Foto di 13.000 penne, abiti da sposa e altre collezioni assurde
Foto

Foto di 13.000 penne, abiti da sposa e altre collezioni assurde

Nel suo primo libro, Mania, la giovane fotografa norvegese Kristine Wathne ha documentato la vita di sette persone ossessionate dalle loro collezioni.
15 dicembre 2016, 10:47am

Kristine Wathne è una giovane e talentuosa artista norvegese; al momento studia fotografia all'università. Il suo primo libro, Mania, è uscito all'inizio di quest'anno e contiene scatti di sette persone e delle loro strane collezioni di jeans super-aderenti, souvenir thailandesi, abiti da sposa, accessori degli anni Cinquanta e penne—giusto per citare alcune delle loro stranezze. Kristine ci ha detto che il suo progetto "è nato dall'attrazione verso le cose atipiche—collezionisti, feticismi, sottoculture." Nelle foto che seguono potete avere un assaggio del suo libro.

Kristine Wathne è una fotografa e vive a Trondheim, in Norvegia. Puoi dare un occhio al suo sito qui.

Arve Møllevik colleziona vestiti anni Ottanta da più di vent'anni. Nel suo armadio ha circa 100 paia di jeans e collant unisex. Più aderenti sono, meglio è, sostiene.

Jan Roger Elstad voleva fare qualcosa che nessuno aveva mai fatto prima. Perciò, quando ha trovato un sacco di abiti da sposa in un cassonetto, li ha conservati. Poi, nel 1991, ha cominciato a comprarne altri, e a metterli nel sottoscala. Oggi possiede più di 400 abiti da sposa.

Harald Haraldsen adora viaggiare, ed è stato in più di 46 paesi. Un'ampia parte della sua stravagante e strabordante sala da pranzo è dedicata alla sua nazione preferita, la Thailandia, che ha visitato almeno 60 volte. Per terra in mezzo alla stanza tiene il modellino di un tempio.

é occupava troppo spazio. Allora lui se ne è andato da casa immediatamente, con i suoi 70.000 dischi. "Non sento il bisogno di avere una moglie e dei figli," ha detto a Wathne. "È la mia vita, e mi piace così."

Karl-Erik Johansen ha dedicato vita e casa al suo amore per gli anni Cinquanta. Quando aveva nove anni, ha cominciato a comprare dischi. Quando è stato un po' più grande, sua madre l'ha messo davanti a un ultimatum: se voleva continuare a vivere con lei, doveva smettere di collezionare roba, perch

Maria Toftum ha cominciato a essere ossessionata dalla famiglia reale inglese quando la principessa Diana è morta, nel 1997. È continuamente in cerca di nuove reliquie e oggetti appartenuti ai reali d'Inghilterra e gestisce 20 gruppi Facebook—con un totale di 10.000 iscritti—nei quali pubblica foto delle regine e dei re morti.

La passione di Ole Elvis Andersen per Elvis Presley dura da quando ha 12 anni. Nel 1992, Andersen ha preso ufficialmente Elvis come secondo nome—e comunque, lo chiamavano già tutti così. I genitori, molto religiosi, non facevano che ripetergli che sarebbe andato all'inferno se avesse continuato ad ascoltare rock. Non li ha mai ascoltati.

Rolf Ressem possiede quasi 13.000 penne, che tiene in scatole, valigie e, le migliori, in raccoglitori. Il club di appassionati di cui è membro conta 400 membri in tutto il mondo. Qualche anno fa, Ressem ha provato a battere il Guinness World Record per la più grande collezione di penne. I giudici le hanno contate per più di 48 ore—purtroppo ha perso per sole due penne.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: