FYI.

This story is over 5 years old.

Attualità

Arrestato lo youtuber spagnolo che pubblicava tutorial per fabbricare armi ed esplosivi

La polizia spagnola ha arrestato un uomo che insegnava a fabbricare qualsiasi tipo di arma tramite dei video postati sui social network.
22.2.16
Immagine fornita dalla Policía Nacional spagnola

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Lanciagranate artigianali, balestre metalliche, pistole elettriche e diversi gadget per la costruzione di armi, alcune delle quali progettate per passare inosservate attraverso i sistemi di sicurezza negli aeroporti, nelle stazioni e alle frontiere spagnole.

E questa è solo una parte dell'intero arsenale ritrovato perquisendo l'abitazione di un uomo spagnolo di mezza età, che insegnava a fabbricare armi attraverso i social media — soprattutto Youtube.

Pubblicità

L'uomo è stato arrestato dalla Polizia Nazionale spagnola la settimana scorsa a Marmolejo, in Andalusia. Le forze dell'ordine hanno sequestrato lame invisibili ai sistemi di sicurezza, una pentola a pressione, quattro archi metallici, un fucile finto e diversi documenti, incluse alcune informazioni sulle misure di sicurezza della recinzione che separa Spagna e Marocco.

I suoi video erano in arabo e, talvolta, erano presentati da giovani di origine magrebina, uno dei quali è stato arrestato nella stessa operazione. L'uomo che ha prodotto questi video, e che è anche il proprietario dell'arsenale sequestrato, era già stato arrestato nel 2013 per le stesse ragioni. Stavolta è accusato di fabbricazione, detenzione, traffico e stoccaggio di armi e munizioni per esplosivi.

Leggi anche: Quanto è facile comprare illegalmente una pistola in Italia

In Spagna, anche se la produzione di questi video non è un reato in sé, il possesso illegale di armi o la fabbricazione di elementi che possono essere utilizzati come armi da fuoco senza autorizzazione lo sono, e sono punibili con pene dai sei mesi ai cinque anni di carcere.

Secondo la Polizia Nazionale, la pubblicazione di tutorial online dedicati al montaggio, alla modifica o alla fabbricazione di armi da fuoco è sempre più frequente. Ma stando a una fonte della polizia specializzata in crimini telematici consultata da VICE News, i più pericolosi sono i giovani che hanno una rete sociale precaria e cercano di legittimare atti terroristici o acquisire notorietà in rete.

Pubblicità

"Su internet ci sono tutti i tipi di tutorial per fabbricare bombe e fucili, anche se il grosso delle informazioni sensibili si trova nel deep web," ha detto l'agente.

È nel deep web, dove i contenuti non sono indicizzati dai principali motori di ricerca, che avviene la maggior parte delle vendite di armi o prodotti illegali, come ad esempio materiale pornografico infantile.

In questo caso, gli arresti sono il risultato di una denuncia inviata via e-mail alla polizia spagnola, e del lavoro attuato dalle forze di sicurezza iberiche grazie al Sistema Integrato per l'Intercettazione delle Comunicazioni Elettroniche [sviluppato 16 anni fa da Ericsson per il governo, ha la capacità di intercettare tutti i telefoni attivi in Spagna, e allo stesso tempo può identificare gli interlocutori di una conversazione e il punto geografico in cui si incontrano] e dalle unità della Polizia Nazionale e della Guardia Civile specializzati in questo tipo di ricerca sulla rete.

Le forze di sicurezza possono accedere, previa autorizzazione da parte dei giudici, non solo ai dati personali di un account su un social network, ma anche all'indirizzo IP — il numero a cui è associato un computer quando viene connesso a una rete e che è sempre collegato a un numero di telefono e, quindi, a un contratto nominativo.

Secondo la fonte di VICE News esperta di crimini online, si è di fronte a un problema quando chi produce questi video li pubblica su siti web con server ospitati in paesi governati da regimi opachi o dittatoriali, come l'Iran. In questi casi, dice, nemmeno le attrezzature specializzate possono accedere alle informazioni necessarie per individuarli.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Segui Maria Altimira su Twitter: @MariaAltimira