Gli unici film sul Natale che dovresti guardarti in queste vacanze

Dopo aver rivisto per la centesima volta 'Una poltrona per due', ovviamente.

|
24 dicembre 2018, 10:40am

Still da 'Parenti serpenti'.

Altro che Una poltrona per due e Mamma ho perso l'aereo. Quelli sono la tradizione, ok, ma sabato con la newsletter settimanale di VICE (non ti sei ancora iscritto/a? Rimedia subito!) è uscita la nostra lista di film sul Natale che devi assolutamente vedere durante le feste. Ci trovi qualche grande classico, ma anche alcuni titoli che non ti aspetti.

Se te la sei persa, eccola qua, pronta all'uso. Puoi anche scaricare un bel pdf.

LA VITA È MERAVIGLIOSA (1946, COMMEDIA DRAMMATICA)
Classicone del Natale all'americana, con sana dose di buonismo cattolico che però sotto le feste non fa male a nessuno. Alla vigilia di Natale e sull'orlo del fallimento, il protagonista non vede altra via d'uscita oltre al suicidio, ma poi sarà l'affetto di amici e parenti a salvarlo. Non so voi, ma io piango sempre.

CASTING JONBENET (2017, DOCUMENTARIO)
Quando una campionessa di concorsi di bellezza per l’infanzia viene uccisa a Boulder (Colorado) a sei anni d’età, la notte di Natale del 1996, è evidente che tutti gli Stati Uniti ne parleranno per anni. L'autrice di Casting JonBenet ha fatto un casting a Boulder per realizzare un documentario sulla vicenda, ma in realtà il documentario è il casting e il risultato sono degli americani progressisti che spettegolano su un caso dark mentre aspirano a interpretarne la ricostruzione.

CAROL (2015, DRAMMATICO)
New York anni Cinquanta, un elegante grande magazzino del centro dove si respira aria di festa. È qui che si incontrano gli sguardi di Carol e Theresa (Cate Blanchett e Rooney Mara) per la prima volta ed è qui che nasce una delle storie d'amore migliori del grande schermo, e uno dei film che pur avendo come protagoniste due donne non va a finire in amarissima tragedia. Il film è così natalizio e amato da essersi conquistato un culto tutto suo.

JINGLE BELL ROCKS (2013, DOCUMENTARIO)
Natale o lo ami o lo odi, ma non puoi ignorarlo. È per questo che i creatori di Jingle Bell Rocks sono andati alla ricerca di una colonna sonora underground per sopravvivere al periodo di festa. Ci sono dentro The Flaming Lips, Run-DMC, Low, Miles Davis & Bob Dorough, Clarence Carter, John Waters e un sacco di altra gente insospettabile che ha cercato di salvarci da Mariah Carey. Grazie.

REINDEERSPOTTING: ESCAPE FROM SANTALAND (2010, DOCUMENTARIO)
A Rovaniemi, Finlandia, ci sono 0,2 gradi di media, c’è la neve per 183 giorni all’anno e durante il mese di giugno, il sole non scompare mai sotto l’orizzonte. Bello, direte. Ma il gruppo di amici di questo documentario preferisce dedicarsi al consumo di droghe. È il Trainspotting in nord Europa, ma a differenza di Ewan McGregor, il protagonista cade veramente da un balcone di tre metri durante la gara annuale di sciatori trainati da renne. Tutto vero.

CANTO DI NATALE DI TOPOLINO (1983, CORTOMETRAGGIO ANIMATO)
Da vedere con nipoti/cugini/fratelli molto piccoli, affinché anche loro possano rimanere traumatizzati a vita dalla scena del piccolo cagionevole Tim che non riesce a mangiare un pisello. Più efficace di qualsiasi campagna sugli sprechi alimentari.

CAPTAIN FANTASTIC (2016, COMMEDIA DRAMMATICA)
Ex attivisti anarchici, Viggo Mortensen e la moglie vivono in una foresta con sei figli bellissimi. I ragazzi non vanno a scuola ma leggono di storia e filosofia, non conoscono la tecnologia ma rispettano profondamente la natura. E in una critica aperta alla borghesia del consumismo, al posto del Natale festeggiano il compleanno di Noam Chomsky in cui finalmente si concedono una torta con tantissima panna montata.

WAJIB (2017, DRAMMATICO)
Wajib, film palestinese, è il classico ritorno per Natale dai tuoi, ma all'ennesima potenza. Perché non è solo Natale: tua sorella sta per sposarsi, tu ti sei fatto una vita all'estero e torni a casa in un posto che riconosci a fatica, da un padre che non è supercontento della tua attuale vita e che avrà ogni occasione per ripetertelo negli infiniti viaggi in macchina per consegnare gli inviti al matrimonio a tutta Nazareth. Si parla anche di politica, proprio come a Natale.

LOVE ACTUALLY (2003, COMMEDIA ROMANTICA)
Forse il film di Natale più preso per il culo della storia. Eppure scrivere un film con otto storie che parallelamente si intrecciano, ognuna rappresentativa di una specifica condizione sentimentale, non è facile. Pezzo preferito: la recita di Natale in cui, per carenza di personaggi della natività, due bambini partecipano alla scena della Natività vestiti da polipo e granchio.

