Cultura

La setta convinta che l'Universo sia governato dall'elettricità

La teoria dell’Universo Elettrico è confutata da qualsiasi principio scientifico moderno. Eppure, conta moltissimi proseliti.

di Sarah Scoles
02 marzo 2016, 4:11pm

Immagine: Che Saitta-Zelterman

Si fanno chiamare il Thunderbolts Project.

Sono persone che concordano sull'idea di un "universo elettrico," e sostengono di stare "sviluppando la capacità di vedere l'universo elettrico." Come quando si indossa un paio di occhiali da sole rosa e le lenti filtrate modificano la percezione del tutto. Gli oggetti e gli eventi restano gli stessi. Ma si tingono di verità. Nella teoria dell'universo elettrico, la verità è che l'elettricità governa l'esistenza.

La corrente elettrica che viaggia nei filamenti di plasma dà forma ed energia alle galassie. Le correnti scorrono nelle stelle, alimentandole come bulbi fluorescenti. Inducono la nascita dei pianeti. I crateri su quei pianeti sono dovuti ad archi elettrici, tipo i fulmini, che bruciano la superficie.

Inoltre, non esistono né i buchi neri né la materia oscura. Men che meno l'energia oscura.

Il Big Bang? Mai accaduto.

Entrambe le teorie della relatività postulate da Einstein sono roba ridicola.

L'elettricità basta a spiegare tutto quanto.

"La storia del cosmo che i media ripetono è realtà virtuale," ha detto Wallace Thornhill, uno dei fondatori dell'EU.

⚡⚡⚡

Il concetto di universo elettrico non soddisfa i requisiti imposti dalla National Academy of Sciences per essere definito una "teoria," ovvero una "spiegazione comprensiva di qualche aspetto della natura che sia supportata da un ampio corpo di prove" e "che possa essere usata per formulare predizioni su eventi naturali o fenomeni che non sono ancora stati osservati."

In fisica, le teorie hanno bisogno di una base matematica. È così che funziona: costruisci un modello matematico, raccogli prove, verifichi, confuti e argomenti. Ma la teoria dell'EU non va molto d'accordo con la matematica. A dirla tutta, "la matematica non è fisica," secondo Thornhill. È proprio questa avversione per le equazioni a rendere la teoria poco appetibile per il mondo astronomico ufficiale e, allo stesso tempo, a fare colpo su così tanti adepti.

"Non ti confondono con la scienza," ha detto Rasjid Smith, che ha scoperto la teoria dell'EU da YouTube. "Persino un bambino delle elementari può capirla."

L'idea che un gruppo di profani ("la gente") possa rivoluzionare la fisica, in un modo comprensibile ad altri profani, è un'idea potente.

"Hanno in comune una mentalità dissidente che motiva il loro impegno."

"La scienza è di nuovo in mano alle persone—ai pensatori e agli smanettoni da garage, ai filosofi naturali," ha detto Thornhill a Motherboard.

"Le persone mi dicono che questa teoria ha cambiato la loro vita perché per loro ha senso," ha detto. "E perché è una cosmologia reale, che coinvolge tutti, che siano accademici, artisti, ingegneri o 'gente della strada.'"

L'EU è, ad ogni modo, in completo contrasto con qualsiasi cosa la scienza moderna abbia detto a proposito dell'universo.

"Nell'ipotesi migliore, l''universo elettrico' è una soluzione che cerca ancora il problema da risolvere; cerca di spiegare cose che già comprendiamo alla perfezione grazie alla gravità, al plasma, alla fisica nucleare e via dicendo," ha detto l'astronomo Phil Plait, che gestisce la rubrica Bad Astronomy su Slate. "Nell'ipotesi peggiore, è un cumulo di stramberie belle e buone, tipo l'omeopatia e l'astrologia, congetture palesemente confutabili."

Eppure, c'è qualcosa in questa teoria che alimenta il fervore delle persone comuni, un fervore più intenso di quello di chi crede nel Big Bang. Nonostante le falle logiche, e le prove che screditano la teoria, l'EU penetra nel profondo dell'animo dei suoi adepti. La domanda è: che cos'è che affascina così tanto le persone?

Thornhill ha iniziato a studiare ossessivamente l'elettricità cosmica mentre era ancora alle superiori, quando ha letto il libro di Immanuel Velikovsky Worlds in Collision, pubblicato nel 1950.

