Pubblicità
Cultura

Lo sceriffo Hopper ha spiegato la scena dopo il finale di 'Stranger Things 3'

David Harbour sa cosa c'è dietro quella porta.

di River Donaghey
16 luglio 2019, 7:35am

Foto via Netflix.

La terza stagione di Stranger Things è uscita da quasi due settimane e a questo punto possiamo dare per scontato che la maggior parte di voi l'abbia vista—perché quale modo migliore c'è di passare le serate afose (o piovose?) di luglio se non barricandosi in casa davanti al computer? Ma se siete il tipo di persona che per qualche ragione ha dato priorità all'interazione con altri esseri umani in questi giorni, occhio: di seguito trovate spoiler su tutta la terza stagione di Stranger Things.

Pronti? OK.

Nel finale della terza stagione, lo sceriffo Hopper sembra morire in un'esplosione catastrofica mentre sta cercando di chiudere il portale segreto nel Sottosopra che i russi hanno aperto sotto lo Starcourt Mall (no, non ha granché senso, ma non importa). Ma, in una scena post titoli di coda alla fine dell'ultimo episodio, il personaggio sembra non essere morto davvero. La breve clip è ambientata in Russia, dove i sovietici hanno aperto un altro buco nel tessuto dimensionale e hanno riportato il Demogorgone nella nostra realtà. Durante la scena, un soldato russo fa riferimento a un prigioniero che chiamano "l'americano"—plausibilmente Hopper stesso, a meno che Barb non stia per regalarci il colpo di scena più sorprendente della storia.

La settimana scorsa, Entertainment Weekly ha intervistato David Harbour, che interpreta Hopper nella serie, per chiedergli se la teoria che il suo personaggio si trovi in Russia fosse corretta. Harbour è rimasto abbastanza serrato con EW, dicendo di "non averne idea," ma stando a SlashFilm, Harbour un'idea ce l'avrebbe eccome—e ha confermato in un'intervista che Hopper è ancora vivo.

Stando a SlashFilm:

“Questa è la domanda su cui vorrei prendermi un attimo—" ho iniziato a dire, per essere interrotto da Harbour, che mi ha chiesto, "Il finale?" "Esatto," ho risposto. "C'è un modo per parlare del futuro di Hopper senza..." ho tentato di chiedergli, e Harbour mi ha interrotto di nuovo, dicendo: "Be', hai visto la scena dopo i titoli di coda?"
Ovviamente sì, l'avevo vista. Così gli ho chiesto direttamente: c'è Hopper dietro quella porta? Stando ad Harbour, sì. Durante la stagione, il cattivo russo principale si riferisce a Hopper sempre come "l'americano", e vedere un altro russo che parla di un misterioso prigioniero usando lo stesso nome è un grosso indizio.

Ora, non sorprende nessuno che Hopper sia di ritorno per la quarta, inevitabile stagione. Il suo personaggio non ha ancora compiuto l'arco narrativo di vero ordine e redenzione che ci aspettiamo se e quando un personaggio importante muore—ha ancora parecchia roba irrisolta con Joyce e Undici, e gli autori della serie (i fratelli Duffer) non l'avrebbero fatto saltare in aria senza almeno far succedere finalmente qualcosa tra lui e Joyce. Ma l'interpretazione di Harbour è uno dei nuclei emotivi di Stranger Things ed è bello sapere che lo Sceriffo Hopper non è andato via per sempre.

Netflix non ha ancora confermato la quarta stagione di Stranger Things—ma dai, succederà per forza. Nel frattempo, potete leggere l'intera intervista di SlashFilm con Harbour.