Siamo tutti piccole cavie di decenni di diete sbagliate
Foto via Getty.
salute

Siamo tutti piccole cavie di decenni di diete sbagliate

"Le politiche alimentari che hanno portato a promuovere cibo light sono forse il più grande errore nella storia della medicina moderna.”
05 giugno 2017, 7:56am

Poniamo il caso tu voglia perdere un po' di peso. Quali sceglieresti tra questi alimenti: latte scremato o latte intero? Una barretta ipocalorica o una colazione continentale? Un'insalata con una salsa light o la stessa insalata con una salsa ranch?

Molti di fronte a queste domande o non sanno cosa rispondere o sono completamente certi della loro risposta—che però è sbagliata. E non è colpa loro. La colpa, dicono gli esperti, è di decenni di consigli sull'alimentazione sbagliati e devianti che non si sono mai basati su dati scientifici.

Il Dipartimento statunitense per l'agricoltura, insieme all'agenzia che oggi si chiama Health and Human Services, ha rilasciato per la prima volta una serie di linee guida per la dieta nazionale nel 1980. Si tratta di un opuscolo di 20 pagine che si focalizza principalmente su tre nemici della salute: i grassi, i grassi saturi e il colesterolo.

Recentemente, le ricerche hanno identificato i grassi e il colesterolo come alimenti buoni, piuttosto che nocivi. Anche i grassi saturi sembrano oggetto di una simile rivalutazione.

"La scienza su cui queste linee guida si basavano era sbagliata," ha detto a Tonic Robert Lusting, un neuro-endocrinologo alla University of California. In particolare, secondo Lusting, l'idea che eliminare i grassi dalla dieta di una persona offrisse dei benefici in termine di salute non è mai stata sostenuta da vere prove.

Lo scorso anno, alcuni colleghi di Lustin hanno pubblicato un rapporto che rivelava che, negli anni Sessanta, alcuni lobbisti dell'industria alimentare hanno finanziato ricerche che collegavano i problemi cardiaci ai grassi e al colesterolo mentre nascondevano le prove che dimostravano che il vero agente nocivo erano gli zuccheri.

Nina Teicholz, giornalista scientifica e autrice del libro The Big Fat Surprise, ha scritto molto della spinta contro i grassi arrivata dall'American Heart Association (AHA), che basava la sua posizione sul fatto che i grassi contengono circa il doppio delle calorie di proteine e carboidrati.

"Non avevano alcun dato medico che mostrasse che una dieta con pochi grassi aiutasse, da sola, a combattere l'obesità o i problemi cariaci," ha detto Teicholz a Tonic. Ma dato che i grassi contengono una quantità elevata di calorie, vi si sono schierati contro, e il governo li ha seguiti. Sicuramente una ricerca degli anni Sessanta, alterata dalla Sugar Association e pubblicata sul prestigioso New England Journal of Medicine, ha contribuito alla psicosi collettiva nei confronti dei grassi.

Arrivati agi anni Novanta, quando secondo Teichloz cominciavano ad accumularsi dati che mostravano che una dieta con pochi grassi e molti carboidrati non aiutasse a perdere perso e a combattere i problemi cardiaci (erano le calorie a dover essere incolpate) il danno era già stato fatto. Negli Stati Uniti l'opinione pubblica era fortemente influenzata da quello che i nutrizionisti alle volte chiamano lo "Snackwell phenomenon"—una devozione a snack con pochi grassi e poche calorie consumati in quantità con l'idea che fossero salutari.

"Questa opinione ha permesso all'industria alimentare di promuovere a tutto spiano cibo preconfezionato povero di grassi e ricco di carboidrati con l'etichetta di 'light' o 'healthy', ed è stato un disastro per la salute pubblica," ha commentato Lusting

Le statistiche gli danno ragione Da quando nel 1980 il governo statunitense ha pubblicato le linee guida per l'alimentazione, il tasso di obesità e di malattie a essa collegata, come il diabete, è più che raddoppiato. "Il diabete infantile era praticamente sconosciuto fino ad allora, e adesso è molto diffuso," ha detto Lusting.

Ma questa tendenza non riguarda solo gli Stati Uniti. All'inizio dell'anno scorso, una ONG britannica, la National ObesityForum (NOF) ha condannato ferocemente le politiche del governo in fatto di dieta e alimentazione.

Nel suo rapporto, la NOF sostiene che il consiglio di ridurre grassi e colesterolo è la "causa principale" del crescente tasso di obesità e diabete nel paese. Sentito poco dopo la pubblicazione del rapporto, Akeem Malhotra, un cardiologo inglese che ha contribuito alla stesura, ha detto, "le politiche alimentari che hanno portato a promuovere cibo light sono forse il più grande errore nella storia della medicina moderna."

Oltre a denunciare le "politiche fallimentari" del governo, il rapporto della NOF ha lanciato un appello per "una totale revisione dei consigli alimentari e della comunicazione sulla salute pubblica"

In un recente editoriale sul _British Journal of Sports Medicin_e, la ricercatrice Zoe Harcombe della University of West Scotland ha spiegato che il tasso di obesità tra gli uomini e le donne inglesi è salito dal 2,7 percento del 1972 al 23 e 26 percento, rispettivamente, nel 1999.