Velikovsky è stato un autore noto soprattutto per i suoi controversi manuali di "mitologia comparativa," in cui rimaneggiava e reinterpretava la storia antica. In Worlds in Collision, sosteneva che Giove avrebbe espulso Venere intorno al 1500 a.C. Poi, il pianeta appena nato si sarebbe avvicinato alla Terra, causando catastrofi di svariata natura. Tornando indietro, circa mezzo secolo dopo, Venere avrebbe anche causato un'interruzione (breve) nella rotazione terrestre, causando una notte più lunga del normale.

I conseguenti disastri, sosteneva Velikovsky, compaiono nei racconti mitologici di tutto il mondo. Gli astrofisici hanno spiegato che questa teoria secondo cui Venere sarebbe nato da Giove viola i principi di orbita e gravità. Ma Velikovsky aveva fatto il furbo: nel suo libro suggeriva che alla base dell'orbita non ci fosse la forza di gravità. Ma l'elettricità.

Quando (l'allora giovane) Thornhill ha letto il libro di Velikovsky, ha riconosciuto in lui uno spirito affine. Ecco, ha pensato, finalmente un vero scienziato. Uno che non ha paura di passare per eretico. Dopo aver studiato fisica ed elettronica all'università di Melbourne, in Australia, Thornhill ha fatto un po' di ricerca alla IBM, ma si sentiva un eretico a sua volta. Poco dopo, ha lasciato l'azienda.

Non ha mai dimenticato Velikovsky, però. All'inizio degli anni Settanta, ha sentito parlare di una rivista intitolata Pulsate: 10 numeri, tutti dedicati al suo eroe scientifico. la pubblicazione era scritta dai fratelli Steven e David Talbott. Dopo poco li ha incontrati, insieme a Velikovsky in persona, a una conferenza intitolata "Velikovsky e la storia recente del sistema solare." Cinque anni dopo, si è ritrovato a casa di Velikovsky a Princeton, New Jersey. In quell'occasione, Velikovsky "ha piantato il seme dell'idea per cui la gravità sarebbe legata alla struttura elettrica della materia neutra," mi ha detto Thornhill.

Talbott. Immagine: Che Saitta-Zelterman

Quel seme sarebbe poi diventato una struttura di pensiero chiamata teoria dell' "universo elettrico", che Thornhill e David Talbott avrebbero infine sviluppato insieme, e che avrebbe conquistato ferventi seguaci in tutto il mondo.

Thornhill e Talbott hanno iniziato a collaborare ufficialmente sull'EU ad un'altra conferenza, anni dopo. "Sin dai tempi dell'università, ero abituato ad assistere chi conduceva il dibattito in qualsiasi modo potessi," ha detto Thornhill. "Ma alla conferenza del 1994, ho capito che la vecchia guardia se ne era andata e che ora toccava a me."

In preparazione per quella conferenza, intitolata "Planetary Violence in Human History," Thornhill ha passato un mese a dormire sul pavimento dell'ufficio del suo amico. Voleva convincere Talbott che le antiche immagini che stava studiando—incisioni rupestri che somigliano ai soli da cartoni animati dei disegni dei bambini dell'asilo—testimoniassero eventi plasmatici catastrofici. Il plasma, secondo questa idea, pervade l'universo in filamenti. Questi filamenti sono attraversati dalla corrente elettrica, e questa corrente controlla il cosmo. "Il magnetismo, la gravità e le forze nucleari sono tutte manifestazioni diverse della forza elettrica in scale estremamente diverse tra loro," sosteneva Thronhill alla base della teoria.

Thornhill ha intitolato la sua conferenza, "The Electric Universe."

⚡⚡⚡

Oggi, non ci sono solo Thronhill e Talbott. L'EU può contare anche su una comunità appassionata, che si raccoglie nel Thunderbolts Project. Thornhill e Talbott hanno fondato il movimento, internet lo ha diffuso.

Il sito di Thunderbolts ha 1.800 partecipanti al forum, con un traffico che raggiunge picchi da 130 persone online simultaneamente. La pagina Facebook di Thunderbolts ha circa 10.000 seguaci.

