FYI.

This story is over 5 years old.

Música

Oneohtrix Point Never: prima ti fotte con il nome, poi ti devasta con il synth

Daniel Lopatin, aka Oneohtrix Point Never, arriva in Italia con la sua un'armata di synth e delicatessen noise.

Nel 2007, anno buio in cui il fenomeno più in voga pareva essere, ahimé, lo shitgaze, qualcuno nella sua cameretta di New York ordiva un piano infallibile per rivoluzionare la musica dal suo interno, creando un’armata di synth e delicatessen noise talmente potente da riuscire in pochi anni a tiranneggiare sull’intero settore elettronico internazionale.

Si narra infatti che questo genio del male, originariamente conosciuto come Daniel Lopatin, sia nato con il potere di dominare qualsiasi elemento di elettronica che si trovi nel raggio di dieci kilometri da lui. Per i primi anni di vita ha esercitato questa abilità sincronizzando gli elettrodomestici di casa con la mente, poi però ha scoperto di poter sfruttare le sue doti per creare qualcosa di nuovissimo e splendido in ambito musicale. Quindi ha cambiato il proprio nome in un epiteto da commando radtrooper della Guerra Civile Galattica e si è dato alla conquista dell’universo.

Ora, oltre ad essere conosciuto come Oneohtrix Point Never, sappiamo che milita in progetti paralleli come quello degli ex-GAMES, ora Ford&Lopatin, oltre a collaborare con gente come Antony Hegarty (Antony and the Jonsons), Fennesz e Stephen O’Malley (Sunn O))).

Adesso che ci siamo liberati dei vecchi governanti, probabilmente Lopatin ha intenzione di estendere il suo programma di conquista dell’universo anche al nostro paese, infatti ci verrà a trovare mercoledì 30 novembre, per la sua unica data italiana, al Bitte di Milano.

In questa fausta occasione il nostro signore dell’elettronica sarà accompagnato da una cricca degna dei peggiori bar di Mos Eisley, composta, oltre che da Nate Boyce ai visual, dai nostri orgogli nazionali Flavio Scutti e The Away Team, che apriranno la performance di Lopatin.

Se volete assistere a questa congiunzione astrale incredibile, scriveteci a contest@vicemagazine.it mandandoci una foto di come sarebbe la vostra armatura per una guerra civile galattica: noi in cambio, oltre a tanta stima, vi regaleremo l’accredito per questa serata.