Attualità

Come perdere peso senza eliminare l'alcol

Già, hai letto bene, per bruciare i grassi non devi smettere di bere del tutto. Devi solo avere un po' di buonsenso.
30 novembre 2018, 5:00am
alcohol_sports
Immagine via Unsplash. Collage di Piero Amoruoso.

Di solito, quando vuoi perdere peso, tutti ti dicono che la prima cosa da eliminare è l'alcol. L'idea più diffusa è che anche qualche drink nel weekend si depositi subito sul basso addome. E non importa quanto ti alleni durante la settimana, basta quel bicchiere per vanificare ogni sforzo. Quindi l'unica soluzione possibile per perdere peso, dicono, è eliminare ogni traccia di alcol. Ma è davvero così?

A quanto pare, in realtà, solo una piccola percentuale dell'alcol che consumiamo si trasforma effettivamente in grasso. Inoltre, secondo alcuni studi è possibile bere alcol regolarmente—anche tutti i giorni, ma con moderazione—e perdere comunque peso. Ecco allora un'analisi dei dati scientifici su consumo di alcol e perdita di peso e tutto quello che potrebbe significare per la tua dieta.

Innanzitutto, meno del cinque percento dell'alcol che consumiamo viene trasformato in grasso. Questo non significa che l'alcol non abbia un impatto sul peso. L'alcol, infatti, riduce la capacità del corpo di bruciare grasso per produrre energia. Ad esempio, bastano due cocktail a base di vodka e limonata senza grassi per ridurre l'ossidazione del grasso corporeo—indicatore di quanto brucia il corpo—di oltre il 70 percento.

Invece di essere immagazzinato come grasso, l'alcol di per sé viene trasformato in una sostanza chiamata acetato. L'acetato viene rilasciato nel sangue e il suo metabolismo ha la precedenza su quello delle proteine, dei carboidrati e del grasso. Il modo in cui il tuo corpo reagisce all'alcol è molto simile al modo in cui gestisce i carboidrati. Sebbene i carboidrati possano essere trasformati direttamente in grasso, questo succede solo se ne consumi in grandi quantità.

Uno dei principali effetti di un apporto eccessivo di carboidrati è che questi sostituiscono il grasso come fonte di energia. Se i grassi non vengono bruciati, vengono assimilati e non trasformati: insomma si depositano. E quelli che erano già depositati vengono smaltiti molto più lentamente. Questo significa che l'alcol fa aumentare il deposito di grassi solo nel caso in cui vengano assunte più calorie di quelle bruciate. A questo proposito, diversi studi dimostrano che perdere peso e consumare alcol è possibile, basta saperlo fare con un po' di buonsenso.

In uno studio, i ricercatori della Colorado State University hanno chiesto a un gruppo di uomini di bere due bicchieri di vino a cena, ogni sera. Dopo sei settimane, non era cambiato molto nella loro condizione fisica. Il loro peso non era cambiato, e non avevano accumulato grasso in eccesso. Gli studiosi hanno commentato così i risultati: "Il nostro studio dimostra che un consumo moderato di alcolici (due bicchieri di vino al giorno) non ha alcun impatto sul peso corporeo, sulla composizione della massa corporea, sul metabolismo a riposo e l'utilizzo del substrato, e non ha conseguenze che possano favorire lo sviluppo di obesità in un periodo di sei settimane."

Un altro studio dello stesso gruppo di ricercatori ha avvalorato ulteriormente questa tesi. Bere due bicchieri di vino, per cinque sere a settimana, nell'arco di dieci settimane, non ha avuto alcun effetto sul peso corporeo né alcuna influenza sulla percentuale di grasso nel corpo di un gruppo di donne sedentarie e sovrappeso.

Gli studiosi tedeschi dell'Università di Hohenheim hanno selezionato un gruppo di 49 studenti sovrappeso e hanno assegnato loro due programmi alimentari diversi, entrambi da 1500 calorie al giorno. La prima dieta includeva un bicchiere di vino bianco al giorno, mentre l'altra lo sostituiva con un bicchiere di succo d'uva. Dopo tre mesi, il gruppo che aveva bevuto vino aveva perso più peso—in media 4,7 kg rispetto a 3,7 kg nel gruppo del succo. Il risultato ci fa riflettere, ma non può essere considerato statisticamente interessante.

