Pubblicità
Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
Tech by VICE

Come essere sicuri che il caso Aaron Swartz non si ripeta

Aaron Swartz si è suicidato l'anno scorso, proprio quando stava per essere condannato a trent'anni di carcere.

di David Segal
30 luglio 2014, 10:19am

Quest'estate uscirà il documentario The Internet's Own Boy (il documentario è visibile su Netflix) che rinfrescherà la memoria del pubblico sul triste destino del mio amico e co-fondatore di Demand Progress, l'attivista del web Aaron Swartz. Aaron si è suicidato proprio quando stava per essere condannato a trent'anni di carcere per aver scaricato troppi articoli accademici dalla biblioteca digitale JSTOR—pare abbia "hackerato" la rete del MIT, che notoriamente è aperta.

Era diventato una preda del sistema di giustizia criminale che recentemente ha perseguito legalmente, o ha cercato di perseguire, attivisti come Barrett Brown, Jeremy Hammond e Cecily MacMillan, o informatori come Thomas Drake, Chelsea Manning e Edward Snowden. E non dobbiamo dimenticare, ovviamente, che è lo stesso sistema che regolarmente fa incarcerare migliaia e migliaia di persone i cui nomi non fanno notizia e che non vengono diffusi su Twitter o altri canali o sulla rete ancora attiva di Occupy—che sono per lo più poveri o persone di colore. È un'incarnazione strutturale di razzismo.

Tutti questi fatti fanno parte di un problema spaventoso, all'apparenza irrisolvibile: 2,3 milioni di americani sono in carcere, ma si fa ben poco per revisionare le strutture in cui sono imprigionati. E non possiamo riporre le nostre speranze di un cambiamento in politici che non si assumono rischi e che hanno paura delle reazioni dei propri elettori e che a volte sono coinvolti in affari con le prigioni private. Possiamo fare fronte al problema affrontando coscienziosamente una nullificazione della giuria—magari riuscendo a far riorientare l'intero sistema giudiziario.

Qualche tempo fa mi trovavo al cineforum dopo la proiezione di The Internet's Own Boy, e qualcuno ha chiesto cosa possa fare attivamente un singolo individuo per far sì che ciò che è successo ad Aaron non succeda mai più.

Si tratta di una domanda molto frequente, dalla morte di Aaron. È un istinto naturale quello di voler dare un senso a una tragedia così apparentemente irrazionale. Ma solo adesso sono riuscito a formulare una risposta sensata, che non si fermi all'incoraggiare le persone a iscriversi a newsletter sull'attivismo del web o al chiedere di telefonare ai membri del Congresso. (Queste tattiche possono certamente essere importanti in certe circostanze, ma in campo politico possono essere determinanti solo se fanno parte di un'azione di massa).

Ecco la risposta: l'annullamento del verdetto della giuria. Spesso non ce ne rendiamo conto, ma ogni singolo cittadino americano ha una forma di potere in un piccolo angolo del sistema giudiziario del nostro Paese—e dobbiamo scegliere di usare questo potere. Dobbiamo politicizzare il processo della giuria incoraggiando il coscienzioso esercizio del diritto dei giurati ad annullare i procedimenti ingiusti. È semplice: un giurato ha il diritto di sospendere una giuria rifiutandosi di votare la condanna di un accusato che è perseguito per un crimine ingiusto, o il cui processo in qualche modo non è etico, anche nel caso in cui l'accusato abbia violato la legge.

Se un numero sufficiente di persone lo facesse potremmo mettere a repentaglio la stabilità del moderno sistema di giustizia criminale, e forzare la sua trasformazione di uno che sia legittimo e concentrato sul perseguimento della giustizia.

Michelle Alexander, autrice del libro The New Jim Crow riconosce che il sistema di giustizia americano è altamente influenzato: il suo funzionamento richiede che la pubblica accusa estorca alla difesa la rapida accettazione di un patteggiamento. Alexander sostiene che la difesa dovrebbe, in massa, smettere di accettare i patteggiamenti: "se tutti gli imputati incominciassero a esercitare i propri diritti costituzionali, non ci sarebbero abbastanza giudici, avvocati o celle per affrontare la conseguente ondata di processi."

"Cosa posso fare io, da individuo, per fare la differenza?" Puoi votare per assolvere, e quindi salvare una vita.

Ha totalmente ragione sulle probabili conseguenze di quest'atto: il sistema giudiziario come lo conosciamo cesserebbe di funzionare, e obbligherebbe a una nuova discussione sui suoi obiettivi, e a un uso più mirato—e, si spera, più virtuoso—delle risorse giudiziarie.

Il rimedio proposto da Alexander però—sostanzialmente, chiedere alla difesa di tentare, assieme, di provocare uno strappo nel sistema—pone l'accusato in uno scenario simile a quello del famoso Dilemma del Prigioniero, ma in una condizione ancora più precaria: piuttosto che confidare nell'altruismo del compagno, ogni accusato dovrebbe affidarsi alla magnanimità di migliaia di persone per essere sicuro che il risultato sia quello voluto. È un fardello troppo pesante per aspettarsi che qualcuno lo sopporti.

Un coscienzioso annullamento della giuria di massa indurrebbe ad avere il risultato voluto, e darebbe l'onere a coloro che non hanno niente da perdere—i giurati.

La prima reazione di molte persone che vengono chiamate a fare i giurati è trovare il modo per evitare di andarci. I motivi sono molteplici, a volte hanno semplicemente altro da fare, ma spesso non hanno voglia di sentirsi la piccola rotella di un ingranaggio pieno di pregiudizi. Ma questo atteggiamento è sbagliato: dovrebbero piuttosto attivamente battersi per essere selezionati (senza testimoniare il falso, ovviamente) per sovvertire i processi ingiusti.

Se anche solo il sei percento della popolazione si impegnasse a sostenere l'annullamento della giuria quando ce n'è bisogno, più della metà delle giurie da 12 persone includerebbe almeno un potenziale annullatore. Le possibilità che l'accusato non venga perseguito incentiverebbe il declino dei patteggiamenti (e le offerte di patteggiamento con termini migliori), ricerche più approfondite nell'ambito dei processi e in campo giudiziario, e come ultimo effetto un fondamentale riorientamento del sistema giudiziario che Alexander ricerca.

E anche se non riuscissimo a far sorgere un movimento così ampio da raggiungere i potenti effetti che deriverebbero dall'annullamento collettivo di massa, questa pratica fornisce una risposta soddisfacente a quella domanda che spesso ha una risposta elusiva: "cosa posso fare io, da individuo, per fare la differenza?" Puoi votare per assolvere, e quindi salvare una vita di una persona, o almeno per assicurare la sua sopravvivenza.

Vorrei respingere velocemente due obiezioni diffuse a questo argomento.

Alcuni sono contro l'annullamento della giuria perché in passato razzisti bianchi lo hanno usato per evitare di far incarcerare dei soggetti accusati di crimini d'odio. È vero, è successo, ma dei casi dove il pregiudizio razziale ha influenzato un verdetto può occuparsene il governo federale. L'annullamento è una tattica, e come molte tattiche può essere usata per fare del bene o per danneggiare gli altri. L'annullamento della giuria ha una storia documentata di servizio al bene comune; è stata usata per proteggere coloro che avevano violato il Fugitive Slave Act, per facilitare la fuga degli schiavi e per difendere degli imputati accusati di dichiarazioni sediziose; e viene usato anche oggi, silenziosamente, nelle comunità oppresse da leggi discriminanti sulle droghe e da altre perversioni del nostro sistema.

Per chiunque abbia questo tipo di preoccupazioni bisogna anche chiedersi quale sia la minaccia corrente più pesante per le minoranze: i crimini perpetrati da singoli uomini bianchi razzisti, o un sistema giudiziario strutturalmente razzista che ad oggi tiene in carcere più di un milione di persone di colore?

L'altra obiezione—sostenuta da coloro che hanno impulsi più autoritari—afferma che i giurati non possono essere lasciati liberi di compiere atti così determinanti, che mettono in dubbio la fondamentale giustizia di una legge o di un processo. Se sei un pubblico ministero o un poliziotto e ti trovi a fare questo tipo di pensieri, è ora di trovare un nuovo lavoro. Questo tipo di pensiero implica un'accusa più profonda al sistema giudiziario, la cui legittimità essenziale si basa sulla ragionevolezza delle persone comuni, e sulla loro abilità di distinguere i fatti dalla fantasia e il giusto dallo sbagliato.

La metà della popolazione americana crede che Snowden sia un eroe. Decine di milioni di persone sanno che le nostre leggi sugli stupefacenti sono razziste e crudeli, e riconoscono che molti crimini non sono altro che la proiezione superficiale della nostra struttura socioeconomica. La prosecuzione di Aaron è stata criticata da tutti. Se ci fosse la minaccia legittima che ci sono giurati con queste convinzioni e che sceglierebbero di agire in base a esse, forse a Snowden verrebbe offerto un patteggiamento favorevole (o forse sceglierebbe di tornare nel suo paese); forse le migliaia di persone senza nome non continuerebbero a finire in prigione ingiustamente; e forse Aaron sarebbe ancora con noi.

Quindi vi supplico: annullate, se siete in una giuria è la cosa giusta da fare. È un modo per attaccare il nostro sistema giudiziario di cui Aaron sarebbe fiero.