175 persone donano un totale di 1.950 $ al mese al Patreon di Thunderbolts Project, che raccoglie fondi per produrre video. Sul canale YouTube, ci sono sei documentari che hanno tra le 300.000 e il milione di visualizzazioni. Il gruppo organizza conferenze annuali. Quest'anno si ritrovano allo Sheraton a Mesa, in Arizona.

Il redditor NeeAnderTall, un seguace dell'EU e utente del subreddit Thunderbolt, ha sempre voluto fare l'astronauta. NeeAnderTall, che non ha voluto usare il suo vero nome, divorava fantascienza come il fuoco la benzina. Ma quando gli anni protagonisti di opere di fantascienza come Space 1999 e 2001: Odissea nello spazio sono arrivati, deludendo ogni aspettativa, ha provato una profonda frustrazione.

"Tutto ciò che volevo esperire era lontano 20 anni da me," ha detto.

Così ha deciso di fare un esperimento di ingegneria inversa con un UFO (progetto in cui ora non crede più). Tra gli annunci pubblicati sul retro della rivista Popular Science, ne ha trovato uno per High-Energy Electrostatics Research, un libro che tratta l'"anti-gravità." Poco dopo, ha iniziato a frequentare corsi di astronomia e geologia al college. Agli esami dava risposte in linea con i dettami accademici per avere buoni voti, ma non credeva in niente di quello che studiava, specialmente nella materia oscura.

Mentre navigava su Reddit, un giorno, si è imbattuto nel video di Thornhill e Talbott Thunderbolts of the Gods, caposaldo dell'EU. Ha guardato un video dopo l'altro, ipnotizzato. Paragona la teoria dell'EU a "un adolescente [che si ribella] alle regole e ai tabù imposti dai genitori."

Lo stesso rifiuto delle convenzioni è ciò che ha portato Marc Royal, un produttore musicale di 47 anni che vive ad Alberta, Canada, all'universo elettrico. Quando aveva vent'anni, si sentiva limitato dalle esigenze aziendali che lo spingevano verso una carriera come grafico. Le sue vere passioni erano la musica e leggere libri di fisica al Foyles Bookstore di Londra. Quando ha pensato di tornare a scuola per studiare seriamente l'universo, ha contattato un professore per valutare le sue opzioni.

"Voglio che tu metta via tutti i libri, perché ho intenzione di cominciare a insegnarti dalle basi," ha detto il professore, a proposito del suo autodidattismo.

"Ho pensato, 'Ah, questo è indottrinamento puro,'" ha detto Royal. La cosa non lo interessava.

Così ha scelto di continuare a studiare da solo. Poco dopo, è arrivato alla conclusione che la gravità impedisce alla fisica di sviluppare una teoria comprensiva che possa spiegare ogni cosa. Ha lasciato germogliare il seme di una sua teoria unificata personale: "la maggior parte delle cose può essere già spiegata con l'elettricità." Non ha però trovato il gruppo di Thunderbolts o la teoria ufficiale dell'universo elettrico fino a qualche tempo dopo.

Royal gira ancora sui forum di Thunderbolts, ma la negatività lo rende silenzioso. Una sezione di commenti standard è un ammasso di attacchi ad hominem e invettive contro l'astronomia ufficiale e contro chi sconfessa la teoria dell'EU. Non crede che quelli di Thunderbolts abbiano già tutta la verità in tasca.

"Dovrebbero lavorare sui principi matematici e chiedere ad altri di revisionare le loro tesi," ha detto.

Ma chi lavora all'interno delle "istituzioni astronomiche" o alla "NASA," che sembra essere il termine a cui quelli dell'EU riducono tutta l'astronomia ufficiale, direbbe che la teoria dell'EU non merita neanche di essere confutata.

"Sappiamo che le stelle generano energia tramite fusione nucleare, non fuoriuscite di plasma; sappiamo che i crateri sono formati dall'impatto di asteroidi e comete, non da potenti scariche elettriche; sappiamo con assoluta certezza che la relatività generale e la relatività ristretta funzionano, qualsiasi cosa dicano o credano gli adepti dell'EU," ha detto Plait, che è finito a discutere più di una volta con sostenitori dell'EU. "Da quel che ho potuto vedere, la maggior parte di ciò che quelli dell'EU sostengono è roba da matti. Ecco perché praticamente qualunque astronomo li ignora: non hanno prove a favore, mentre ce ne sono a tonnellate che screditano le loro teorie, prive di qualsiasi fondamento matematico o fisico."

