Questa mega antenna cinese è in cerca di alieni
Tutte le immagini: Matjaž Tančič

Questa mega antenna cinese è in cerca di alieni

Siamo stati nell'estrema provincia rurale cinese per capire se il radiotelescopio più grande del mondo contatterà mai gli extraterrestri.
13.9.17

L'enorme struttura metallica a forma di scodella sembra quasi un wok o un piatto da minestra.

"È magnifico. Non ho mai visto una padella così grande," ci ha detto il signor Hu, impiegato sessantenne di una compagnia di forniture militari, osservando il Five hundred metre Aperture Spherical Telescope, chiamato FAST, da una sottile piattaforma di legno nel cuore della provincia rurale del Guizhou, nel sud ovest della Cina.

Pubblicità

"È proprio all'altezza della sua reputazione," ha aggiunto, mentre una leggera pioggia gli colpiva gli occhiali.

Il signor Fu era solo uno dei circa cinquanta turisti muniti di ombrello che ammiravano il Fast quel giorno, lo scorso maggio. La parabola è stata progettata per aiutare ad esplorare e disegnare una mappa dello spazio, e per intercettare eventuali messaggi di una forma di vita extraterrestre, mentre le ambizioni spaziali cinesi continuano a crescere.

"Mi piacerebbe chiedere agli alieni com'è il loro pianeta," ci ha detto il signor Fu pulendosi gli occhiali per vedere meglio la parabola. "Ma non riesco proprio a immaginare come potrebbe essere effettivamente."

Poco più in là, Liu Qingwen, un bambino di dieci anni di Guiyang, la capitale di Guizhou, sembrava molto meno interessato a una chiacchierata intergalattica. "Non mi piacerebbe parlare con gli alieni," ha detto timidamente Liu. "Sono una minaccia per gli umani."

Il centro della parabola. Foto: Matjaž Tančič

Secondo gli schermi del museo astronomico, l'ultimo pannello di metallo è stato installato su FAST agli inizi di luglio 2016, segnando la fine dei lavori (anche se il completamento è stato annunciato ufficialmente nel settembre successivo). Il radiotelescopio non sarà completamente operativo ancora per qualche anno, ma le dimensioni di questa mastodontica struttura hanno già catturato l'attenzione di tutto il mondo. Con un diametro di 500 metri, è il radiotelescopio più grande del mondo, e supera di misura il secondo classificato: lo statunitense Arecibo Observatory, a Puerto Rico, con i suoi 305 metri.

Il FAST è una visione intrigante. Ci sono voluti circa cinque anni per costruirlo, per un costo di $180 milioni secondo quanto riportato dai media di stato, anche se si è speculato che il costo reale sia stato ben più alto. Per arrivarci bisogna passare davanti ai contadini locali impegnati a strattonare vitelli, a Pingtang County, una povera area rurale di Ghizhou nota per la sua straordinariamente rigogliosa vegetazione naturale. L'asfalto è stato appena posato per facilitare l'accesso alla parabola, e ai lati sono immediatamente comparsi distributori di benzina e centri per turisti a tema spaziale, ancora in costruzione.

Non è consentito avvicinare nessun dispositivo elettronico nel raggio di 5 km dalla parabola. I dispositivi (orologi, telefoni, fotocamere digitali, ecc.) sono custoditi in questi armadietti. Foto: Matjaž Tančič

Con una mossa controversa, circa 9.000 abitanti sono stati trasferiti per creare intorno al FAST una zona senza residenti e fermare le interferenze degli strumenti digitali. Tutti i visitatori sono perquisiti alla ricerca di attrezzatura elettronica prima di entrare nell'area di FAST, scelta appositamente per densità popolativa relativamente bassa e la formazione delle sue montagne, simile a quella di altri siti astronomici ultrasensibili, come il Green Bank Telescope in West Virginia, dove telefoni cellulari e radio sono ugualmente vietati.

Una custode passa davanti a modelli di alieni all'interno del museo interattivo di FAST. Foto: Matjaž Tančič

Un custode a lavoro vicino alla biglietteria di FAST ci ha detto che le reazioni degli abitanti al trasferimento forzato sono state molto diverse tra loro. Molti giovani hanno accolto con favore le nuove prospettive lavorative che accompagnano la parabola, mentre molti membri delle generazioni più anziane hanno sofferto notevolmente l'abbandono delle loro case.

