Cultura

Come il creampie è diventato uno dei sottogeneri preferiti del porno

La codificazione delle scene creampie nel porno non è stata un processo organico, ma il risultato della passione di un gruppo di fan trasformati in producer.
02 gennaio 2017, 10:51am

"Creampie" è un termine usato nell'industria dell'intrattenimento per adulti per indicare la scena in cui un uomo eiacula nell'altra/o performer e poi lascia spazio alla telecamera per inquadrare da vicino lo sperma che ne fuoriesce. In poco tempo il creampie è diventato un vero sottogenere porno. Anche se non è diffuso come il cumshot o il facial, su Google genera più traffico, oltre a essere stato _uno dei termini più cercati _su Pornhub nel 2011 e 2012 (continua a esserloin alcune regioni). Secondo le statistiche, il titolo più guardato _quest'estate negli Stati Uniti è stato un creampie. _

Secondo Jeff Vanzetti, storico del porno e fondatore di IAFD.com, l'IMDB del porno, è solo negli anni Novanta che il genere ha trovato nome e codici stabili. Ed è stato solo negli anni Duemila che è diventato uno dei generi più popolari, grazie a innumerevoli serie come Creampie Cuties, Creampie Surprise e Internal Combustion_._

Quello che pochi sanno però è che la diffusione del creampie nel porno non è stata un processo organico. È stata piuttosto il risultato dell'attività e della passione di un gruppo di fan che si sono trasformati in producer e lobbisti. Questi fan, che gestiscono ancora oggi il sito creampie.com, hanno cominciato aggregando e recensendo scene che gli piacevano, e solo in seguito pubblicando contenuti originali. Sono stati loro a coniare (e brevettare) il termine "creampie", a stabilire le regole per girare le scene.

Abbiamo incontrato uno degli uomini dietro creampie.com, che va sotto lo pseudonimo di "Sir Ron". Un tempo era solo un fan che nella vita si occupava di "assistenza tecnica", ma poi il suo impegno con il creampie è diventato tale da costringerlo a lasciare il lavoro, trasferirsi in California e dedicarsi a tempo pieno all'industria per adulti. Abbiamo parlato di cosa rende il creampie attraente, delle strategie che lui e i suoi amici hanno usato per promuoverlo, e di cosa pensa del creampie oggi. Questo è ciò che mi ha detto.

Il nostro progetto ha preso vita nel 1994 in risposta al dominio esclusivo del facial—ovvero delle scene in cui un attore viene in faccia al partner. Noi volevamo che il creampie diventasse importante. Un film ha cinque scene, che noia se sono tutte cumshot regolari. Ne avevamo piene le scatole. Ai tempi delle riviste, su cosa si facevano le seghe le persone? Sulle immagini delle fighe. Un bel primo piano di una vagina è eccitante. Un bel primo piano di una vagina con sperma che ne fuoriesce è ancora meglio, perché per gli uomini la vista è il senso più importante. Così hai immagini di vagine—stimolo in più—con il post-coito e l'eccitazione del post-coito.

Allora, sul mercato amatoriale si facevano un sacco di scene creampie—per esempio Jan BAmy FrenchLynn Carroll. Noi abbiamo cominciato come un sito di segnalazioni e recensioni, presentavamo video con scene creampie e cumshot interni. I fan hanno cominciato a dare il loro contributo, e la lista si è allungata. Nel 1996 abbiamo iniziato a lottare perché le scene creampie trovassero spazio nel porno ufficiale: siamo andati a un trade show e abbiamo chiesto ai pezzi grossi dell'industria se avevano video creampie. Come puoi immaginare, non ne avevano. Abbiamo cominciato a produrne noi nel 1998. Dovevamo reclutare le ragazze, e l'unico posto in cui potevi farlo tenendoti al di fuori dei circuiti delle talent agency erano i magazine per scambisti come Oddity _e _Continental Contacts. Se ci piaceva una ragazza su una di queste riviste, le scrivevamo. Prima facevamo dei colloqui, e all'inizio alcune ragazze ci rispondevano, "Ma non è esattamente quello che fanno tutti, nella realtà?" Sì, è quello che fanno tutti. Noi l'abbiamo solo mostrato.

Sul sito davamo istruzioni su come fare un buon video creampie: una delle regole è che il montaggio non poteva avere tagli. Negli anni Novanta, se tagliavi, era dato per scontato che stavi mettendo qualcosa di falso al posto dello sperma negli orifizi. Ora c'è meno pressione. Comunque, l'importante è non perderti il momento in cui lui viene. Ci indugi per un paio di minuti. Devi proprio vedere lo sperma uscire. È questo che rende un creampie un creampie, una scena di successo. Il nostro primo tentativo di introdurre sul mercato questi contenuti e diffondere il termine è consistito nel contattare l'AVN e dire, "Lo sapete che 'creampie' è un termine che indica il cumshot interno?" Ovviamente ci hanno risposto, "No, non lo sapevamo." È nato tutto così. Oggi "creampie" è un marchio registrato, nostro. Era il 1999. Le compagnie mainstream intentavano cause alle case di produzione porno che avevano domini tipo WhiteHouse.com, che era un sito porno. Nina Footwear cercò di fare causa a Nina Hartley per il suo sito—nina.com. Lei contestò. Ma noi non volevamo che succedesse niente di simile, quindi abbiamo deciso di registrare il marchio per proteggerci e continuare a usare il nome.

All'inizio del nuovo millennio, grosse case di produzione hanno lanciato serie creampie come 4-Play Video, Anabolic Video, Bangbros, Devil's Film, Elegant Angel, Kickass Video, Lethal Hardcore, eRandy West. L'industria dell'intrattenimento per adulti è completamente dipendente dai trend del momento. Se qualcuno fa anal, tutti devono fare anal. E se qualcuno fa creampie, allora uno dopo l'altro tutti cominciano a fare creampie. Nel 2001 la Red Light District, che allora era forse il più grande studio porno, diede visibilità al genere con una serie di titoli. Insomma, abbiamo avuto così tanto successo che alla fine non producevamo più una cosa originale.

Ora il creampie ha una sua nicchia. Ci sono serie molto specifiche, come Creampie Thais. E Pulse si fregia di Anal Consumption, un sottogenere di creampie in cui l'uomo viene nella donna da dietro, e lo sperma che fuoriesce finisce in un bicchiere da cui poi la donna lo beve. Questo è un sottogenere con due micronicche. Ognuno cerca di renderlo originale e specifico come può. Questo è il punto: devi sempre trovare nuovi stimoli. E, per sopravvivere al mercato oggi, devi essere in grado di trovare una nicchia e sfruttarla a fondo.

Noi non avevamo in mente di rendere il creampie un fetish, con intere serie fatte solo di scene creampie. Volevamo solo che in un porno base ci fosse una scena di creampie, vaginale o anale, con un po' di varietà.

Ma la cosa bella è che i fan sono leali, e hanno cominciato a seguirci subito, senza che dovessimo fare troppa pubblicità. Uno dei primi che mi è venuto dietro nel creare il sito è rimasto con noi fino all'anno scorso, quando è morto. Si chiamava Jerry. Era ossessionato. Scriveva sempre. "Sono Jerry dal 1996," scriveva.

Illustrazioni di Zoë Ligon. Segui Mark Hay su Twitter.