TANGERINE (2015, COMMEDIA DRAMMATICA)
Los Angeles, vigilia di Natale: una prostituta transgender cerca di vendicarsi dell'uomo che l'ha tradita. Il tutto girato con un iPhone.

THE SNOWMAN (1982, CORTOMETRAGGIO ANIMATO)
Altro film per la categoria: piccoli nipoti/cugini/ecc. Dopo che ci giochi per tre ore, e continui a sollevarli a testa in giù per la gioia di tua sorella, piazzarli davanti alla tv è sempre un'ottima soluzione. Tratto da un bellissimo libro per bambini, e pieno di quella nostalgia che solo la sera del 25 ti dà.

BRIAN DI NAZARETH (1979, COMMEDIA)
Brian Cohen nasce contemporaneamente a Brian di Nazareth. Nella grotta a fianco. Il film è girato dai Monthy Python = Sliding doors meets Una poltrona per due meets Jesus Christ superstar meets black humour inglese. Il film è del 1979, ma in Italia è uscito 12 anni dopo poiché considerato blasfemo.

BUONGIORNO ELEFANTE (1952, COMMEDIA)
De Sica interpreta un maestro di elementari squattrinato, padre di quattro figli e felicissimo nella sua miseria (come da copione anni '50). Dopo aver fatto da Cicerone a un sultano indiano una sera a Roma, riceve come dono di Natale dal suo cliente facoltoso un cucciolo di elefante. Nel film c'è un elefante vero, mi sentivo di specificarlo.

MEAN GIRLS (2004, COMMEDIA)
Non è un film di Natale, ma c'è abbastanza natale per soddisfare le necessità. Non ci si stufa mai dell'immenso talento di Tina Fey.

IL NOSTRO NATALE (2001, DRAMMATICO)
Film di Abel Ferrara su una famiglia di spacciatori a New York durante il periodo natalizio. La figlia desidera una bambola Party Girl apparentemente introvabile. Alla fine la moglie paga una cifra incredibile per averla, il marito viene rapito da una banda di spacciatori concorrente e i due coniugi si ritrovano ad analizzare il loro stile di vita.

L'AMORE NON VA IN VACANZA (2006, COMMEDIA)
Il film perfetto per accontentare tutti—soprattutto l’insospettabile che in gran segreto sa già tutte le battute e fingerà di non volerlo (ri)vedere in fase di scelta. Racconta di due sconosciute che si scambiano la casa per Natale: la prima si ritrova a Los Angeles a essere redarguita da uno sceneggiatore-dinosauro perché si è dimenticata di vivere la sua vita, la seconda in un paesino dimenticato da Dio in Gran Bretagna. Se ne vuole subito andare. Però poi bussa alla porta a Jude Law. E che fai, non resti?

L'ESORCISTA (1973, HORROR)
Sempre per la serie: terrorizzare cugini e nipoti indifesi. Non credo che il più classico degli horror abbia bisogno di presentazioni, ma forse vale la pena ricordare che nel 1973 il film debuttò nelle sale proprio il giorno dopo Natale.

JOYEUX NOËL - UNA VERITÀ DIMENTICATA DALLA STORIA (2005, DRAMMATICO)
Prima Guerra Mondiale, vigilia di Natale. Per volere di Guglielmo di Prussia, il tenore dell’Opera di Berlino va in visita al fronte per intrattenere le truppe tedesche, ma finisce per incantare anche l’esercito francese, che monta sulle trincee e applaude. L’episodio è realmente accaduto, nel film è chiaramente romanzato, ma conserva comunque la poesia di quella notte, in cui tedeschi, francesi, britannici deposero le armi e celebrarono il Natale insieme.

PARENTI SERPENTI (1992, COMMEDIA GROTTESCA)
Un capolavoro di satira del maestro che fu Mario Monicelli, perfetto per coloro che "odio il Natale, i parenti...", e con dialoghi e caratterizzazioni dei personaggi meravigliosi.

IN BRUGES - LA COSCIENZA DELL'ASSASSINO (2008, POLIZIESCO)
Il silenzio ovattato di Bruges nel periodo di Natale è in netto contrasto con i tormenti che affliggono i due protagonisti, due sicari irlandesi approdati in Belgio in attesa del loro prossimo incarico. L'intrigo ti prende e non ti molla, in questo caso, però, meglio mettere a letto i cuginetti più piccoli per risparmiare loro qualche incubo.

MR. OVE (2015, COMMEDIA)
Questo è per tutti quei fan di Scrooge che hanno visto A Christmas Carol fino alla nausea. Il protagonista di questa commedia svedese è un po' come il personaggio di Charles Dickens ma molto più umano e meno scontato. Da vedere rigorosamente in lingua originale, per sognare un'amicizia impossibile con l'anziano del quarto piano che protesta ogni volta che hai gente a cena.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da VICE e avere accesso ad altri contenuti esclusivi come 'Gli unici film sul Natale che dovresti guardarti in queste vacanze'? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale, torna a gennaio 2019.