Alcuni agricoltori accompagnano i loro vitelli lungo le strade di Pingtang County, una povera area rurale di Guizhou. Foto: Matjaž Tančič

Nel resto della Cina, però, l'aspetto di ricerca aliena di FAST ha portato parecchia agitazione, fomentata da un gigantesco museo astronomico vicino alla parabola che include statue di alieni umanoidi. "Gli alieni probabilmente hanno tentato di mandarci messaggi per anni, ma noi non li abbiamo ricevuti," e altre scritte del genere abbondano sugli schermi del museo.

Ma quando il FAST diventerà finalmente pienamente operativo, quanto è probabile che la parabola riesca davvero a intercettare messaggi alieni?

Pubblicità

*

Il "padre" della parabola, Nan Rendong, il capo scienziato di FAST, non si è posto limiti nel promuovere la sua creazione. "Essendo il telescopio ad apertura singola più grande al mondo, ubicato in un sito estremamente isolato dai segnali radio, il suo impatto scientifico sul mondo dell'astronomia sarà straordinario, e sicuramente rivoluzionerà anche altre aree delle scienze naturali," ha detto ai media cinesi nel 2016.

Gli esperti concordano sul fatto che i commenti di Nan siano del tutto legittimi. I creatori della parabola si sono posti l'obiettivo di scoprire 1000 nuovi pulsar; studiare queste stelle rotanti potrebbe portare nuova luce sugli esopianeti (pianeti fuori dal sistema solare), le distanze nello spazio, e corpi come i buchi neri, oltre ad altri fenomeni cosmici. Se l'obiettivo venisse raggiunto, sarebbe una grandiosa aggiunta ai circa 2500 pulsar già scoperti.

"Ogni volta che si aumenta il numero di pulsar conosciuti, si scoprono nuovi fenomeni," ha detto a Motherboard Dick Manchester, un radioastronomo del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation australiano. "Quell'obiettivo di 1000 nuovi pulsar scoperti è realistico. Raddoppiare il numero di pulsar conosciuti, sicuramente porterà alla scoperta di oggetti inaspettati."

Un turista fissa un'opera del museo spaziale interattivo di FAST. Foto: Matjaž Tančič

Manchester ci ha detto che la scoperta di un pulsar in orbita intorno a un buco nero sarebbe incredibilmente significativa, perché consentirebbe un'analisi molto profonda di queste entità misteriose. Il monitoraggio dei pulsar potrebbe anche aiutare a confermare l'esistenza e spiegare la natura della materia oscura, materia non osservabile che molti scienziati credono essere elemento fondamentale della struttura dell'universo, ma che rimane ancora solo una teoria. Il FAST potrebbe anche aiutare a indagare le onde gravitazionali, "increspature" dello spazio-tempo causate da oggetti massivi in accelerazione. La parabola sonderà anche i cieli per cercare lampi radio veloci, brevi impulsi radio di origine sconosciuta che intrigano gli astronomi.

Nonostante tutto, però, molte persone sono interessate più che altro alla possibilità che la parabola riesca a ricevere messaggi alieni. Peng Bo, capo del National Astronomical Observation cinese, ha dichiarato che "con FAST le possibilità di scoprire una civiltà aliena saranno cinque o dieci volte di più rispetto a quelle date dalle attuali attrezzature, dato che può vedere pianeti più lontani e più oscuri."

Pubblicità

Douglas Vakoch, presidente di METI International, un'organizzazione che cerca di contattare le forme di vita aliena, ha detto a Motherboard che gli sforzi di FAST in questo campo non si limiteranno ad aspettare passivamente dei messaggi radio del tipo "Ehi, ciao laggiù" da Marte. La parabola contribuirà a disegnare la mappa della distribuzione di idrogeno nella Via Lattea e in altre galassie vicine, dato che i cambi di stato dell'idrogeno sono un indicatore dei pianeti che potrebbero potenzialmente ospitare forme di vita.

Vakoch ha aggiunto che data la limitata disponibilità di tecnologia radio al giorno d'oggi, ogni segnale radio da parte di civiltà aliene rilevato dalla parabola dovrebbe essere forte e inviato con l'intento di creare un contatto, piuttosto che essere lanciato a caso dagli equivalenti di una radio o di una tv.

"Saremo in grado di trovare solo il tipo di segnali cercati da FAST: segnali a banda stretta, qualcosa di molto difficile da inviare," ha detto. Un segnale interstellare che dica: Siamo qui."

*

Quindi, puntiamo una gigantesca parabola verso il cielo e ascoltiamo, e fin qui tutto bene. Ma se veramente dovesse esistere vita oltre la Terra, sarebbe intelligente secondo la nostra definizione di intelligente? Avrebbe la tecnologia necessaria a mandarci segnali radio? Vorrebbe mandarcene? E perché?

Molti fattori dovrebbero allinearsi per permettere a FAST di ricevere un messaggio significativo da una civiltà extraterrestre. Ciononostante, molti scienziati credono che la probabilità che esistano forme di vita oltre quella terrestre sia alta. Manchester sostiene che sia "virtualmente garantita".

Pubblicità

"La probabilità che lo sviluppo sulla Terra sia stato un evento completamente unico nel suo genere è molto bassa. Non sembra esserci niente di particolarmente speciale nel modo in cui la vita si è evoluta qui. Ma le distanze nello spazio sono così immense che le probabilità di essere in grado di comunicare con loro [e viceversa] sono così basse da essere praticamente nulle."

Non sono solo i creatori di FAST a credere che valga la pena ascoltare. Il miliardario russo Yuri Milner, ad esempio, ha speso $100 milioni per Breakthrough Listen, un progetto di esplorazione interstellare che comprende anche la ricerca di segnali radio alieni.

Nel mercato locale, un abitante del paese ci mostra una foto della parabola. Foto: Matjaž Tančičalieni

Tanto Manchester quanto Vakoch hanno suggerito che se una vita intelligente dovesse veramente esistere, molto probabilmente sarebbe dotata di una tecnologia molto più avanzata della nostra. Perciò, potrebbe essere in grado di inviare segnali radio facilmente, e forse essere già consapevole dell'esistenza della vita sulla Terra.

"La nostra civiltà si è evoluta solo per decine di migliaia di anni," ha detto Manchester. "Altre civiltà potrebbero aver avuto miliardi di anni per svilupparsi. È virtualmente certo che qualsiasi altra civiltà dovessimo riuscire a localizzare sarebbe enormemente più avanzata della nostra. La nostra storia in termini di evoluzione stellare è minuscola."

Secondo Vakoch, se una civiltà del genere fosse anche solo 300 anni in anticipo sugli umani — una minuscola macchiolina sullo spettro evolutivo — in termini di sviluppo tecnologico, le loro abilità comunicative sarebbero talmente avanzate da essere praticamente incomprensibili per noi.

"La nostra civiltà si è evoluta solo per decine di migliaia di anni. Altre civiltà potrebbero aver avuto miliardi di anni per svilupparsi."

Perciò, quali sono le probabilità che questi alieni potenzialmente super avanzati ci contattino tramite FAST? Vakoch ha osservato che sebbene possa sembrare una cosa improbabile, anche molte altre scoperte astronomiche sono sembrate altamente improbabili un tempo.

Per esempio, i pulsar dopo la loro scoperta nel 1967 sono stati soprannominati LGM (abbreviazione di "little green men", piccoli uomini verdi) perché prima di allora gli astronomi non avevano mai osservato niente in natura in grado di pulsare con quella regolarità. Il primo esopianeta è stato scoperto nel 1992, e oggi si contano moltissimi esopianeti potenzialmente in grado di sostenere la vita. Quasi sicuramente il FAST arricchirà enormemente il mondo dell'astronomia.

Telescopi sul balcone di un hotel vicino al museo FAST. Foto: Matjaž Tančič

"Dovremmo essere ottimistici nella nostra ricerca. Tutto ciò che stiamo scoprendo sta rendendo sempre più plausibile l'esistenza di un'altra forma di vita lì fuori," ha detto Vakoch. "Ma non abbiamo ancora trovato una singola prova concreta che esistano anche solo dei batteri nello spazio."

Un turista di 46 anni che si è presentato a noi come signor Yu al museo astronomico del FAST è stato il più risoluto.

"Credo che la parabola li troverà," mi ha detto, vicino ad alcuni alieni verdognoli proiettati su uno schermo. "Il FAST è una scoperta fondamentale per l'esplorazione dell'universo. Dopo aver accolto gli alieni, parlerei con loro dell'origine della vita umana e della nostra evoluzione. Voglio sapere da dove vengono e dove stiamo andando."