In breve, non c'è nulla nell'alcol in sé che sia direttamente legato all'aumento di peso e di massa grassa. Quello che provoca l'aumento di grasso è un consumo eccessivo di cibo in relazione alle proprie esigenze energetiche. Quando la dieta porta il corpo in deficit calorico, allora perdere peso è possibile, senza rinunciare all'alcol.

Ma allora perché l'alcol ha questa brutta reputazione in riferimento all'aumento di peso? Il problema non sono necessariamente le calorie contenute nell'alcol, ma il modo in cui questo influenza le nostre abitudini alimentari. L'alcol può vanificare i tentativi di perdita di peso perché ha un effetto disinibitorio importante che ci induce a cedere alla tentazione del cibo.

Secondo altri studi, chi beve alcol a cena è portato a consumare più cibo rispetto a chi beve bevande non alcoliche durante i pasti. Per questo è una doppia fregatura: ci sono le calorie dell'alcol unite alle calorie della maggiore quantità di cibo ingerita.

Per esempio, è stato chiesto a un gruppo di donne di mangiare dei biscotti dopo aver bevuto un vodka lemon oppure dopo aver bevuto un drink con lo stesso sapore ma senza alcol. Tra i due gruppi, le intervistate che avevano bevuto vodka avevano mangiato una quantità maggiore di biscotti. Tra i tre componenti del nostro stile di vita che stimolano l'assunzione di cibo, l'alcol è il primo della lista, prima della TV e dell'insonnia.

Prova a immaginare la scena: è venerdì sera, e sei fuori a cena con gli amici. Hai già deciso di concederti qualche sfizio, ma senza esagerare. Inizi con un drink prima di cena, e giuri che sarà il primo e l'ultimo. Ma poi, sai com'è, uno tira l'altro e alla fine ne hai bevuti quattro. Ops.

Più bevi, più fai fatica a controllare i tuoi impulsi verso il cibo. Senza accorgertene, sprofondi nella fase "ma 'sti cazzi" e lì crolla tutto. La dieta è solo un lontano ricordo e in men che non si dica ti ritrovi al McDonald’s all'alba del sabato.

E non è ancora finita. Ovviamente, in queste condizioni, raggiungere la palestra e allenarsi il sabato mattina come avevi previsto di fare sembra un miraggio. E così i tuoi buoni propositi svaniscono e passi la giornata a guardare serie TV sul divano. Ti senti stanco, affamato e infastidito per aver lasciato che accadesse tutto questo. Per cercare di tirarti su il morale, cosa fai? Mangi qualcosa di buono (leggi: junk food) e poi non riesci più a fermarti. Può durare ore, giorni o anche settimane. Tanto ho già mandato all'aria tutto, ti dici, tanto vale continuare per tutto il weekend/il mese/l'anno.

Di solito è in quel momento che prendi la decisione fatale: la dieta la riprendo da lunedì. Di quale anno, non si sa. Per riassumere, l'idea che l'alcol si trasformi immediatamente in grasso e che si depositi irrimediabilmente su ventre e fianchi non è corretta. L'alcol rallenta il processo di combustione dei grassi, mentre viene metabolizzato dal corpo. Ma consumare alcol se vuoi perdere peso non è peggio che consumare carboidrati o grassi in eccesso.

L'alcol in sé, se consumato con moderazione, non avrà alcun impatto negativo sulla tua perdita di peso, a patto che sia calcolato nel tuo introito calorico quotidiano e non te lo faccia superare. Quello che rende l'alcol deleterio è l'effetto domino che generalmente scatena, scombussolando le nostre abitudini alimentari corrette e la nostra pianificazione di attività fisica, nelle ore e giorni successivi al consumo.

Questo articolo è comparso originariamente su Tonic