"Ci sono tre grandi categorie di sostanze nutritive," ha detto Harcombe a Tonic, "proteine, grassi e carboidrati." Praticamente tutto ciò che mangi e bevi contiene uno o più di queste tre sostanze. Se segui il consiglio del governo di mangiare meno grassi, inevitabilmente è il consumo di carboidrati che si alza, ha detto. Questo è esattamente quello che è successo durante gli anni Ottanta e Novanta.

Per essere corretti: l'ultima iterazione delle linee guida alimentari pubblicata dal governo degli Stati Uniti non sostiene più un taglio radicale del consumo di grassi e colesterolo. Ma questa omissione è più un passo indietro che il riconoscimento pubblico di un errore, ha detto Teicholz. Peggio: "quando guardi al modello nutrizionale attuale, quello che va a finire anche nelle linee guida per le mense scolastiche, i grassi sono ancora bassi," ha detto. Inoltre, il consumo di alimenti light è ancora fortemente incoraggiato nonostante la mancanza di supporto da parte delle ultime ricerche.

"Gli studi non hanno mostrato i benefici di una dieta low-fat piuttosto che full-fat per la perdita di peso, specialmente se le calorie provenienti dai grassi sono sostituite dagli zuccheri," ha detto a Tonic Walter Willett, responsabile della nutrizione alla Harvard School of Public Health. "Al massimo, le prove vanno nell'altra direzione." Willett chiarisce che non considera il latte intero o formaggi saturi di grasso come "alimenti salutari". La frutta secca come noci, mandorle e nocciole, per esempio, è una fonte di grasso migliore, dice. Ma se devi bere del latte o mangiare dello yogurt, le prove suggeriscono che per il tuo girovita forse faresti meglio a sceglierli in versione full-fat—probabilmente per il fatto che riempionio di più e riducono il rischio di mangiarne in quantità eccessiva.

"Sia la credibilità dei professionisti che delle istituzioni sono a rischio," dice Teicholz quando chiedo perché si parli poco dei danni causati dalle linee guida nutrizionali del governo. Tra le cause di questo ritardo, Teicholz cita anche gli interessi dell'industria alimentare e l'imbarazzo di ritrattare circa mezzo secolo di consigli sbagliati.

Nel Regno Unito, la discrepanza tra la scienza e le politiche nutrizionali del governo ha portato ad alcune fratture all'interno della comunità che si occupa di salute pubblica. Dalla pubblicazione del rapporto, il National Obesity Forum ha perso quattro dei suoi membri più esperti, e questo ha acceso un dibattito tra dottori, nutrizionisti e politici su quale sia il cibo da considerare consono a una dieta sana.

"I nostri rapporti precedenti avevano suscitato poco interesse, quindi non potevamo sapere che questo avrebbe avuto tali effetti," ha dichiarato a Tonic David Haslam, presidente del National Obesity Forum e professore alla Robert Gordon University.

Cosa deve fare, quindi, una persona che vuole seguire una dieta?

Jenny Knight, 30 anni, è una logopedista di Norman, in Oklahoma. "Combatto col mio peso da quando ho otto anni," ha detto a VICE. Alta 1,75 cm per 113 kg, è sicuramente obesa.

Come molti americani obesi, Knight ha provato decine di diete diverse che, alla fine dei conti, puntavano sul tagliere i grassi o le calorie per perdere peso. Prima o poi, tutte le diete hanno fallito. "Anche quando funzionavano, si trattava solo di tenacia," continua. "Avevo cosi tanta fame che tremavo, e alla fine non riuscivo a portarle avanti, e riprendevo il peso che avevo perso."

Da febbraio, Knight segue una dieta che si concentra sui grassi e supportata da David Ludwig, un professore di nutrizione a Harvard.

A Tonic, Ludwing ha detto che ridurre i grassi dalla propria dieta per aumentare i carboidrati complessi può scatenare una miriade di cambiamenti non salutari nel metabolismo—cambiamenti che alimentano malattie come diabete e fanno sì che le cellule grasse trattengano—invece di liberare—la loro energia. Il risultato è una fame "fuori controllo", ha detto.

La sua dieta, che è spiegata nel libro Always Hungry?, prevede una riduzione di cibi processati e ricchi di carboidrati, per prediligere alimenti ricchi di grassi quali la frutta secca, i latticini interi, gli olii naturali e alimenti del genere.

Fino ad adesso, seguendo questa dieta Knight ha perso quasi 15 kg. Ma non è soltanto la perdita di peso a renderla ottimista. "Si tratta dell'unica dieta che ho mai provato che non richiede alcuno sforzo," ha detto. "Mangiare cose come cioccolato fondente, burro di arachidi o latte di cocco è soddisfacente, e non sono affamata come prima."

La dieta di Ludwig può essere o meno la soluzione a tutte le preghiere di chi vuole perdere peso. Ma una cosa è certa. I grassi non sono mai stati il nemico che le autorità del campo indicavano.

"Credo che la maggior parte di noi raggiungerebbe una dieta praticamente perfetta semplicemente eliminando il cibo confezionato," ha commentato Lusting. "Non avremmo bisogno di nessuna linea guida se mangiassimo cibo vero."

Questo articolo è tratto da Tonic