Stuff

Com'è essere fumatori in Australia, il paese in cui le sigarette costano di più al mondo

Secondo una nuova proposta di legge, nel 2020 le sigarette in Australia arriveranno a costare 30 euro al pacchetto. Ma l'Australia è già il Paese in cui le sigarette costano di più al mondo. Ecco cosa pensano i fumatori.
16.6.16
Tutte le foto di Sean Foster.

Più o meno ogni anno in Italia si registrano incrementi nel costo delle sigarette e nuove normative sul fumo—l'ultima, che dovrebbe essere effettiva a breve, prevede immagini di polmoni incancreniti sui pacchetti. Niente di tutto questo, comunque, è "allarmante" per i fumatori se comparato alla situazione di quelli australiani. Per l'occasione, riportiamo un pezzo di VICE Australia sul tema.

In Australia, dove le sigarette sono già le più costose al mondo, nel 2020 i fumatori dovranno pagare 45 dollari australiani [circa 30 euro] a pacchetto. Le accise aumenteranno gradualmente, con un costante rincaro del 12,5 percento tra il 2017 e il 2020. Come ha dichiarato il ministro dell'Economia Scott Morrison al Parlamento, "Le misure sul tabacco porteranno nelle casse dello Stato 4,7 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni." Questo significa che per la gente comune fumare diventerà insostenibile. Il governo lo sa, ovviamente, perché si tratta di un subdolo schema architettato per far smettere di fumare gli australiani.

Pubblicità

Ma la questione resta: queste normative possono davvero far smettere di fumare chi vuole continuare a farlo? E com'è, oggi, essere dei fumatori in un paese dove fumare è una delle cose più costose che puoi fare? L'abbiamo chiesto ad alcuni ragazzi nell'area fumatori di una discoteca.

MOMCILO, 20 ANNI, COMMESSO

VICE: Hai sentito che entro il 2020 fumare in Australia potrebbe potrebbe costare tantissimo? Se succede davvero, smetterai?
Momcilo: Lo prenderei in considerazione. Ho già provato, ma il prezzo delle sigarette non mi ha mai davvero scoraggiato. Fumo da sei anni. Sono cresciuto all'estero e ho iniziato a fumare in terza media, quando ho provato con dei ragazzi che consideravo fighi. Da allora ho continuato e adesso non riesco più a smettere.

Pensi che l'aumento dei prezzi cambierà le cose?
No, peggiorerà solo le cose. Pensano che incentivi le persone a smettere di fumare, ma se persino i senzatetto fumano, vuol dire che non servirà a molto. Cominceremo a rubarci i pacchetti. Se le sigarette aumenteranno, aumenteranno il contrabbando e il crimine in generale. È già successo qualche mese fa nel carcere di Melbourne. Sono state vietate le sigarette, e hanno innescato una sommossa. Ed è esattamente quello che accadrà.

PETER, 21 ANNI, DJ/TECNICO DEL SUONO

VICE: Ciao Peter, se le sigarette arrivano a 45 dollari al pacchetto, smetti?
Peter: No. Il fatto è che il loro scopo non è far smettere le persone, il governo lo fa solo per aumentare le entrate perché sa che tanto le persone non smetteranno. In fin dei conti, al governo non interessa dei cittadini. Gli interessa solo dei soldi, delle tasse. Tutti continueranno a comprare le sigarette—solo che i tabaccai verranno rapinati più spesso.

Pubblicità

Quante sigarette fumi in media al giorno?
Dipende da quanto ho in tasca. Di solito ne fumo cinque, ma nel weekend di più. Spendo sui 26-30 dollari [circa 17-20 euro] in sigarette ogni fine settimana. Ho viaggiato parecchio. In America, stanno a otto-11 dollari. In Grecia due o tre euro. Invece di aver uno stato-balia che dice di voler indurti a smettere, potremmo fare che ciascuno si assume le sue responsabilità e fa quello che vuole, no? Se la gente vuole fumare e uccidersi, è libera di farlo.

JESSICA, 19 ANNI, LAVORA DA MCDONALD'S

VICE: Ehi Jessica, le sigarette potrebbero costare 45 dollari nel giro di qualche anno. Fumerai ancora?
Jessica: Non sono una da un pacchetto al giorno, ma ne compro uno se esco la sera. Comunque considererei seriamente di smettere perché il prezzo è assurdo, ma spero di aver comunque smesso entro il 2020. È una cosa che facciamo perché siamo giovani, ci piace divertirci e fumarci una sigaretta in compagnia. Ma arrivata a una certa età, mi metterò a posto e smetterò.

Quando hai iniziato a fumare?
A 16 anni. Lo facevano tutti, quindi credo di essere stata spinta dall'ansia di mettermi in pari. È anche un buon modo per conoscere la gente. Hai una sigaretta? e attacchi bottone.

Supponiamo che le sigarette costino già 45 dollari e che sia il weekend. Compri un pacchetto?
Sembra brutto, ma penso di sì. Tutto dipenderebbe dalle mie finanze, ma secondo me sì. Ci sono persone che cercano di smettere da 40 anni, e se il prezzo sale, è un po' da infami pensare che smetteranno. Saranno ancora obbligate a comprare le sigarette per continuare la loro routine.

DARZ, 25 ANNI, PIZZAIOLO

VICE: Ciao, fumi tutti i giorni?
Darz: Sì, fumo da un anno e mezzo. Prima fumavo erba quotidianamente. Quando ho smesso per un po' ho iniziato con le sigarette, ma non è stata una buona idea.

Pubblicità

Nel complesso, meglio erba o sigarette?
Entrambe hanno i loro lati negativi. L'erba ti impigrisce a livelli osceni, ma non è tossica come le sigarette. Non ne esci vivo in ogni caso, amico.

Cosa faresti se le sigarette arrivassero a costare 45 dollari?
Smetterei. Be', spero di esserne in grado. In caso contrario, rimarrei al verde. Penso che sia una un buon modo per far fumare di meno le persone.

Qual è la cosa che ti piace nel fumare?
La sensazione, credo. Non lo so di preciso. Ormai è un'abitudine. E questo dimostra a che livelli di dipendenza porti. Quando ogni tanto fumo una canna, almeno sento qualcosa—con le sigarette, invece, ti stai solo uccidendo lentamente.

Segui David Allegretti su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: