Salute

Cosa rispondere a chi insiste perché tu faccia pace con i tuoi genitori

Molti si ritrovano a tagliare i ponti con i genitori. Ecco come difendersi da tutti quelli che ti chiedono il perché.
9.12.20
chiudere i rapporti con i genitori
Illustrazione: Dillon Froelich

Che tu abbia tagliato del tutto i ponti con i tuoi genitori o che mantenga anche solo un po’ di distanza, uno degli aspetti più duri di un rapporto famigliare incrinato è dover avere a che fare con le opinioni altrui sull’argomento. Pieni di buone intenzioni, amici , partner, parenti esterni al conflitto, colleghi e conoscenti possono farti sentire come se la colpa della situazione fosse tutta tua, come se la responsabilità di ricucire i rapporti ricadesse esclusivamente su di te e se fossi solo tu ad avere qualcosa di sbagliato se la tua famiglia non è come le altre.

“Molti pensano ‘Ah, i giovani d’oggi sono troppo sensibili, troppo fragili’,” ha detto Lucy Blake, ricercatrice che studia il fenomeno della chiusura del rapporto tra membri della stessa famiglia. “Per la mia esperienza, parlando con persone che hanno attraversato questo processo, non si tratta di una decisione presa con leggerezza o superficialità.”

Dietro questa scelta possono esserci ragioni di vario tipo—anche pesanti, come abusi o violenza psicologica—e solo chi l’ha maturata la conosce a fondo. Fortunatamente, non c’è bisogno che gli altri capiscano o simpatizzino con la tua decisione; devi solo fare in modo che ti lascino in pace. Ecco allora alcune considerazioni da tenere a mente.

Troncare i rapporti con la famiglia non è una situazione così rara o eccezionale come pensi

“Quando pensiamo al rapporto tra genitori e figli adulti, è facile pensare che la norma sia un rapporto di vicinanza—supporto reciproco, contatti frequenti—ma secondo i sondaggi non è proprio così,” ha detto Blake. Uno studio condotto su studenti universitari ha rilevato che il 17 percento aveva disconosciuto almeno un parente stretto; un'ulteriore indagine su adulti più maturi ha rilevato che il 12 percento non aveva più contatti con i propri figli.

Per questo può essere un’ottima idea cercare una comunità al di là dei tuoi amici più stretti, consiglia Andrea Bonior, psicologa e autrice di Detox Your Thoughts: “Entra in un gruppo online o cerca risorse che ti possano aiutare a metterti in contatto con altri che hanno esperienze simili—perché se hai la sensazione che nessuno ti capisca rischi di sentirti molto peggio.” Per iniziare, esistono subreddit come r/EstrangedAdultChild o r/raisedbynarcissists, e libri come Adult Children of Emotionally Immature Parents possono darti sostegno e guida oltre a farti sentire meno solo o sola. 

Non devi per forza dire a tutti la verità sulla tua situazione famigliare disfunzionale

La chiusura dei rapporti con i genitori è una cosa molto complicata e non tutti hanno la preparazione emotiva o l’esperienza che servono per reagire con empatia. Bonior suggerisce caldamente di “scegliere molto attentamente con chi parlarne, perché non tutti sono in grado di ascoltare e fornire il sostegno che serve.” Hai un amico comprensivo che è sempre pronto a offrire una spalla su cui piangere? Diglielo pure. Ma l’altro amico che ha un punto di vista più reazionario o ama il gossip? Eh, magari non deve per forza saperlo. 

Naturalmente può essere difficile tenere nascosto questo aspetto. Per questo Bonior consiglia di tenersi una risposta pronta che “chiuda cordialmente la porta” ad amici meno stretti e colleghi. Una cosa tipo: “La mia famiglia è un po’ particolare” o “È una cosa di cui preferisco non parlare.” Se ti sembra una risposta un po’ troppo severa, in questo periodo di pandemia c’è sempre la scusa di non voler correre il rischio di infettarsi in viaggio e contagiare i parenti. Tutto quello che devi dire (tanto alla tua famiglia quanto a chiunque faccia domande) è che non ti senti a tuo agio a tornare a casa in questo momento.

Chiudere i rapporti con i genitori è una decisione dolorosa: ricorda che puoi chiedere aiuto

Anche i tuoi amici più empatici possono scivolare senza rendersene conto e mettersi a dare consigli o cercare di raccogliere informazioni e, nonostante lo facciano con le migliori intenzioni, a volte proprio non ti va di parlare della tua famiglia. 

Bonior dice che è una buona idea usare momenti come questo per comunicare senza mezzi termini una tua richiesta alle persone a cui vuoi bene. Magari vuoi solo avere lo spazio per sfogarti senza dover ascoltare che cosa farebbero loro al posto tuo. O magari vuoi parlare di letteralmente qualunque altra cosa. È difficile che qualcuno capisca esattamente di che cosa hai bisogno, specialmente perché i tuoi bisogni possono cambiare in un attimo quando hai a che fare con cose emotivamente così complicate. Parlare apertamente con le persone più vicine le aiuta ad aiutarti—e lo stesso vale per un percorso terapeutico.

Se non vogliono capire, stabilisci dei confini

Ci saranno momenti in cui persone meno vicine a te (come un collega) ti sottoporranno opinioni non richieste sulla tua separazione o faranno domande indiscrete, ignorando volutamente o meno i tuoi gentili tentativi di cambiare discorso.

“Trova il modo di tracciare un confine netto e mettere in chiaro con fermezza che i loro consigli su questo argomento non sono graditi e che parlandone ti feriscono,” ha detto Bonior. “Puoi usare il classico metodo di riferirti solo a te, per esempio: ‘io mi sento frustrato perché è una situazione complicata e trovo difficile e doloroso spiegartela’, oppure ‘io credo che questo sia il modo migliore di gestire la situazione.’” Puoi spiegare che questo conflitto riguarda te e non loro, che è più intricato e radicato di quanto possano comprendere e che, se insistono, dovrai tagliare i contatti anche con loro. E mettere in pratica ciò che dici.

Ricorda di prenderti cura di te

Anche se avessi un buon rapporto con la tua famiglia, sarebbe comunque importante fare uno sforzo extra per prenderti cura di te—oggi, durante la pandemia, più che mai.

Una cosa che può aiutare è il volontariato. “So che è una banalità, ma aiutare altre persone può farci sentire meglio, specialmente nel periodo delle festività,” ha detto Bonior. Come farlo rispettando il distanziamento sociale? Si può telefonare o scrivere a persone anziane sole, entrare in un gruppo di sostegno per gli studenti in difficoltà, consegnare la spesa a chi non può uscire, oppure donare a fondi di mutuo aiuto. 

Al di là di ciò, la cosa fondamentale è trovare più equilibrio possibile. “Dobbiamo dormire al meglio, muoverci, uscire di casa, prenderci un po’ di tempo ogni giorno per fermarci e apprezzare quello che abbiamo. Queste piccole cose possono essere importantissime nei periodi di maggiore stress,” ha aggiunto Bonior.