Foto dei quattro anni che ho passato su un set porno

FYI.

This story is over 5 years old.

Porno

Foto dei quattro anni che ho passato su un set porno

Per quattro anni il fotografo Thomas Grant ha lavorato in un set porno vicino Londra, immortalando i dietro le quinte e le scene più assurde. Abbiamo parlato con lui del suo lavoro e dell'industria del porno britannico.
Jamie Clifton
London, GB
13.5.16

L'industria del porno britannica non è il massimo. Le produzioni non somigliano per niente a quelle patinate degli studios americani. Le star spesso sono uomini di mezz'età non proprio fighissimi. È strano sentirli parlare di "deretani" invece che di "culi"—un po' come farebbe tuo nonno. Ma questo non inficia la bellezza semplice dell'ambiente, che deriva dalla dimensione "familiare" e dal compromesso tra budget e concetti.

Pubblicità

Thomas Grant ha deciso che avrebbe cercato di immortalare questa bellezza quando ha ottenuto il lavoro di fotografo su un set porno. Per quattro anni a partire dal 2010 ha lavorato in un grande studio fuori Londra—facendo in parallelo anche lavori più glamour e scatti più pop—e per il suo ultimo progetto ha selezionato alcuni dei suoi scatti più "eleganti" del dietro le quinte del porno.

L'ho contattato per parlare delle sue foto, e di cosa ha imparato lavorando nell'industria inglese del porno.

Tutte le foto per gentile concessione di Thomas Grant.

VICE: Parliamo di questa prima foto—che diamine è?
Thomas Grant: È una scena per cui hanno usato diverse mousse di cioccolato. È la mia foto preferita, perché non si riesce a trovarci un senso.

È la prima che mi hai mandato—è una specie di dichiarazione di intenti? È diversa dalle altre foto del progetto, che invece sono tutte molto pulite e chiare.
C'era qualcosa in quella scena—quella sua qualità visiva quasi grottesca—che volevo catturare. Il fatto che si tratti di quello che resta dopo che è stata girata una scena porno la rende ancora più interessante. Mi piace la sensazione che chi la guarda non sappia cosa sia. Ma in quanto "opera d'arte" ha comunque il suo perché.

Un sacco di foto sembrano ritrarre oggetti inanimati sistemati in un certo modo. Ma immagino che non ci sia molto spazio per l'organizzazione nel mezzo di una scena porno.
Non esistono pose, non esiste lo sfondo. Non sono un fotografo di porno—non mi sono mai definito tale—e per me è difficile trovare il bello su un set porno. Dato che è stato il mio lavoro per per quattro anni, cinque giorni a settimana, ho finito per fotografare qualsiasi cosa mi stesse intorno per non uscire di testa. Ma avevo anche l'intenzione di documentare il dietro le quinte dell'industria del porno.

Come hai fatto a ottenere il lavoro?
Mi sono candidato e mi hanno offerto il lavoro. Tra i miei compiti c'era fotografare ogni singolo modello in ogni singola scena, tipo un fotogramma, poi fare foto di ognuno degli attori individualmente nel set—che poi venivano vendute—e scattare durante le scene di sesso, per i siti e le copertine dei DVD.

Com'è stato il tuo primo giorno? Ci deve volere un po' per abituarsi.
All'inizio non ci stavo dentro. Dopo un paio di giorni, però, realizzi che in realtà non si tratta di persone che stanno facendo sesso, ma di persone che fanno il loro lavoro. Ma il primo giorno è stato veramente spaventoso. Mi sentivo molto a disagio a dare istruzioni a una ragazza che da parte sua non lo era per niente.

Pubblicità

Perché?
Inizialmente pensi di poter soddisfare qualsiasi tua fantasia, ma il fatto è che la ragazza è là per fare qualsiasi cosa le venga detto di fare, quindi la fantasia non è rilevante, si tratta del tuo lavoro e del suo lavoro. Il compito dell'attore è quello di lasciarsi fotografare e filmare al meglio. L'ho detto spesso, c'è molta più sessualità nel fare foto di moda che nel fotografare il porno. Il porno è quello che è. Spesso mi chiedono, soprattutto i ragazzi, "Non ti veniva mai voglia di buttarti nel mezzo?" Ma la risposta è no. Alla fine, hai l'obiettivo e la macchina fotografica. Sei lì per quello e devi cercare di tirare fuori il meglio dalle persone con cui stai lavorando.

Vedendo persone nude da una distanza molto ravvicinata tutti i giorni, la tua percezione del corpo umano è cambiata? Non ti sei assuefatto?
No. O meglio, questo non ha alcun effetto su ciò che vedi al di fuori del lavoro. L'unica cosa che non riuscivo a digerire era quando gli uomini venivano.

Perché?
Non lo so—non riuscivo ad abituarmici. All'inizio, quando dovevo avvicinarmi proprio in quei momenti, avevo letteralmente dei conati di vomito. Alcune ragazze, specialmente quelle più esperte, con lo sperma ci facevano le cose più assurde, dai gargarismi alle bolle. Non riuscivo ad abituarmici. Alcune delle ragazze lo sapevano, perciò appena la scena finiva mi correvano incontro e provavano ad abbracciarmi e baciarmi.

Pubblicità

Ti rendevano partecipe.
Esatto.

Qual è la cosa che ti ha sorpreso di più lavorando nel mondo del porno?
Tantissime cose. Una delle cose più ovvie è che non ho mai, mai visto una ragazza avere un orgasmo—è tutta recitazione. E i cumshot quasi sempre non sono sperma ma un mix di sapone e lubrificate.

Qual è il ricordo più divertente che hai di questo lavoro?
C'è una storia abbastanza divertente su una ragazza con cui ho lavorato. Era una ragazza veramente, veramente figa. Il tipo di ragazza che lavora nel porno e suo padre ne è a conoscenza e gli sta bene. I momenti più divertenti li ho passati con lei, perché non aveva alcuna inibizione—faceva di tutto. Durante un servizio fotografico su un tavolo da biliardo, per scherzare le ho detto giusto, "Bene, ora prendi la palla rossa e te la infili nella vagina," al che lei ha risposto, "Va bene!" E nonostante io abbia cercato di fermarla, lei si è comunque spinta la palla dentro e poi non riusciva più a toglierla. Allora siamo andati in una doccia e lei ha iniziato a saltare per farla uscire. Per quando è arrivato il mio capo, avevo perso il lume della ragione. Ho pensato, "Dovremo portare questa ragazza al pronto soccorso, lui capirà cos'è successo e mi licenzierà." Ma alla fine è arrivata un'altra attrice che con quintali di lubrificante le ha letteralmente scavato fuori la palla.

Incredibile. E perché hai lasciato il lavoro?
Alla fine è andato tutto a rotoli. Il proprietario ha deciso di provare a fare cose diverse, che non hanno mai funzionato

Ti manca mai?
Mi manca la paga.

Pubblicità

Cosa fai adesso?
Faccio il freelance. Adesso faccio molti scatti corporate—di ogni tipo. E posso assicurarti che si scopa molto di più in quel mondo che nel porno.

Grazie, Thomas.

Segui Jamie su Twitter.

Altre foto di Thomas qui sotto:

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: