FYI.

This story is over 5 years old.

Siria

Mentre il mondo è distratto da IS, Assad continua a bombardare ospedali e moschee in Siria

Secondo il gruppo Physicians for Human Rights gli aerei da guerra russi e le forze governative siriane hanno bombardato ospedali e bersagli civili.
19.11.15
Foto via Reuters

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Insieme alle preoccupazioni causate dal sedicente Stato Islamico (IS), il mondo dovrebbe cominciare a prestare più attenzione a quello che sta facendo il regime del presidente siriano Bashar al-Assad. Secondo un rapporto appena pubblicato dalla ONG Physicians for Human Rights (PHR), Assad ha continuato a bombardare ospedali e bersagli civili in Siria, dove la situazione è andata via via peggiorando col recente arrivo degli aerei da guerra russi.

Pubblicità

I raid aerei russi hanno colpito almeno dieci volte delle strutture mediche durante il primo mese di bombardamenti in Siria. Ciò ha reso molto più difficile la vita di medici, infermieri e pazienti che, stando al rapporto della ONG, avevano già dovuto sopportare i bombardamenti ripetuti delle forze governative siriane.

Stando a PHR, i raid russi iniziati il 30 settembre hanno bombardato diverse zone nelle vicinanze di Aleppo, dove negli ultimi 3 anni sono state colpite 45 strutture ospedaliere. Stando a PHR, il 95 per cento dei medici della città sono stati uccisi o arrestati, o sono fuggiti dalla zona.

Il gruppo ha detto di aver documentato 329 attacchi sugli ospedali siriani fino alla fine di ottobre, che hanno causato la morte di 687 persone tra medici e infermieri in tutto il paese, e ha attribuito il 90 per cento dei bombardamenti in questione al governo siriano.

"Ogni attacco, che sia il bombardamento di un ospedale o l'incarcerazione o la tortura di un medico per aver curato una persona, rappresenta un crimine di guerra," hanno detto gli autori del rapporto.

Leggi anche: Questi video mostrano le terribili conseguenze dei presunti bombardamenti russi sulla Siria

A seguito dei sanguinosi attacchi terroristici a Parigi, a Beirut e in Egitto rivendicati da IS, l'attenzione della comunità internazionale si è concentrata sull'azione militare contro il gruppo terroristico in Siria. Facendo leva sul nemico comune delle varie fazioni siriane e dei loro sostenitori internazionali, mercoledì al Consiglio di Sicurezza dell'ONU la Russia ha fatto circolare una bozza di risoluzione anti-terrorismo.

Pubblicità

Ma sebbene la Russia sostenga di aver colpito IS, secondo diversi studi - tra cui un'analisi condotta dal Carter Center - gran parte dei raid russi avrebbero in realtà puntato ai gruppi ribelli all'opposizione.

'La sua strategia è bombardare i siriani fino a sottometterli.'

Martedì Stephen O'Brien, coordinatore umanitario dell'ONU, ha fatto riferimento ai dati raccolti da PHR in una riunione con i diplomatici del Consiglio di Sicurezza. O'Brien ha spiegato che il totale di 16 attacchi contro le strutture mediche registrati a ottobre è il più alto numero di bombardamenti in un singolo mese da quando è iniziata la guerra civile siriana.

"Secondo il diritto internazionale umanitario, le parti in conflitto devono garantire il rispetto e la protezione degli ospedali e dei pazienti," ha detto O'Brien, aggiungendo che rifornimento di medicinali e altro materiale medico vengono continuamente bloccati e non raggiungono le persone che hanno un disperato bisogno di assistenza.

Leggi anche: Dentro la scuola dei futuri jihadisti

"L'impatto sulla situazione sanitaria è devastante: molti civili, soprattutto nelle zone che non sono controllate dal governo, non riescono ad accedere alle cure mediche basilari," ha detto O'Brien.

Secondo i dati ONU, la copertura delle vaccinazioni in Siria è calata dal 95 per cento prima della guerra, e al 64 per cento di quest'anno. In più, il report di PHR ha criticato il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, dicendo che è ancora "paralizzato dalla politica."

Pubblicità

Sabato un gruppo di diplomatici di 20 paesi - tra cui gli USA, l'Iran, l'Arabia Saudita e la Russia - si sono incontrati a Vienna e hanno stabilito un calendario dei negoziati tra opposizione siriana e regime di Assad, a cui alla fine seguiranno le elezioni. Alla riunione non erano presenti delegati siriani, e sono stati sollevati dei dubbi su quali realtà dell'opposizione siriana moderata verranno prese in considerazione per i negoziati.

È lecito aspettarsi che tutte le parti in causa si opporranno sia a IS che a Jabhat al Nusra, l'affiliato di al Qaeda in Siria.

All'indomani degli attentati di Parigi, la Francia ha drasticamente aumentato i raid aerei contro le postazioni di IS a Raqqa, la capitale de facto del gruppo. Nei giorni scorsi anche la Russia avrebbe colpito alcune postazioni nelle vicinanze della città.

Il rapporto di PHR, completato prima degli attacchi della scorsa settimana, ha sollevato preoccupazioni riguardo alla possibilità che attacchi di alto profilo da parte di IS sia in Siria che all'estero potrebbero distogliere l'attenzione da Assad—che il gruppo identifica come il principale esecutore di attacchi contro civili e strutture sanitarie in Siria.

"Mentre l'autoproclamato Stato Islamico… ha conquistato le prime pagine dei giornali con la sua violenza esibizionista, il governo siriano ha sistematicamente violato ogni legge internazionale finalizzata alla protezione dei civili," ha scritto PHR.

"La sua strategia è di bombardare i siriani fino a sottometterli—distruggendo ospedali, mercati e moschee per punire l'opposizione e i suoi sostenitori per le loro visioni politiche, e rendere così insopportabile la vita fuori dalla aree sotto il controllo governativo."


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook Segui Samuel Oakford su Twitter: @samueloakford