaborazione di Mac Hackett.