L'EU conta solo su qualche modello. Non ha una teoria unificata, o leggi matematiche su cui appoggiarla. Le argomentazioni fisiche non vanno più in là di "È elettrico." I dati non provano o sconfessano alcuna ipotesi specifica. E dove sono tutte queste scariche elettriche nello spazio? E quale sarebbe la fonte della loro energia?

È difficile elencare una per una le falle nella teoria dell'EU perché, bé, sono davvero tante. (Qui trovate gli sforzi fatti in questo senso da altre persone.) Gli adepti scelgono solo gli argomenti che per loro sono comodi da spiegare: note personali su come brillano le stelle, su come si formano i crateri, sul perché le galassie hanno la forma che hanno, e su cosa causi la nascita di un pianeta. Non forniscono alcun quadro generale dell'universo abbastanza dettagliato da comprendere quei fenomeni e funzionare allo stesso tempo anche in relazione a eventi che non hanno ancora trattato.

Quelli di Thunderbolts detestano i termini enigmatici—tipo "energia oscura" o "materia oscura"—che gli astronomi moderni usano per descrivere qualcosa che hanno osservato ma che non sono ancora in grado di spiegare. Per loro sono "pezze."

Le diverse falle nella teoria dell'universo elettrico fanno nascere dubbi nei suoi stessi seguaci. David, un ex adepto, che ora parla dell'EU come di un "culto antiscientifico" e preferisce sia usato solo il suo nome, si è scoraggiato quando qualcuno ha fatto domande circa l'ultima spiegazione della gravità su base elettrica di Thronhill.

"Appena ci ho ragionato meglio, sono rimasto sconvolto da quanto fosse stupida," dice. "Mi sono sentito molto in imbarazzo per aver dato retta a una qualsiasi delle cose dette da Thornhill."

Ora si adopera per de-convertire altri nel forum di Thunderbolts, un'attività che ormai definisce il suo "lavoro."

"Sono appena riuscito a mostrare la luce a qualcuno," racconta, mostrandomi due post recenti (il prima e il dopo). "De-programmare qualcuno è emozionante come pescare un grosso pesce," spiega.

⚡⚡⚡

L'astrofisica contemporanea ha lasciato indietro i più. I suoi concetti, quasi per definizione, sono astratti. Nessuno di noi, indipendentemente dalla visione di Interstellar, proverà mai la forza di un buco nero. Nessuno di noi sarà nella sala parto cosmica quando un pianeta percorrerà la sua prima orbita. A parte alcuni campioni provenienti dal sistema solare, tutto ciò che abbiamo del sistema solare sono foto e diagrammi—prove che fotoni privi di materia colpiscono il rilevatore di qualche telescopio. La matematica che predice e spiega il cosmo è ben al di là del sapere comune.

I seguaci dell'EU detestano i termini enigmatici che gli astronomi moderni usano per descrivere qualcosa che hanno osservato ma che non sono ancora in grado di spiegare. Ciò che gli astronomi chiamano materia oscura ed energia oscura, per gli scettici sono solo "pezze." La loro vaghezza infastidisce quelli di Thunderbolts.

"Il linguaggio della fisica moderna è largamente insignificante: spazio-tempo, terrificante azione-a-distanza, non-località, energia oscura, materia oscura, buco nero," dice Thornhill.

In mancanza di prove o di una qualsiasi spiegazione comprensibile, gli adepti dell'EU si sentono come se gli scienziati si limitassero a dire loro: "fidatevi di noi." La risposta del classico dissidente a una situazione del genere è: "no, non mi fido" e Susan Schirott, CEO/presidentessa di T-Bolts Group, Inc., nonché direttrice delle conferenze, direttrice delle comunicazioni e coordinatrice dei volontari del gruppo, spiega che, nonostante i membri della comunità siano molto diversi tra loro, "hanno in comune una mentalità dissidente che motiva il loro impegno." Tra loro c'è una generale sfiducia per l'autorità e una delusione particolare per gli scienziati, del genere che provi quando ti rendi conto che tuo padre è uno come tanti.

"Da bambino cresci pensando che gli scienziati siano queste grandi menti, estremamente intelligenti, persone molto rispettabili che non si lasciano condizionare dai propri pregiudizi, ma che sono sempre pronte ad ammettere di aver sbagliato e che sarebbero ben felici di essere corrette in nome della verità," dice un membro di Thunderbolt che preferisce restare anonimo. "Poi cresci e realizzi che quasi nessuno di loro è all'altezza di questa idealizzazione, proprio come tutti gli altri."

