Cultura

La tatuatrice più giovane del mondo ha 11 anni

Noko Nishikagi, giapponese, ha fatto il primo tatuaggio a sei anni, e i suoi gattini e uccellini sono già richiestissimi.

di Yuichi Abiko; traduzione di Giacomo Stefanini
20 gennaio 2020, 9:59am

A Noko Nishikagi piacciono il K-Pop, andare a scuola e "il sushi, specialmente di salmone." Ama l'arte e disegnare "volpi, lupi e altri animali." Anche se sembra una bambina di undici anni qualunque [dieci al momento della realizzazione dell'intervista], però, Noko è diversa dai suoi coetanei per una particolarità: è una tatuatrice in erba.

“Voglio continuare a tatuare anche da grande,” ci ha raccontato Noko.

Suo padre è Gakkin, tatuatore e famoso per il suo stile a mano libera. Oggi tutta la famiglia vive ad Amsterdam, dove si è trasferita da Osaka, in Giappone, nel 2016.

Abbiamo parlato con Noko via Skype di domenica mattina. Una frangetta perfetta le incorniciava il volto, mentre il resto dei capelli erano raccolti a cipolla. Portava una felpa con stampe colorate e grandi orecchini, uno stile particolarmente curato per la sua età.

Sono state la scoperta del lavoro di suo padre in tenera età e la sua naturale propensione per l'arte a spianarle la strada del tatuaggio.

“Non ricordo quando ho visto mio padre fare un tatuaggio per la prima volta, ma probabilmente camminavo a malapena."

In Giappone, il tatuaggio è ancora molto stigmatizzato a causa dei legami del passato con la criminalità, e molti tatuatori hanno difficoltà a operare a causa della mancanza di licenza medica. Ma nessuna di queste cose ha scoraggiato la famiglia di Noko. Gakkin stesso ha deciso di ignorare le critiche ai tatuaggi e alla scelta della figlia, insegnandole a fare pratica prima su carta, poi su bambole con pelle sintetica.

Aveva sei anni quando ha fatto il suo primo tatuaggio. “Disegnavo soltanto uccelli e gatti. Quando vivevamo in Giappone avevamo un uccellino di nome Komajiro, quindi ho iniziato disegnando lui. Il mio primo tatuaggio è stato Komajiro."

Chi è stato il primo cliente di Noko? “Il mio papà," ha detto. "Quindi non avevo paura." Questo pezzo, e i tanti altri che lo hanno seguito, sono naturalmente diventati i tatuaggi preferiti di Gakkin. Ma coi primi clienti non è stato altrettanto facile: "Sono lenta a fare le linee e a volte mi trema un po' la mano," ci ha detto. "Quindi all'inizio ero nervosissima. Capisco che i tatuaggi durano tutta la vita, non posso fare errori. Questa cosa mi faceva preoccupare."

Da allora ha imparato a fare le ombreggiature, e aggiunge che colorare è meno stressante. "Il colore lo posso ripassare anche se faccio un piccolo errore, quindi quella parte è più facile."

Oggi continua a disegnare uccelli, trovando ispirazione nel libro Masterpieces: 150 Prints from the Birds of America di John Hames Audubon, che ha ricevuto in regalo da un altro tatuatore. Le varie pose e tipi di uccelli nel libro allenano la sua immaginazione e la spingono a creare cose nuove. A parte gli uccelli, a Noko piace disegnare i gatti, che sono diventati un po' il suo marchio di fabbrica.

“Non ho un gatto mio, ma sono carini e facili da disegnare. Quando ho iniziato a disegnare gatti, qualcuno mi ha chiesto di tatuargliene uno. Poi la gente ha iniziato a volere i miei gatti, e a quel punto ho cominciato a divertirmi davvero nel disegnarli."

All'inizio Noko preferiva usare i colori lavanda, rosa e giallo chiaro che vedeva su Pretty Cure, una serie anime su un gruppo di ragazze magiche. Oggi, le piace il nero—probabilmente per l'influenza dello stile del padre. "Credo che i suoi lavori più grandi sulle schiene siano fantastici," dice di Gakkin. "Io mi stanco anche a fare un tatuaggio piccolo piccolo."

A parte suo padre, dice di apprezzare molto il lavoro della tatuatrice russa Sasha Unisex—per i suoi colori da acquerello e i ritratti di animali—e di Nissaco, che, come suo padre, è riconosciuto come un maestro del blackwork, di cui ammira "le linee dettagliate".

Anche Noko si sta facendo un nome. Ha clienti che vengono da tutta Europa e alla sua prima tattoo convention a Singapore tutti i suoi spazi erano prenotati. Al momento della stesura di questo articolo aveva completato il suo 35esimo tatuaggio, un fungo nero e rosso che ha anche firmato.

Il profilo Instagram di Noko, gestito dalla madre, ha superato i 100mila follower—tra i commenti, molti la incoraggiano, le chiedono appuntamenti e dimostrano di seguire da vicino la sua evoluzione. "È incredibile poter seguire la sua crescita come artista," scrive uno. "È impressionante che sia già in grado di fare anche lavori su commissione," aggiunge un altro.

Oggi, Noko lavora nello studio di Gakkin il sabato, quando non è a scuola.

“In Giappone, le persone tatuate sono viste come cattive, ma qui non è strano che la gente abbia dei tatuaggi. Ce li hanno anche gli insegnanti e i medici," ha detto.

“Io non ho tatuaggi, ma mi piacerebbe averne. Non tantissimi però, perché mi piace andare alle terme e in piscina, e in Giappone chi è tatuato non ci può entrare. Spero che quando sarò grande le persone tatuate potranno godersi le terme e la piscina anche lì."

Guarda anche:

Tagged:
giappone
Noko