Identità

Un po' di persone spiegano come è cambiata la loro vita sessuale in un anno di pandemia

La pandemia ha messo a dura prova la vita sessuale di tutti—per chi è in coppia, ma soprattutto per chi vorrebbe esserlo.
Nana Baah
London, GB
2.3.21
illustrazione di Alice Skinner
Illustrazione Alice Skinner.

Concentrati. Quando è stata l’ultima volta che hai visto una foto sexy, una curata nei minimi dettagli? L’ultima volta che hai visto un selfie post-palestra luccicante di sudore, o qualcuno con cui lavori che fa una story su Instagram in mutande? Probabilmente la riposta è: tanto tempo fa.

Durante i primi tempi della pandemia, postare foto o video ammiccanti aveva ancora un senso, perché l’estate era abbastanza vicina e prometteva un momento di riscatto dai mesi di clausura. Ma ora non rimane più niente, solo conferenze per annunciare qualche nuova misura restrittiva e passeggiate tristi prima di cena per sfogare lo stress.

La monotonia del lockdown ha contaminato ogni aspetto della nostra vita. Olivia, che vive col suo compagno dal 2019, dice che i vari lockdown hanno cambiato tutte le dinamiche della loro relazione, in particolare nel sesso.

“Siamo diventati una coppia sposata stereotipata. Non mi dispiace del tutto—è bello coccolarsi e guardare film insieme,” dice. “Facciamo ancora sesso, tipo una volta alla settimana, ma è meno spontaneo. Prima capitava che lui mi facesse trovare la vasca pronta quando tornavo a casa, o che io gli mandassi una foto mentre era in ufficio—ma ora che siamo sempre insieme, queste cose non esistono più.”

Pubblicità

Per Loren è stato il coronavirus stesso a farla allontanare dal sesso. Dopo aver preso il COVID-19 l’anno scorso, ha iniziato a leggere studi sugli effetti sulla libido. “Erano sintomi leggeri, ma ho letto di gente che perdeva del tutto la libido, così mi sono spaventata,” racconta. “Non avevo istinti sessuali mentre ero malata, né mentre ero in convalescenza. Ero molto preoccupata che non sarei tornata come prima.”

Per fortuna, dice Loren, la libido è ricomparsa—ma c’era comunque il problema di vivere con i propri genitori durante una quarantena nazionale. “A casa mia i muri sono sottili, ci sono altre cinque persone e io ho un letto singolo. Era difficile [quando il mio ragazzo è stato qui per qualche mese] sentirsi liberi e a proprio agio con gente che passa davanti alla porta in continuazione. Dovevamo sempre aspettare notte fonda, che tutti dormissero.”

Per le persone single, poi, il discorso è ancora più complesso. Fare sesso con qualcuno che non vive insieme a te durante i lockdown era una palese trasgressione, ma l’allentamento delle misure non l’ha reso necessariamente più semplice; a un certo punto le istituzioni hanno provato a spiegare come fare sesso durante la pandemia, con regole come “non baciarsi, indossare una mascherina durante il sesso, preferire posizioni dove non si è faccia a faccia,” e lavarsi le mani prima e dopo il rapporto, a prescindere se con un convivente o no. Poi hanno raccomandato alle coppie “appena nate” di seguire le regole del distanziamento sociale, aggiungendo però che le persone “in relazioni stabili” potevano fare sesso normalmente.

Pubblicità

Phoebe è single, vive con la sua famiglia e pensa che il governo britannico avrebbe potuto riservare un pensiero in più alle tante persone nella sua situazione.

“Ho avuto rapporti sempre con la stessa persona tra giugno e ottobre,” spiega. “[Il governo] non considera chi ha una storia, solo chi convive. Penso che andare a casa uno dell’altro non avrebbe condizionato i tassi di infezione così tanto, a patto che le persone stessero comunque attente. Abbiamo bisogno di contatto umano e se vivi solo o coi tuoi genitori, resti senza.”

Phoebe non ha mai voluto trasgredire le regole del lockdown, e si è limitata a fare sexting con il ragazzo con cui usciva, che vive a sua volta a casa dei genitori. “Non è un granché, onestamente,” dice. “È soddisfacente per un po’, ma non è lo stesso, per cui ti sale di nuovo in fretta. La mia libido va e viene di suo, a seconda dell’umore, ma è decisamente diventata più forte al terzo lockdown.” 

Le varie quarantene e restrizioni hanno cambiato l’approccio della 28enne Jay al sesso e agli appuntamenti in generale. “Ad agosto 2020 ho fatto sesso con una persona con cui avevo avuto una relazione tempo prima,” dice. “Non è stata una buona idea, così ho deciso di dedicarmi ad altro, tipo la palestra. Ho fatto un voto di castità di un anno. È dura, perché sono arrapata da morire, ma mi sembra la cosa giusta da fare.”

Molte delle persone single con cui parlo dicono che è di tutto il contorno del sesso—l'attesa e l’intimità—che sentono di più la mancanza. Jade, che ha vissuto sempre sola durante la pandemia, è una di loro. “Mi manca l’attenzione,” dice. “Ero contenta di essere single, mi piaceva uscire vestita bene, mi sentivo bene con me stessa—ma ora sto sempre a casa, in tuta. Potrei cambiare questa situazione, ma di questi tempi faccio fatica persino a pettinarmi, onestamente.”

Per quanto riguarda Phoebe, il sesso non sarà l’unica cosa su cui concentrerà le sue energie quando le restrizioni saranno finalmente meno rigide. “Voglio vedere i miei amici e passare un sacco di tempo con loro, almeno tanto quanto voglio fare sesso.”