Così il dissidente si chiede, perché mai dovrei accettare la versione ufficiale del cosmo?

Immagine: Che Saitta-Zelterman

"Penso che la storia ci abbia mostrato a più riprese come molte nuove idee, inizialmente accolte con scetticismo o rigettate aspramente, abbiano poi guadagnato un maggior numero di sostenitori e sempre più slancio, finché non sono diventate parte integrante del corpus scientifico ortodosso," dice Miguel, che si è imbattuto in EU mentre collaborava al sito The Daily Grail, che esplora "i confini estremi della scienza e della storia."

E ha ragione, in qualche misura. L'idea che la Terra girasse intorno al Sole, e non viceversa, dapprima venne bollata come eretica. Prima di diventare rivoluzionarie, certe idee erano solo di confine.

Il problema, però, è che la gran parte delle idee estreme non si rivelerà mai rivoluzionaria, ma solo sbagliata, ed equiparare la pseudoscienza, ma anche solo la cattiva scienza, con quella portata avanti correttamente non è solo poco ortodosso, ma può essere anche pericoloso.

Negare il cambiamento climatico non fa che rallentare gli sforzi di salvaguardare il pianeta. I movimenti anti-vaccinazioni assicurano il morbillo ai bambini. Gli isterismi circa gli OGM rendono più difficile portare un riso ricco di nutrienti ai bambini affamati. La teoria dell'universo elettrico non sembra danneggiare nessuno, al momento, ma non sarebbe meglio che i Thunderbolts impiegassero quelle energie nel cercare di capire la scienza? O almeno che riservassero all'EU gli stessi dubbi che nutrono per l'astronomia istituzionale?

Chiunque abbia intervistato per questo articolo si è rivelato una persona considerata, curiosa e scettica. Dedicano il loro tempo libero allo studio. Non vogliono accettare fatti a priori, vogliono vederci più chiaro. Lo capisco bene. Amo la materia oscura e anche i dati, ma quando uno scienziato dice "devi fidarti," sarebbe dovere di ogni altro scienziato (o divulgatore) rispondere "no, non mi fido" e procedere a scavare più a fondo, come fanno i Thunderbolts.

Le persone vogliono scoprire l'universo da sole. Gli osservatori ricevono regolarmente lettere di persone che garantiscono di aver confutato le teorie di Einstein, smentito il Big Bang o cenato con gli alieni. Il libro No One May Ever Have This Knowledge Again è esattamente una raccolta di lettere di questo tipo, inviate al Mount Wilson Observatory a Pasadena, California, nel corso del ventesimo secolo. Il titolo è tratto da una lettera di Alice May Williams di Auckalnd, Nuova Zelanda, che scrive: "Penso di sapere qualcosa che dovreste sapere, signori. Se morissi ora, queste cose morirebbero con me e nessuno potrebbe mai saperle."

È anche il mio universo, sembrano dire Williams, gli altri mittenti delle lettere e gli appartenenti al gruppo Thunderbolt. Anche io cerco di spiegarmelo.

Quando Thornhill si rivolge loro in un video su YouTube con la pretesa di spiegare quel che la NASA non ha saputo ancora fare, usando unicamente la forza che aziona i loro tostapane, le persone rimangono immediatamente attratte. Accedono a Thunderbolts.com e guardano l'intera ora di Thunderbolts of the Gods.

Nel film, Thornhill dichiara: "La cosmologia moderna offre una visione piuttosto sconnessa dell'universo. Per questo ci sentiamo isolati e disconnessi gli uni dagli altri. L'universo elettrico offre una visione diversa." In questa visione—attraverso gli occhi EU—la Terra è ancora un pallido puntino blu, ma filamenti di plasma collegano quel puntino a un cosmo più ampio, ancorando il nostro posto nell'universo ad altri posti nell'universo. Tutti posti in cui non andremo mai.

Questi filamenti connettono anche i membri di Thunderbolt gli uni agli altri. con lo zelo tipico dei convertiti, vogliono rimanere in contatto gli uni con gli altri, perché la corrente possa fluire tra loro. Il problema, purtroppo, è che manca la messa a terra.