Questa birra è stata prodotta a partire da 50 mila litri di pipì

L'idea è di un microbirrificio danese che ha raccolto la materia prima al festival Roskilde—lo chiama "birriciclaggio": tu la berresti?
10.5.17
Foto di David Shankbone.

Un microbirrificio di Copenhagen, Nørrebro Bryghus, ha usato 50mila litri di urina raccolta al festival Roskilde per produrre una nuova birra chiamata "Pisner". Questi danesi, riporta il sito Drink Business, hanno fertilizzato una coltivazione di orzo maltato con la sopracitata pipì nella primavera del 2016, al posto di letame o fertilizzanti artificiali.

Il Comitato per l'Agricoltura e il Cibo della Danimarca ha descritto il processo con il termine "birriciclaggio" e ha pubblicamente approvato la sostenibilità del progetto. Il birrificio sarà in grado di produrre circa 60 mila bottiglie di Pisner con la pipì raccolta.

Pubblicità

"Quando la notizia della Pisner ha iniziato a diffondersi, molte persone hanno pensato che filtrassimo l'urina e la mettessimo direttamente nella birra, il che ci ha fatto molto ridere", racconta il Direttore Esecutivo del birrificio Nørrebro Bryghus, Henrik Vang. Il progetto è stato annunciato nel 2015.

Il processo di birrificazione della Pisner è iniziato a marzo di quest'anno, quindi sarà possibile assaggiare la birra a partire dal mese prossimo. Questo però pone una questione importante: saresti disposto a berla? L'abbiamo chiesto alla redazione.

Josh Baines, Editor, THUMP UK: Se Bear Grylls può strizzare la merda di cammello per ricavarne nutrimento, io posso sorseggiare un po' di pissbrau per arrivare in fondo a un set di Lee Burridge.

Colin Joyce, Managing Editor: Non mi dà fastidio l'idea di bere una cosa fertilizzata con scarti umani (dovrebbe essere sterile o qualcosa del genere), ma non mi piacciono le birre strane. Gradirei una Budweiser a temperatura ambiente, per favore.

Michelle Lhooq, Features Editor: Assolutamente no, non sono una da giochi acquatici.

Josh Baines (di nuovo): Se mi bendaste e mi chiedeste di distinguere la solita birra chiara servita in un bicchiere di plastica e una pinta del mio stesso piscio, non sono sicuro che sarei in grado di cogliere la differenza.

David Garber, Associate Editor: È senza glutine? È per un amico.

Emilie Friedlander, Editor-in-Chief: Non bevo birra (per fortuna).

Pubblicità

Max Mertens, Editor, THUMP Canada: Passo.

Trey Smith, VICE Social Editor: Col cazzo.

Koen van Bommel, Editor, THUMP Netherlands: Lo farei se fosse l'unica birra disponibile a quel festival. Voglio dire, qualcosa devi pur bere, no?

Se sai l'inglese e vuoi scoprire di più sulla Pisner, leggi l'articolo di Munchies.

Questo articolo è stato pubblicato nella sua versione originale su THUMP.

Segui Noisey su Twitter e Facebook.